Gli viene rubato il cellulare mentre passa davanti al metal detector all’aeroporto di Caselle

Certo, poche persone si aspetterebbero che i loro telefoni cellulari vengano rubati al metal detector dell’aeroporto di fronte a tutte le guardie di sicurezza che fanno il controllo dei bagagli. Eppure è quello che è successo venerdì scorso al figlio di Marco Di Simone all’aeroporto di Caselle. Secondo Di Simone, il figlio avrebbe dovuto imbarcarsi sul volo delle 18:20 per Catania. Arrivato al metal detector dell’aeroporto, ha posizionato il carrello, lo zaino e l’iPhone negli appositi contenitori sul nastro trasportatore prima di attraversare l’arco magnetico. Tuttavia, è dovuto tornare indietro per rimuovere un braccialetto. Dopo aver superato il metal detector, si è accorto che non c’era più nessun cellulare nei contenitori. “Con il mio cellulare abbiamo potuto individuare la posizione di mio figlio – racconta Di Simone – Era vicino alle porte. Tuttavia, non potendo accedere all’area passeggeri, non abbiamo potuto fare a meno di rassegnarci e dopo 15 minuti il ​​cellulare si è spento”.

Il furto è stato segnalato alla polizia che ora sta visionando i filmati di sicurezza nel tentativo di localizzare il ladro spericolato. “Non c’è stata tratta di persone tale da giustificare una simile mancanza e una simile svista da parte del personale di sorveglianza”, spiega Di Simone.

READ  Vaccino AstraZeneca prima dei 55 anni, ma in programma di essere inventato (a chi andranno le dosi?)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *