Governo vuole contrastare gli aiuti ai giovani: sistema “insostenibile” pieno di “cattivi incentivi” | ADESSO

Il sostegno ai giovani ha bisogno di una profonda revisione. Questo emerge da una lettera di 31 pagine che il Segretario di Stato Maarten van Ooijen (Youth Care) ha inviato alla Camera dei Rappresentanti alla fine della scorsa settimana. Oggi ne discuterà con il Parlamento. Cosa vuole cambiare il governo?

Ci sono tutti “cattivi incentivi nel sistema”, ha scritto Van Ooijen alla Camera. “Dobbiamo sbarazzarci di questo”.

Uno di questi cattivi incentivi, secondo il ministro, è che “sempre più soldi, tempo ed energie vengono spesi per forme di aiuto più leggere, quando tutti ne abbiamo un disperato bisogno per prenderci cura dei bambini più vulnerabili”.

Il cambio di rotta non avviene dall’oggi al domani e non viene da Van Ooijen solo: si basa su diversi studi, segnalazioni e consigli. Si affida principalmente ai consigli del cosiddetto Comitato degli Anziani.

Questo parere del giugno dello scorso anno afferma, tra l’altro, che i comuni dovrebbero ricevere ulteriori 1,9 miliardi di euro dal governo per implementare meglio gli aiuti ai giovani. Anche il sostegno ai giovani deve essere rivisto per rendere il sistema di sostegno ai giovani migliore e più sostenibile, anche a lungo termine.

Che cos’è il sostegno ai giovani?

  • Il sostegno ai giovani è un termine collettivo per il sostegno ai giovani, la protezione dei giovani e la riabilitazione dei giovani.
  • L’assistenza giovanile è l’assistenza ai bambini con problemi psicologici o disabilità intellettive. Gli alimenti sono coperti anche dall’assistenza ai giovani.
  • La protezione dell’infanzia è sempre imposta dal tribunale per i minorenni ed è dispiegata con la forza quando è minacciato lo sviluppo sano e sicuro di un bambino. Un collocamento fuori casa è, ad esempio, una misura di protezione dei giovani.
  • La libertà vigilata minorile può essere imposta se un giovane è entrato in contatto con la polizia.
READ  Suggerimento: verifica con la banca prima di trasferire denaro in Russia

Il fatto che la sostenibilità sia sotto pressione deriva, tra l’altro, dal maggiore ricorso all’assistenza ai giovani. Nel 2021, 1 giovane su 7 ha ricevuto una qualche forma di sostegno giovanile, secondo i dati di Statistics Netherlands. Nel 2015 era 1 su 10 e nel 1997 circa 1 su 27.

“I bambini e i giovani che devono affrontare i problemi più complessi e i giovani con disabilità o condizione permanente spesso sembrano ricevere il minimo aiuto”, afferma Van Ooijen. “Rischiano di impantanarsi in un sistema in cui prosperano gli aiuti leggeri”.

Nonostante i problemi, sempre più soldi andranno all’assistenza sanitaria. “Insostenibile”, scrive Van Ooijen, ed è così che propone i suoi cosiddetti “cinque principi guida”:

Prendersi cura dei più vulnerabili

I giovani con problemi complessi e i giovani con disabilità o condizione permanente vengono inviati da un pilastro all’altro, scrive Van Ooijen. Ciò riguarda, ad esempio, i giovani con un disturbo alimentare, una condizione cronica o una misura di protezione dei giovani. Spesso finiscono in lista d’attesa o non ricevono un aiuto adeguato.

“Questo è, ad esempio, perché sono state acquistate cure adeguate per loro insufficienti o perché le parti non collaborano abbastanza tra loro per arrivare a una buona soluzione per loro”, scrive Van Ooijen. Chiede quindi un maggiore controllo da parte del governo.

Ridurre l’uso non necessario dell’assistenza ai giovani

Oggigiorno è meno probabile che il comportamento “ordinario” sia considerato “normale”. Questo porta a “ricorrere inutilmente all’assistenza giovanile”, scrive Van Ooijen.

È quindi necessario chiarire cosa è e cosa non è coperto dall’assistenza ai giovani. Il governo vuole “rafforzarlo”.

Meno forze di mercato

“Gli aiuti ai giovani dovrebbero riguardare aiutare i bambini, non massimizzare i profitti”, scrive Van Ooijen a sostegno della sua richiesta di ridurre le forze di mercato.

READ  Ita Airways, Msc e Lufthansa si contendono la maggioranza - Corriere.it

Gli “incentivi perversi” come l’uso non necessario del sostegno ai giovani e i tempi di trattamento eccessivamente lunghi dovrebbero essere rimossi. L’azienda vuole quindi il massimo profitto e regole più rigorose nell’acquisto dell’assistenza sanitaria.

Ciò che funziona nell’animazione socioeducativa non è sempre chiaro e le conoscenze esistenti non vengono utilizzate a sufficienza. Pertanto, le cure “dimostrate inefficaci” sono escluse. I trattamenti che non si sono dimostrati efficaci vengono ulteriormente studiati.

Un cosiddetto “quartiere maestro” deve mapparlo.

Attenzione anche alla povertà

La causa dei problemi dei bambini risiede spesso in alloggi poveri, debiti, povertà, problemi di abuso di sostanze o disabilità intellettiva dei genitori o problemi di relazione tra i genitori.

“Il sostegno ai giovani non è sempre la risposta giusta alle domande della famiglia”, scrive Van Ooijen. Per questo l’attenzione è rivolta anche ai problemi della povertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.