Grande folla alle pompe funebri: “Non è più uno sprint, è una maratona” |  interno

Grande folla alle pompe funebri: “Non è più uno sprint, è una maratona” | interno

Le pompe funebri sono state molto più impegnate del solito per mesi, senza una chiara spiegazione per questo. “Siamo in quinta marcia, non è più uno sprint, è una maratona”, afferma Martijn van de Koolwijk di DELA, il più grande becchino dei Paesi Bassi.

DELA normalmente riceve da 100 a 120 segnalazioni di morte ogni giorno. “Ultimamente, siamo stati spesso al massimo o al di sopra di quella gamma. Va avanti da diversi mesi ormai, va avanti da molto tempo”, dice Van de Koolwijk.

Non ha alcuna spiegazione per il tasso di mortalità più elevato. Le pompe funebri non hanno idea delle cause della morte per motivi di riservatezza. Secondo il portavoce del Dela, le pompe funebri possono ancora gestire le folle: “Non è vero che non rispettiamo i termini legali per definizione”. Questo è il tempo entro il quale il funerale deve aver avuto luogo dopo la morte.

DELA conduce più di 30.000 funerali all’anno in quaranta siti in tutto il paese.

Monti

Anche l’impresa di pompe funebri Monuta dice di essere “piuttosto impegnato”. Una portavoce sottolinea che l’azienda può gestirlo bene. “Puoi vedere che ci sono molte persone al momento. Quello che abbiamo anche visto è che normalmente in estate il numero di morti è leggermente diminuito ed è rimasto un po’ lo stesso quest’estate. Quindi eravamo un po’ più affollato in estate.

Secondo il Central Bureau of Statistics (CBS), muoiono più persone del previsto da mesi. Ad ottobre, ad esempio, il cosiddetto eccesso di mortalità era del 16%. In totale, quasi 1.800 persone sono morte più del previsto, comprese 1.000 persone vulnerabili, come residenti di case di cura o istituti di cura per disabili. L’ufficio di statistica non può fornire la causa degli ulteriori decessi.

READ  American Airlines, i passeggeri rifiutano la mascherina? E l'aereo non parte fino al giorno dopo - Libero Quotidiano

Potrebbe trattarsi di decessi per corona non registrati, aumento del rischio di mortalità per un periodo più lungo dopo l’infezione da virus, ma anche decessi dovuti a cure ritardate o caldo estivo estremo.

Corona

Questa è già la seconda volta in breve tempo che l’elevata mortalità in eccesso solleva interrogativi. La prima volta è stata durante la pandemia della corona del 2020 e del 2021. I tassi di mortalità erano quindi superiori al bilancio ufficiale delle vittime della corona del RIVM. CBS e RIVM hanno fatto delle ricerche, ma non è stato in grado di spiegare 3.500 degli oltre 11.300 decessi aggiuntivi nell’ultima metà del 2021. La Camera dei Rappresentanti non ne era contenta. In parte su iniziativa del deputato Pieter Omtzigt, è stato nominato un think tank per condurre una ricerca indipendente sull’eccesso di mortalità.

Tuttavia, il problema è che il gruppo della cassa di risonanza non può accedere a tutti i dati a causa delle regole di riservatezza, l’annuncio rivelato a settembre. Ad esempio, i risultati del test corona del GGD e i dati sulle vaccinazioni del RIVM non sono resi disponibili per l’analisi e la ricerca da parte di soggetti esterni. Pertanto, non è possibile determinare se le vaccinazioni abbiano un ruolo, come alcuni credono. “Non vedo troppe ragioni per questo, ma dovresti essere in grado di ricercarlo”, ha affermato Robert Verheij, leader del programma e professore di trasparenza nell’assistenza sanitaria. “Ora non possiamo farlo perché molti dati non possono essere condivisi”.

con facoltà indebolite

In ogni caso, Statistics Netherlands indica che la corona è stata la causa della morte per il 3,5% dei decessi fino al secondo trimestre di quest’anno. Tuttavia, l’eccesso di mortalità durante questi mesi è stato superiore a quello che potrebbe essere spiegato dal solo virus. Il mese scorso, il ricercatore della CBS Ruben van Gaalen ha affermato che un’altra possibile ragione per l’eccesso di mortalità nel secondo trimestre potrebbe essere che le persone che hanno contratto il corona virus prima e si sono riprese sono state indebolite e quindi sono morte qualcos’altro in seguito.

READ  L'inflazione scende bruscamente al 4,4%, il dato più basso da diciotto mesi

Un’altra spiegazione potrebbe essere che persone che sarebbero morte “normalmente” in inverno, ad esempio per un’infezione, hanno continuato a vivere perché si sono protette di più a causa della pandemia. Possono quindi morire più tardi. Secondo Van Gaalen, questa ipotesi è difficile da provare, ma “è uno schema che riconosciamo nelle grandi epidemie”.

Staccarsi

Nel complesso, rimane un’ipotesi sulle cause esatte, afferma il professore di trasparenza nella sanità Robert Verheij. “È dovuto principalmente al ritardo nelle cure, in quali fasce di età gioca di più la mortalità? Sono principalmente persone con condizioni mediche di base? disse Verhey. “Solo quando avremo più informazioni potremo tornare indietro e dare un’occhiata più da vicino a quali sono le tendenze”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *