Guardo le questioni economiche con grande sorpresa – Opinion Han de Jong

Guardo le questioni economiche con grande sorpresa – Opinion Han de Jong



Shutterstock


Opinione Hans de Jong



Oggi 15:50

La Cina si sta allontanando da zero-covid e sta intraprendendo un viaggio. Un commissario europeo italiano (!) ci fa lezione sulla nostra politica di bilancio, mentre penso che l’Italia si stia avviando verso una crisi finanziaria. Ciò porterà a una nuova crisi dell’euro. Una tassa sulla CO2 è inappropriata ai prezzi esorbitanti di oggi. Klaas Knot, presidente della De Nederlandsche Bank (DNB), vuole calmare l’economia, che è già sull’orlo di una recessione. Knot pensa anche che i datori di lavoro dovrebbero compensare il dolore energetico dei dipendenti. La mia pressione sanguigna sta aumentando pericolosamente a causa di tutto questo, ma ci sono anche delle ottime notizie dell’ultima ora.

Questo è il mio ultimo commento settimanale dell’anno. Ecco perché questo testo è un po’ “diverso dal solito”. Nessuna considerazione del ciclo economico con i grafici di supporto. Invece, una serie di sospiri. Forse sono solo io, ma vedo sempre più cose in cui penso, ‘Com’è possibile’, o ‘dove diavolo l’hanno preso da?’

Prima che me ne dimentichi, vorrei ringraziare tutti i lettori dei miei articoli per il loro interesse e auguro a tutti un Buon Natale e un felice anno nuovo 2023!

Grande sorpresa dell’apertura della Cina
È con grande sorpresa che vedo come i cinesi stiano improvvisamente aprendo completamente la società dopo aver seguito per anni una politica zero-covid. Questa politica zero covid ha portato a confinamenti molto frequenti e molto severi. A causa della scarsa efficacia del vaccino utilizzato, è inevitabile che il numero di infezioni e decessi aumenti notevolmente ora che la società si è aperta. È un mistero per me come i responsabili delle decisioni gestiranno questo. Le frequenti chiusure hanno gravemente danneggiato l’economia. Non riesco a immaginare che un’esplosione di contagi e decessi vada molto più favorevolmente. Tra un mese sarà il capodanno cinese e qualche centinaio di milioni di cinesi vorranno viaggiare. Il virus lo sta già aspettando con impazienza. Potrebbe essere che il virus muti e ci siano variazioni che i nostri vaccini non possono affrontare?

Tendo a pensare: “Il commissario europeo deve dirlo”

Grande sorpresa dal corso di italiano
Ho letto con grande sorpresa come il commissario europeo Gentiloni (un italiano, per intenderci…) fa la ramanzina all’Olanda a causa della nostra politica di bilancio troppo permissiva. Secondo lui, la politica fiscale accomodante aggrava l’inflazione. Di per sé può avere ragione e non è il primo e non certo l’unico a esprimere questa critica. Ma nessuno può quantificare con precisione l’effetto sull’inflazione, quindi di cosa stiamo parlando esattamente? Anche la nostra economia è molto aperta. Un impulso alla spesa che può derivare da una politica fiscale troppo generosa si disperde quindi in gran parte all’estero. Inoltre, tendo a pensare: “Questo deve dirlo il commissario europeo”. L’anno scorso è stato lanciato il programma NextGenerationEU, che mira ad aiutare l’economia dell’UE a riprendersi dalla pandemia. Si tratta di un programma pluriennale e comporta ingenti somme (800 miliardi di euro o più). I siti della Commissione europea dichiarano con orgoglio che si tratta del “più grande pacchetto di ripresa mai realizzato”. Se Gentiloni è così preoccupato per il surriscaldamento dell’economia, direi che la Commissione dovrebbe eliminare questo programma.

READ  Atalanta, che spettacolo. Goal poker anche nella Lazio

Grande sorpresa per quanto riguarda l’advocacy per un fondo paneuropeo
Sono molto sorpreso di leggere che Gentiloni chiede un nuovo fondo europeo per aiutare l’UE ad adattarsi e riprendersi dagli alti prezzi dell’energia. Come continuazione del programma NextGenerationEU, il commissario europeo sostiene che devono essere raccolti fondi comuni anche per il nuovo programma e che il prestito è consentito. I Paesi Bassi hanno accettato le dimensioni e il prestito del programma NextGenerationEU con una certa riluttanza in quanto si tratterebbe di un esercizio una tantum. Sono passati nemmeno due anni e bussano di nuovo alla porta.

Penso che l’Italia sia il grosso problema qui. Il paese ha un debito pubblico di circa il 150% del PIL. I tassi di interesse sui titoli di stato italiani quest’anno sono saliti di circa 3 punti percentuali. Ciò alla fine costerà al governo italiano il 4,5% del PIL in ulteriori oneri per interessi. Il deficit di bilancio dell’Italia quest’anno è di poco inferiore al 6% del PIL. Saranno necessari tagli significativi per portare questa situazione sotto controllo. Non devi essere Einstein per prevedere che qui sorgeranno grossi problemi.

Non vedo come il Paese possa evitare una crisi finanziaria, e quindi non vedo come si possa evitare un’altra crisi dell’euro, anche se probabilmente ci vorrà del tempo. La BCE può ovviamente venire in aiuto dell’Italia e anche il piano di Gentiloni aiuterebbe. Ma non credo che ci sia abbastanza supporto per estendere i problemi fiscali dell’Italia a tutti gli altri paesi dell’Eurozona. Temo che alla fine non solo l’euro ma anche l’UE nella sua forma attuale saranno sotto pressione.

Grande sorpresa per quanto riguarda il price cap dell’energia
Sono molto sorpreso di leggere che Gentiloni ritiene anche che il nostro prezzo massimo per il gas e l’illuminazione riduca l’incentivo al risparmio energetico. Certo, ha un po’ ragione. Ma guarda i fatti. Il mio contratto energia dura fino a fine marzo 2023. Pago 14 centesimi per la luce e 77 centesimi per il gas. Sotto il prezzo massimo si passa a 40 centesimi e 1,45 euro. Ok, quindi c’è davvero ancora un incentivo a risparmiare. Bene, se vuoi massimizzare l’incentivo al risparmio, devi rendere l’energia inaccessibile…

READ  vaccini e revisione del recupero

Grande sorpresa per la discussione sulla tassa sulla CO2
Con grande sorpresa ho letto la discussione tra economisti (e non economisti) sull’introduzione di una tassa sulla CO2. L’emissione di CO2 comporta costi sociali. La produzione e la distribuzione di ogni prodotto, infatti, genera emissioni di CO2. Questo è ciò che gli economisti chiamano un “effetto esterno”. Questi costi devono essere inclusi nel prezzo con una tassa per confrontare gli utenti di un prodotto con questi costi sociali in modo che il consumo delle cose che emettono più CO2 diminuisca. Penso che siano le tipiche chiacchiere della Torre d’Avorio. Innanzitutto, paghiamo già varie tasse. Ho guardato di nuovo la mia bolletta energetica. Certo, pago prezzi molto bassi per gli standard odierni. Ma due terzi di quello che pago per il gas sono già tasse: “tassa sull’energia” e “supplemento per l’energia sostenibile e la transizione climatica”. Una nuova carbon tax cambierà radicalmente il mio comportamento?

Vuoi davvero aumentare questa sofferenza? Davvero non capisco affatto

Un’altra, e di fatto più importante, obiezione che ho all’introduzione di una tassa sul CO2 ora è che i prezzi dell’energia sono già aumentati in modo folle. L’idea di includere i costi sociali nel prezzo attraverso un prelievo presuppone che il prezzo base sia la somma dei costi di produzione, trasporto e distribuzione più un ragionevole margine di profitto. La realtà è molto diversa. L’attuale prezzo del gas in Europa è ben al di sopra del “costo ragionevole più beneficio”. Poiché l’aumento si sta diffondendo ovunque e l’inflazione è ai massimi livelli, la sofferenza delle famiglie è già grande. Vuoi davvero aumentare questa sofferenza? Davvero non capisco affatto.

Grande sorpresa per il capo della DNB Klaas Knot
Con grande sorpresa, ho letto sul giornale un’intervista con il capo della DNB Klaas Knot, in cui afferma che gli aumenti dei tassi di interesse della BCE mirano a raffreddare l’economia per portare l’inflazione. Nel 2022 inoltrato, la BCE ha sostenuto che gli aumenti dei tassi di interesse erano inappropriati perché l’inflazione derivava da problemi dal lato dell’offerta dell’economia. I rialzi dei tassi di interesse incidono principalmente sul lato della domanda dell’economia. L’ho controllato. Nei cinque trimestri dal secondo trimestre dello scorso anno al secondo trimestre di quest’anno, l’economia dell’area dell’euro è cresciuta in media dell’1,2% a trimestre, con l’economia olandese che cresce addirittura in media dell’1,8%.

READ  Effetto green pass sui vaccini, prenotazioni previo avviso obbligatorio

La crescita ora si è fermata. Nel terzo trimestre, l’economia della zona euro è cresciuta solo dello 0,3% e quella dei Paesi Bassi si è addirittura contratta dello 0,2%. il Capo economista di DNB ha dichiarato la scorsa settimana che la nostra economia sta superando una recessione, ipotizzando una leggera contrazione nel terzo e quarto trimestre di quest’anno e nel primo trimestre del prossimo anno. Non lo capisco. Quando l’economia è cresciuta selvaggiamente e l’inflazione è aumentata, la BCE non ha visto alcun motivo per frenare quella crescita e ora che la crescita è svanita, l’economia deve improvvisamente raffreddarsi.

Grande sorpresa per la richiesta di Knot di salari più alti
Sono molto sorpreso di leggere che anche il capo della DNB, Knot, pensa che le aziende dovrebbero aumentare di più i salari. Questa intervista indica anche che i datori di lavoro dovrebbero risarcire i dipendenti per il dolore energetico, non il governo. Secondo Knot, le aziende hanno abbastanza grasso sulle ossa per farlo. Cado dalla sedia. Tale affermazione ignora completamente il fatto che la posizione può differire in modo significativo da azienda a azienda. E ad essere onesto, tendo anche a pensare che l’alto prezzo del gas in Europa non sia stato causato dai datori di lavoro, ma dalla sconsiderata politica energetica del governo nel corso degli anni. Bene! Per anni il governo ha perseguito una politica energetica che – certamente, anche a causa di eventi imprevisti, in questo caso la guerra – ha portato a un catastrofico aumento dei prezzi dell’energia in Europa. Poi uno spietato ministro delle finanze grida che purtroppo stiamo diventando tutti un po’ più poveri e il presidente della banca centrale pensa che i datori di lavoro dovrebbero sopportarne le conseguenze…

È davvero ora che mi riposi… Tutto questo fa male alla mia pressione sanguigna, molto male…

Buone notizie
Tuttavia, concludo con una buona notizia. Il prezzo del gas europeo è in forte calo. Mentre scrivo vedo 85€/MWh. Ovviamente, è ancora da quattro a cinque volte il prezzo pre-pandemia, ma il 75% al ​​di sotto del massimo di agosto. Alleluia! Ti lascerò togliere il tappo da una bottiglia di bollicine. Saluti!

farmerbusiness.nl

Hans de Jong

Han de Jong è un ex capo economista presso ABN Amro e ora economista interno presso BNR Nieuwsradio, tra gli altri. I suoi commenti possono essere trovati anche su Crystalcleareconomics.nl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *