Guida a un Mondiale eccezionale

Guida a un Mondiale eccezionale

Due anni dopo la prima Coppa del Mondo del 1930, al Congresso FIFA di Stoccolma fu presa una decisione importante. Non è più una città, è un intero Paese che deve occuparsi dell’organizzazione dei Mondiali di calcio. L’Europa gemeva sotto la crisi economica e la World Football Association cercava un paese disposto a sostenere i costi di un torneo finale con sedici partecipanti. La scelta cadde sull’Italia di Benito Mussolini, che aveva fornito garanzie finanziarie. La Federcalcio italiana si è impegnata a “portare il peso della Coppa del Mondo” e ad “ospitare il torneo nei teatri di otto prospere città italiane, tutte dotate di bellissimi stadi moderni”.

88 anni dopo, i Mondiali tornano ancora una volta in una città. Tutti e otto gli stadi si trovano dentro o intorno alla capitale del Qatar, Doha. 25 dei 32 partecipanti hanno scelto il loro campo base. Un sovrano assoluto eletto in modo non democratico garantisce finanziariamente il torneo. L’emiro del Qatar ha investito 200 miliardi di dollari in opere infrastrutturali e altri servizi, secondo stime prudenti. Per fare un confronto: la precedente Coppa del Mondo in Russia è costata meno di 12 miliardi, la Coppa del Mondo in Brasile 15 miliardi.

Chi sono gli avversari dei Red Devils? E in quali templi del calcio si giocheranno successivamente? Leggilo nella nostra guida ai Mondiali

‘Il migliore’

La 22a Coppa del Mondo FIFA è eccezionale sotto ogni aspetto. Per la prima volta, la Coppa del Mondo si svolgerà durante il periodo invernale dell’emisfero settentrionale. La maggior parte dei calciatori inizia il torneo fresco e carico perché non sente ancora la fatica di una lunga stagione di club.

Il presidente della Fifa Gianni Infantino la pensa ancora come i suoi predecessori: grande, grande, grande. La ricerca del profitto sembra essere al di sopra di altri principi

Grazie alla compattezza del Paese, all’eccellente qualità delle infrastrutture e degli stadi e alla forma fisica dei giocatori, i Mondiali in Qatar hanno il potenziale per essere “il miglior calcio di sempre”. L’allenatore della nazionale belga Roberto Martínez ha usato queste parole durante il sorteggio per la fase finale. Inoltre, nessun favorito si distingue. Il Belgio era il numero 1 del mondo fino allo scorso anno, ma ha dovuto cedere questo posto al Brasile. In lizza per il titolo mondiale anche Argentina, Francia, Spagna e Germania, mentre solo l’Italia si perde tra le grandi nazioni calcistiche.

READ  Le donne di pallavolo perdono contro l'Italia ai Mondiali

Analisi | I nostri falsi boicottaggi simbolici contro il Qatar sono difficili da sopportare perché sono così ipocriti

I cinque paesi africani sono guidati da cinque allenatori nazionali africani. È la prima volta dalla decolonizzazione nel 1960. Anche altre nazioni calcistiche meno tradizionali, come il primo avversario del Belgio ai Mondiali, il Canada, iniziano il torneo con ambizioni. Il Galles partecipa a una Coppa del Mondo per la prima volta dal 1958 e ha avuto la fortuna di trovare l’Inghilterra nel proprio girone. USA-Iran è un altro particolare duello nello stesso girone.

Lo sport è politico

Ci sono molte storie di benessere in questa Coppa del Mondo, ma l’emiro del Qatar Tamim bin Hamad Al Thani e il presidente della Fifa Gianni Infantino avevano ancora la coscienza sporca in vista del torneo. In interviste e discorsi, entrambi hanno espresso la loro ostilità nei confronti della stampa occidentale e dell’opinione pubblica, preoccupata per i diritti umani e lo sfruttamento. Il presidente francese Emmanuel Macron si è unito a questo discorso, chiedendo di “non mescolare lo sport con la politica”.

Come ciò sia possibile nella pratica è una grande domanda. Lo sport è politico ed è proprio per questo che il Qatar ha portato i Mondiali nel Golfo Persico. Il paese ricco di petrolio e gas ha scelto la Coppa del Mondo per mostrare la sua bella facciata. Nel frattempo è arrivato alla sconvolgente scoperta che il mondo è interessato anche ai lati e ai dorsi.

Gianni Infantino, l’uomo più potente del calcio, sta andando per la sua strada

Anche la World Football Association Fifa ha fallito ai Mondiali. Il fatto che il presidente Gianni Infantino abbia impartito lezioni morali all'”Occidente” alla vigilia della partita inaugurale sottolinea il fallimento della sua leadership. Infantino pensa ancora come i suoi predecessori Sepp Blatter e João Havelange: grande, più grande, grande. Vuole ancora aumentare il numero dei partecipanti ai Mondiali, da 32 a 48. La ricerca del profitto sembra essere al di sopra di altri principi. Il fatto che lo svizzero italiano si sia stabilito a Doha con la sua famiglia non aiuta ad assumere un ruolo neutrale in questo Mondiale.

READ  Torino, Nicola: "Non siamo ancora soddisfatti della classifica"

Un altro modo

Tuttavia, un altro modo è possibile. Il presidente della FA Lise Klaveness ha ritenuto responsabile il paese ospitante otto mesi fa in occasione di un congresso FIFA a Doha. Il 41enne avvocato ed ex calciatore professionista ha parlato di ciò che non va in Qatar: la costruzione di stadi è costata vite – anche se i numeri sono discutibili – e la mancanza di diritti umani fondamentali – Amnesty International ne elenca sei nel suo ultimo rapporto sul Qatar. Klaveness è già provvisoriamente offerto come potenziale presidente della UEFA qua e là. Se eletta, è probabile che affronti il ​​presidente della FIFA Infantino. In linea con Havelange e Blatter, intende aggiungere alcuni termini aggiuntivi.

La presidente della federazione norvegese, Lise Klaveness, dimostra che è possibile un percorso diverso da quello di Infantino. isopix

Attaccando “l’Occidente” nel suo discorso, Gianni Infantino sta dividendo la sua stessa organizzazione. Il Mondiale in Qatar si gioca a una svolta. Quale eredità durerà più a lungo? Quello del Qatar, che voleva mettersi sulla mappa del mondo con una moglie ambita? O quelli dei predecessori per più uguaglianza e meno discriminazioni nel calcio?

Il Qatar ha voluto mostrare la sua bella facciata. Nel frattempo è arrivato alla sconvolgente scoperta che il mondo è interessato anche ai lati e ai dorsi

“Quando la palla rotola”, si augurano i leader del calcio, “tutti potranno tornare a parlare di calcio”. Ma questo non toglie che si possa segnare un punto prima del torneo. Questa guida alla Coppa del Mondo FIFA Lo standard fa entrambe le cose, fornendo informazioni e contesto su cosa accadrà in campo e cosa è successo fuori.

READ  Atalanta-Napoli 3-1, gol di Zapata, Pessina (doppietta) e Lozano

Nel Mondiale del 1934 in Italia, gli Azzurri conquistarono finalmente il titolo mondiale. C’è molta pressione sulle spalle degli internazionali del Qatar affinché facciano bene come hanno fatto 88 anni fa e offrano una performance in linea con la propaganda ufficiale dello stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *