I batteri “dormienti” possono contrastare la resistenza agli antibiotici

I batteri “dormienti” possono contrastare la resistenza agli antibiotici

Una nuova scoperta sui batteri “dormienti”, detti anche persistenti, potrebbe essere interessante per lo sviluppo di trattamenti antibiotici più efficaci. Lo ha rivelato martedì una ricerca di KU Leuven e dell’Istituto fiammingo di biotecnologia (VIB). I ricercatori hanno scoperto che il risveglio dei batteri “dormienti” è legato allo sviluppo della resistenza agli antibiotici.

I batteri persistenti sono batteri che non reagiscono al trattamento antibiotico: sono inattivi e possono quindi sopravvivere al trattamento. Quando i sempreverdi si svegliano dal loro sonno in un ambiente privo di antibiotici, possono moltiplicarsi di nuovo e riaccendere l’infezione. Finora non si sapeva esattamente cosa avesse innescato il meccanismo alla base di questa sveglia. È stato anche difficile per i ricercatori esaminare queste cellule di “risveglio”, perché queste cellule sono rare e solo temporaneamente in questa situazione.

Era già chiaro che nel momento in cui una cellula dormiente si sveglia, perde la sua tolleranza agli antibiotici. Una volta che una cellula dormiente diventa di nuovo attiva, può essere attivato un trattamento antibiotico. Tuttavia, è stata osservata una grande variazione nelle cellule: una cellula si sveglia più velocemente dell’altra. I ricercatori del VIB-KU Leuven hanno ora identificato alcuni obiettivi che rivelano quando una tale cellula dormiente si sveglia.

acidificazione

Il punto debole dei perseveranti è stato così individuato. “Durante il trattamento antibiotico, i persistenti accumulano danni al DNA. Le cellule ripareranno questo danno al DNA al risveglio, poiché è essenziale per una sopravvivenza persistente”, afferma il ricercatore post-dottorato Dorien Wilmaerts. “Abbiamo dimostrato che la riparazione del danno al DNA è alla base dei tempi di veglia e contribuisce allo sviluppo della resistenza”.

READ  l'azoto, l'essiccazione e la frammentazione minacciano la natura, è necessario un ripristino su larga scala

Quando questi meccanismi di riparazione vengono attivati ​​nei persistenti, possono quindi prevenire la resistenza. “Questi meccanismi costituiscono quindi un interessante obiettivo per la scoperta di nuovi farmaci antibatterici”. Un’altra importante scoperta è stata fatta con l’Università di Groningen. I ricercatori hanno scoperto che le cellule batteriche estremamente tolleranti hanno mostrato una significativa acidificazione internamente.

L’acidificazione è risultata eliminare il principale bersaglio degli antibiotici: il batterio è stato quindi in grado di continuare a sopravvivere nonostante il trattamento antibiotico. “La lotta all’acidificazione dei batteri potrebbe essere un modo standardizzato per migliorare i trattamenti antibiotici esistenti”, ha affermato il professor Jan Michiels, che ha guidato il team di ricerca. “Ora che capiamo come risvegliare i batteri dormienti, le terapie anti-persistenti tanto attese sono a portata di mano”.

I batteri persistenti sono batteri che non reagiscono al trattamento antibiotico: sono inattivi e possono quindi sopravvivere al trattamento. Quando i sempreverdi si svegliano dal loro sonno in un ambiente privo di antibiotici, possono moltiplicarsi di nuovo e riaccendere l’infezione. Finora non si sapeva esattamente cosa avesse innescato il meccanismo alla base di questa sveglia. È stato anche difficile per i ricercatori esaminare queste cellule di “risveglio”, perché queste cellule sono rare e solo temporaneamente in questa situazione. Era già chiaro che nel momento in cui una cellula dormiente si sveglia, perde la sua tolleranza agli antibiotici. Una volta che una cellula dormiente diventa di nuovo attiva, può essere attivato un trattamento antibiotico. Tuttavia, è stata osservata una grande variazione nelle cellule: una cellula si sveglia più velocemente dell’altra. I ricercatori del VIB-KU Leuven hanno ora identificato alcuni obiettivi che rivelano quando una tale cellula dormiente si sveglia. Acidificazione Si è così individuato il punto debole dei persistenti. “Durante il trattamento antibiotico, i persistenti accumulano danni al DNA. Le cellule ripareranno questo danno al DNA al risveglio, poiché questo è essenziale per una sopravvivenza persistente”, afferma la ricercatrice post-dottorato Dorien Wilmaerts. “Abbiamo dimostrato che la riparazione del danno al DNA è alla base dei tempi di veglia e contribuisce allo sviluppo della resistenza”. Quando questi meccanismi di riparazione sono attivati ​​in modo persistente, possono quindi prevenire la resistenza. “Questi meccanismi costituiscono quindi un interessante obiettivo per la scoperta di nuovi farmaci antibatterici”. Un’altra importante scoperta è stata fatta con l’Università di Groningen. I ricercatori hanno scoperto che le cellule batteriche estremamente tolleranti hanno mostrato una significativa acidificazione internamente. L’acidificazione è risultata eliminare il principale bersaglio degli antibiotici: il batterio è stato quindi in grado di continuare a sopravvivere nonostante il trattamento antibiotico. “La lotta all’acidificazione dei batteri potrebbe essere un modo standardizzato per migliorare i trattamenti antibiotici esistenti”, ha affermato il professor Jan Michiels, che ha guidato il team di ricerca. “Ora che capiamo come risvegliare i batteri dormienti, le terapie anti-persistenti tanto attese sono a portata di mano”.

READ  6 modi scientificamente provati per liberarti dallo stress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *