I “dottori delle formiche” trattano le formiche ferite con la polvere delle loro stesse ghiandole |  Scienza

I “dottori delle formiche” trattano le formiche ferite con la polvere delle loro stesse ghiandole | Scienza

Le formiche africane curano i conspecifici feriti con una sostanza dalle loro stesse ghiandole. Le formiche ferite usano i feromoni per far sapere loro che hanno bisogno di aiuto. Altre formiche riportano collettivamente i feriti al nido per il trattamento. Verrà svelato giovedì ricercare dalla Julius-Maximilians-Universität nella città tedesca di Würzburg.

Le formiche ferite comunicano con le altre formiche quando la ferita è infetta. Quindi producono una sostanza che neutralizza le infezioni batteriche e i virus. Questa sostanza è molto efficace: circa il 90% delle formiche è sopravvissuto alle ferite.

La formica africana produce la sostanza in una ghiandola simile a una sacca nella cavità toracica. Quando i “dottori delle formiche” curano i feriti, afferrano la sostanza dalla ghiandola con le zampe e la prendono in bocca. Leccando la ferita, applicano la sostanza.

Questo metodo di guarigione delle ferite è stato osservato anche nelle formiche del genere Eciton dell’America centrale e meridionale. Cacciano più a lungo della formica africana e quindi queste formiche curano i feriti sul posto.

Gli scimpanzé usano questo agente antibatterico indirettamente masticando le formiche e poi applicando la loro saliva sulle ferite dei loro piccoli.

Finora si credeva che solo gli esseri umani fossero in grado di diagnosticare infezioni e quindi curare le ferite con antimicrobici. La ricerca su questa modalità di guarigione delle ferite negli animali è ancora in corso. Si potrebbero anche fare scoperte potenzialmente benefiche per la medicina umana.

READ  possibili RIPERCUSSIONI fino alla PROSSIMA ESTATE! »ILMETEO.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *