I numeri parlano chiaro, Laurenti su Johnson & Johnson: “prudenza comprensibile, ma l’Italia potrebbe decidere di non fermarla” – Il video

il bollettino oggi sull’epidemia di Coronavirus, con 242 nuovi ricoveri in terapia intensiva, conferma che la pressione sui servizi sanitari è ancora molto forte. Ma rispetto a sette giorni fa in terapia intensiva, c’è 217 meno pazienti, mentre nella zona non critica il calso è 2.385 persone. Per Patrizia Laurenti, Professore di igiene all’Università Cattolica di Roma, questi sono piccoli segnali di miglioramento. Ma questi indicatori saranno gli ultimi a diminuire, insieme ai decessi: “Penso che ci vorrà un altro mese intero per vedere un calo significativo. Non voglio fare terrorismo, ma devi essere realista ”.

Per quanto riguarda i dati di contagio, nelle prossime due o tre settimane sarà importante confrontare l’andamento medio dei nuovi positivi con quello delle settimane precedenti, per verificare il tendenza al ribasso che si manifesta dalla fine di marzo. Anche perché, come sottolinea il professore, “abbiamo riaperto il scuole e questo rappresenta un’incognita per quanto riguarda la circolazione dei virus ”. L’altro grande punto interrogativo è rappresentato dalla campagna vaccinale: “Deve subire una forte impennata, ma ancora una volta è minacciata dalle comunicazioni dall’estero. Questa volta spero vivamente che, anche alla luce del caso AstraZeneca, le comunicazioni siano più corrette, più equilibrate e più adeguate alla realtà dei fatti ”.

Tradotto: l’Italia dovrebbe decidere di iniziare con l’amministrazione di Johnson & johnson, nonostante questo arresto precauzionale deciso dalla FDA negli Stati Uniti? Laurenti risponde: “Il vaccino è stato approvato dall’EMA e questo ci basta per iniziare con l’amministrazione. La cautela è comprensibile e vanno indagati casi di reazioni avverse, ma va tenuto presente che gli Stati Uniti stanno sperimentando per la prima volta un vaccino vettore virale, con un’attenzione molto maggiore di quella riservata ai vaccini a mRNA “. Italia potrebbe quindi decidere di non fermare Johnson & Johnson. Ma la cosa più importante è che “questa volta la comunicazione è uniforme per quanto riguarda il messaggio che viene dato alla popolazione. I vaccini sono sicuri ed efficaci, ed i rischi di infezione naturale lontano superano i rischi della vaccinazione. Non ci sono ancora prove del contrario “.

READ  Lotta al contante, nessuna commissione per tutti i micropagamenti fino a 5 euro

Il vero pericolo per la campagna vaccinale è infatti rappresentato dalla possibilità che il livello di sfiducia nella popolazione aumenti: “Dopo il caos su AstraZenecaIo stesso ho notato nel centro di vaccinazione dove lavoro un aumento della frequenza della domanda: “Che vaccino fai per me?”. Qui, la nostra risposta deve essere un’opportunità educativa. Comunichiamo quale vaccino viene somministrato, ma allo stesso tempo ne approfittiamo per consigliare la fiducia in altri tipi di vaccini e l’adesione agli appuntamenti, in modo che non ci siano cancellazioni che potrebbero davvero mettere a repentaglio il successo della campagna vaccinale “, l’unica arma dobbiamo sconfiggere l’epidemia.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *