“I Paesi Bassi devono prepararsi per gli ucraini che vogliono restare”

“I Paesi Bassi devono prepararsi per gli ucraini che vogliono restare”

Alina ha una priorità molto chiara: dare una bella vita alla figlia di 12 anni. Sono venuti insieme in Olanda a luglio, lasciandosi alle spalle la loro patria, l’Ucraina. I numerosi attentati dinamitardi vicino alla loro città natale di Poltava avevano reso la vita lì impossibile.

“Sono fuggita”, dice, non per se stessa, ma per sua figlia. “Sono andato in Olanda perché ho sentito che le persone qui sono così amichevoli, le cose sono ben organizzate qui, il sistema educativo funziona bene”.

Insicuro

Come il resto del mondo, non ha idea di quanto durerà la guerra dura ancora. E come sarebbe la vita dopo, in pace. La sua casa è ancora lì? Lei può lavorare lì? Sua figlia può andare a scuola?

Questi sono tutti i motivi per cui Alina sta valutando sempre di più di rimanere più a lungo nei Paesi Bassi. “Non è una scelta facile, la mia casa è in Ucraina, la mia famiglia è lì. Ma mia figlia va a scuola qui, ho un lavoro, stiamo imparando l’olandese. È una sensazione mista”.

E probabilmente ci sono più ucraini in Olanda come Alina, che ora sta trascinando fuori la guerra, e inizia a giocare con l’idea: forse rimarrò qui. Il Clingendael Institute fa molte ricerche sulle prospettive a lungo termine dei rifugiati ucraini. Si stima che circa il 25% degli ucraini rimarrà presto permanentemente nei Paesi Bassi.

Radicato nei Paesi Bassi

“Due fattori importanti giocano un ruolo in questo”, afferma Monika Sie, Direttore di Clingendael. “Prima della guerra, un ucraino su quattro voleva effettivamente migrare, lo sappiamo dalla ricerca. Più a lungo dura il conflitto, più persone mettono radici qui”. Secondo Sie, lo status speciale degli ucraini gioca principalmente un ruolo nel fatto che qui mettono radici abbastanza rapidamente: qui possono già lavorare e andare a scuola e non devono aspettare un permesso di soggiorno, come i rifugiati di molti altri Paesi. .

READ  Alle coppie povere con figli mancano centinaia di euro al mese | Economia

Nel video qui sotto, il corrispondente Olaf Koens ha risposto a sei domande sulla guerra in Ucraina e sulla sua durata:

Ora sono 80.540 gli ucraini che si sono registrati nei Paesi Bassi dopo la guerra, secondo i dati del Ministero della Giustizia e della Sicurezza. Secondo la stima di Clingendael, ciò significherebbe che almeno 20.000 persone rimarrebbero nei Paesi Bassi dopo la guerra.

Si prevede che più ucraini fuggiranno in questo modo nel prossimo futuro. Un inverno rigido sta arrivando e molti profughi dai paesi vicini verranno qui se la guerra durerà più a lungo. Aumenterà anche il numero di ucraini di 20.000, prevede Clingendael.

È in parte per questo motivo che il Consiglio consultivo sulla migrazione si è ritirato il mese scorso. suona la campana: Le cose devono cambiare nei Paesi Bassi per rendere la vita più facile agli ucraini. Il Consiglio afferma, tra l’altro, che “i (giovani) adulti di livello adeguato” dovrebbero poter seguire nei Paesi Bassi la formazione iniziata in Ucraina.

Dovrebbero essere offerti anche corsi di integrazione volontaria e gli ucraini non dovrebbero dipendere dall’iscrizione nel registro di base delle persone che ricevono cure mediche. Inoltre, secondo il comitato consultivo, per gli ucraini dovrebbe essere più facile iniziare come liberi professionisti.

grande sfida

Clingendael chiede anche al governo in un rapporto di elaborare un piano a lungo termine per queste persone. Monika Sie afferma che il governo deve agire “in tutte le aree”. Pensa all’istruzione, al lavoro, all’integrazione, all’alloggio. E dovrebbe anche essere organizzato meglio per gli ucraini di quanto non faccia attualmente il governo, secondo l’istituto di ricerca. “Abitazioni in particolare, a causa del le attuali tensioni nel mercato immobiliareuna grande sfida”, teme Sie.

READ  i giorni dei voli economici sono finiti

Molti comuni offrono alloggi per un breve periodo, ad esempio un anno o meno, come una sorta di rifugio di emergenza. A volte sono hotel o edifici vuoti. In per esempio il migliore le famiglie erano ospitate in un ex edificio scolastico. O su navi da crociera come a Rotterdam (vedi foto sotto).

Alcuni di questi locali sono stati chiusi mesi fa: i comuni a volte hanno stipulato contratti molto brevi con gli hotel e quindi hanno dovuto cercare un’altra alternativa. Ci sono anche comuni che guardano al lungo termine, come il Consiglio consultivo per la migrazione e il Consiglio Clingendael. Come il comune di Lansingerland nell’Olanda Meridionale. Dicono di aver lavorato lì per mesi per trovare un luogo di alloggio flessibile dove gli ucraini possano continuare a vivere per almeno alcuni anni.

Naso nella stessa direzione

“E ora ci siamo riusciti”, dice il sindaco Pieter van de Stadt, “all’inizio del prossimo anno ci saranno 150 alloggi per gli ucraini e 80 per i richiedenti emergenza dal comune stesso”. Deve ammettere che l’accordo è stato deludente per il comune: «È stato difficile realizzarlo.

La provincia non voleva rinunciare al terreno che era stato inizialmente designato idoneo perché su di esso sarebbero stati costruiti impianti eolici. “Abbiamo anche riscontrato spesso ritardi perché il collegamento di cavi e tubi richiedeva molto tempo”.

Ciò che il sindaco Van de Stadt ha imparato da questo è che un piano come questo può essere realizzato solo se tutti collaborano. Quando tutti i nasi sono nella stessa direzione.

Segretario di Stato al lavoro sul piano

Anche prima delle vacanze autunnali, il Segretario di Stato Van der Burg, Giustizia e Sicurezza, presenterà la sua politica a lungo termine per gli ucraini. Lo ha promesso alla Camera dei rappresentanti venerdì sera.

READ  "C'è una psicosi di AstraZeneca"

Alina ora vive a Zaanstad, nel rifugio municipale: lì vivono temporaneamente decine di ucraini su una nave da crociera. “Ci sentiamo davvero i benvenuti”, dice. Ha un lavoro, sua figlia va a scuola. Ma il futuro per lei è incerto. Dove andrà dopo? Quanto tempo può rimanere su questa nave?

“Non abbiamo idea per quanto tempo ci sarà la guerra. E se c’è la pace, non so come sarà la vita in Ucraina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *