I prezzi delle case crescono ancora più velocemente in soli quattro paesi europei |  vivo

I prezzi delle case crescono ancora più velocemente in soli quattro paesi europei | vivo

I prezzi delle abitazioni nei Paesi Bassi sono aumentati lo scorso anno quasi due volte più velocemente della media dell’Unione Europea. I prezzi sono aumentati ancora più velocemente in soli quattro paesi.

Questo è chiaro dalla ricerca del Central Bureau of Statistics. L’indice dei prezzi delle abitazioni, che include i prezzi di vendita delle case di proprietà nuove ed esistenti, è cresciuto nel nostro Paese del 18,7% lo scorso anno.

Solo in Repubblica Ceca, Estonia, Lituania e Ungheria i prezzi delle case sono aumentati ancora più rapidamente. I cechi hanno visto le loro case occupate dai proprietari diventare quasi il 26% più costose in un anno. Una casa europea media in vendita è diventata il 10% più costosa nell’ultimo anno. Solo a Cipro gli alloggi sono diventati più economici, -5,3%.

In Europa occidentale, il mercato immobiliare olandese è stato probabilmente il più caldo dell’anno scorso. In Belgio e Germania, i prezzi di vendita sono aumentati rispettivamente del 6% e del 12%. Anche in Francia, Italia e Spagna l’incremento è rimasto ben al di sotto del 10%.

Nuova costruzione un po’ meno costosa

Case esistenti in particolare vendute al miglior prezzo. Erano il 19,6% più costosi nell’ultimo trimestre dello scorso anno rispetto all’anno precedente. Il prezzo medio di una nuova casa è stato del 13,5% in più rispetto al quarto trimestre del 2020.

Nel 2021 sono state vendute un totale di 33.204 nuove case. Questo è il numero più alto dall’inizio della misura nel 2015. Il numero di vendite di case esistenti è diminuito del 3,2% dal 2020 a 226.087 case.

READ  Spettacolo di laser alla stazione centrale fino al 7 gennaio 2021

Il focoso mercato immobiliare dei Paesi Bassi sembra essersi leggermente calmato. L’associazione immobiliare NVM ha visto i prezzi delle case leggermente inferiori nell’ultimo trimestre rispetto alla fine dello scorso anno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *