I residenti dell’isola di Java preoccupati per la vendita di 278 unità in affitto

I residenti dell’isola di Java preoccupati per la vendita di 278 unità in affitto

L’investitore immobiliare olandese Bouwinvest prevede di vendere 278 case sull’isola di Giava. In totale, l’azienda gestisce 705 strutture ricettive sull’isola. I residenti delle unità nominate manterranno il loro attuale contratto di locazione ma non sono ancora fiducioso circa lo sviluppo. Loro fanno sono preoccupati per possibili aumenti degli affitti e si chiedono se i piani di sostenibilità di Bouwinvest continueranno.

Il motivo della vendita di Bouwinvest è che le case non si adattano più al rendimento atteso o alla strategia dell’azienda. L’associazione degli inquilini “HV Java” rappresenta tutte le 705 unità in affitto che Bouwinvest possiede sull’isola di Java e non è rassicurata al riguardo. “Non sappiamo cosa accadrà, ma dato che Bouwinvest non lo considera redditizio, possiamo solo temere che le cose peggiorino e che altri residenti se ne vadano”, afferma il tesoriere Tom Spel.

Spel ha visto molti isolani andarsene negli ultimi anni a causa dell’aumento degli affitti. Dal 2021 l’affitto non verrà più aumentato in quanto il governo è intervenuto con il cosiddetto Wet massimizzando l’affitto aumenta i contratti di affitto liberalizzati. Se questa legge non viene prorogata nel 2024, Spel ritiene che ci siano buone probabilità che un nuovo investitore metta in atto aumenti significativi.

Sebbene Bouwinvest avesse fatto lo stesso in precedenza, l’azienda non è andata fino in fondo. L’associazione degli inquilini vede una possibilità che un nuovo partito lo faccia: “Bouwinvest è cresciuto in media del 4% all’anno nel periodo dal 2014 al 2020, mentre l’inflazione è stata dell’1%. Ma a seconda dei contratti della maggior parte degli inquilini qui, potrebbe essere anche peggio, forse il 5% più l’inflazione”, ha detto il tesoriere.

READ  L'allarme della Corte d'Appello: "Rischio disordini nel carcere di Bolzano" - Bolzano

Inoltre, l’associazione teme che gli inquilini ne risentiranno in altri modi: “Non si può cambiare molto nei contratti di affitto, ma ci sono altri modi, ad esempio riducendo i costi di gestione o buttando a mare i piani di sostenibilità.

Guadagno medio

Karen Versteege vive sull’isola da vent’anni. Negli anni ha dovuto fare i conti anche con l’aumento dell’affitto: «Sono partita da 850 euro e ora sono a 1200». Se un nuovo investitore rinnova l’aumento dell’affitto, sarà costretta ad andarsene. “Quest’isola era destinata ai redditi medi. Ma presto non lo sarà più. Mi terrà sveglio.”

Bouwinvest dice che non è ancora sicuro se le case saranno effettivamente vendute. “Non abbiamo ancora deciso se lo faremo anche per tutte le altre case e quindi anche per le case interessate sull’isola di Giava. Tuttavia, abbiamo informato molto presto le associazioni di inquilini interessate che questa opportunità esiste, per cui abbiamo consigliato noi che i contratti di locazione di tutti gli inquilini interessati continueranno ovviamente ad applicarsi se dovessimo vendere.Se si tratta di una vendita, gli inquilini e le eventuali associazioni di inquilini saranno informati il ​​prima possibile “, ha detto un portavoce.

Tuttavia, secondo Versteege e Snel, i politici hanno il compito di contrastarlo. Anche il leader del partito PvdA, Lian Heinhuis, ha visto il caso come un motivo per porre domande al consiglio degli assessori e agli amministratori. “Ho scritto una lettera perché siamo preoccupati per la qualità della vita e l’accessibilità economica degli alloggi. In questo modo gli inquilini non sanno dove si trovano. Inoltre, vogliamo un quartiere misto e la vita in città non dovrebbe essere possibile solo per i più ricchi”.

READ  Un uomo di Veghel ha da 13 anni sulla sua carta di debito la foto di una famiglia completamente sconosciuta | Interno

Non puoi vivere di stronzate

Heinhuis vede il problema ricorrente in diversi punti della città. “Abbiamo poco controllo su questo settore. Sarebbe interessante vedere se questo tipo di case può essere acquistato da una cooperativa. Ma siccome ci sono pochi soldi lì e con il comune, questi non sono scenari realistici. Quello che puoi fare è stipulare accordi chiari in anticipo. Concordare anche un canone massimo. È importante che l’affitto medio rimanga nella media e che le case non vengano vendute ai prezzi più alti dopo pochi anni.

E anche Versteege parla chiaro. “La città è stata derubata da investitori immobiliari. Forse il comune può dire che ci riprenderemo qualcosa. Vedremo se possiamo restituire qualcosa alla città. Dietro vedi il ponte Jan Schaefer. C è qualcuno che è andato a lungo per una carenza di alloggi. Non puoi vivere di stronzate. Dico, prendilo indietro.

💬 Scrivici su WhatsApp!
Hai qualche consiglio? O hai realizzato una foto o un video interessante? Inviaci le tue notizie 0651190938!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *