I rivoltosi a Brasilia potrebbero aver seguito il copione di Bannon

I rivoltosi a Brasilia potrebbero aver seguito il copione di Bannon

Bannon (g) e Bolsonaro Image AFP

Bannon (sx) e BolsonaroImmagineAFP

“Combattenti per la libertà”, ha definito Steve Bannon i sostenitori dell’ex presidente Bolsonaro che domenica scorsa hanno preso d’assalto il parlamento nella capitale brasiliana Brasilia. “I cristiani evangelici che non vogliono vedere un criminale marxista ateo come Lula rubare le elezioni e il loro Paese”, ha detto l’ex stratega di Donald Trump nel suo podcast. Unità di crisi.

L’assalto al parlamento, alla Corte Suprema e al palazzo presidenziale a Brasilia è stato sorprendentemente simile all’assalto al Campidoglio a Washington. Non sembra proprio una coincidenza. Bolsonaro e il suo entourage hanno goduto di buoni legami con Trump e i suoi associati. Bolsonaro e Trump sono spiriti affini, legati dal maschilismo, dal nazionalismo, dal disprezzo per gli oppositori politici e dal rifiuto di ammettere la sconfitta.

Collegamento con suo figlio Bolsonaro

Steve Bannon ha un buon rapporto con il figlio di Bolsonaro, Eduardo, membro del parlamento brasiliano. Ne fece persino un rappresentante in Sud America Movimento, il movimento di Bannon per portare al potere il populismo di estrema destra in tutto il mondo. Secondo Il guardiano Eduardo Bolsonaro ha parlato in South Dakota nell’agosto 2021 con Bannon e altri trumpisti diffondendo la narrativa infondata secondo cui le elezioni statunitensi sono state rubate da Biden. Eduardo Bolsonaro ha visitato Trump nella sua tenuta di Mar-a-Lago in Florida dopo le elezioni brasiliane dell’ottobre 2022. Ha parlato al telefono con Bannon e Jason Miller, l’ex portavoce della campagna di Trump, ha detto Il WashingtonPost.

Steve Bannon è considerato una forza importante in un movimento populista informale che vuole esportare il modello Trump in altri paesi. Tuttavia, la sua influenza non dovrebbe essere sopravvalutata, ha scritto questa settimana il politologo tedesco-americano Yasha Mounk. atlantico“Non lusingiamo Steve Bannon attribuendogli la capacità di influenzare eventi importanti all’estero ripetendo vecchi slogan, alla disperata ricerca di rilevanza”, ha detto Mounk.

Quello che è certo è che Bannon ha avuto poco successo dopo essere stato licenziato da Trump nel 2017 come consigliere. Si è dichiarato un uomo con una missione: portare il populismo al potere in Europa e in altre parti del mondo. In qualità di maestro stratega dietro la vittoria elettorale di Trump, ha viaggiato in tutta Europa, soggiornando invariabilmente in hotel di lusso. Ha promesso di collegare i populisti europei con i finanzieri americani. I suoi impulsi hanno costretto i populisti europei a unirsi in un potente blocco continentale che potrebbe vincere le elezioni europee del 2019. “Tutto quello che cerco di essere è l’infrastruttura di un movimento populista globale”, ha detto a Milano nel 2019.

diffidente

Non ne è venuto fuori niente. La cooperazione internazionale ha dimostrato di non essere il forte dei partiti che vogliono mettere al primo posto le proprie persone. Il coinvolgimento di un americano era già del tutto sospetto, soprattutto in paesi di forte tradizione antiamericana come la Francia e l’Italia. “Il signor Bannon non è di un paese europeo, è americano. Ma la forza politica dietro le elezioni europee siamo noi e solo noi”, ha detto Marine Le Pen del Raduno nazionale francese nel 2018 durante una conferenza stampa congiunta con Matteo Salvini della Lega italiana.

Inoltre, è fallito un progetto per istituire una scuola per politici di estrema destra in un monastero medievale in Italia. In questa “scuola di gladiatori”, l’Accademia dell’Occidente giudeo-cristiano, i successori della generazione Trump dovevano essere formati attraverso corsi come “Marxismo culturale, Jihad radicale e guerra globale dell’informazione del Partito Comunista”. Quando il governo italiano è venuto a conoscenza dei piani, ha risolto il contratto di locazione.

In questo contesto, non sorprende che Bannon abbia reagito con tanto entusiasmo alle rivolte di Brasilia. Con la resurrezione dei vecchi tempi, il populismo sta ancora una volta scuotendo l’establishment che Bannon tanto odiava. E Steve Bannon era lì sullo sfondo come ispirazione, afferma lo scienziato dei media brasiliano David Nemer Il guardiano.

Secondo Nemer, Bannon ha sviluppato un “playbook” che può essere utilizzato in molti paesi diversi. La sua strategia combina la moderna disinformazione sui social media con l’incitamento vecchio stile di una folla pronta a usare la violenza fisica. Nemer non crede che Bannon sia stato attivamente coinvolto nell’assalto a Brasilia, ma che il suo playbook abbia influenzato il movimento di Bolsonaristi motivato e rafforzato.

Mercato agli estremisti

L’internazionale populista non esiste come organizzazione, ma come forum di idee, scrive Jacob Ware del think tank statunitense Council on Foreign Relations. “I social media forniscono il mercato comune in cui gli estremisti comunicano e condividono idee e metodi, con molti che applicano le teorie del complotto dagli Stati Uniti al proprio paese”, ha affermato Ware.

Gli Stati Uniti sono diventati un “esportatore di estremismo di destra”, ha osservato l’esperto di terrorismo statunitense Matthew Levitt dopo l’assalto al Campidoglio. Secondo la teoria di QAnon, gli Stati Uniti sono controllati da pedofili satanisti di Hollywood e del Partito Democratico, ma la teoria del complotto sembra essere usata senza sforzo in altri paesi, adattata alle condizioni locali. La storia delle elezioni rubate è anche un formato che può essere applicato in tutto il mondo, ora in Brasile, poi forse in Turchia. L’amatissimo transnazionale di Steve Bannon Movimento non è mai decollato, ma le sue idee varcano facilmente il confine.

READ  Sconfitte dolorose per le superpotenze Milan e Juventus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *