I supermercati smettono di rubare frutta e verdura: “Meno sugli scaffali” |  clima

I supermercati smettono di rubare frutta e verdura: “Meno sugli scaffali” | clima

I supermercati olandesi smettono di rubare frutta e verdura. Ma ciò non diminuisce il loro impatto sul clima, afferma l’economista agricolo Willy Baltussen. “Riguarda più il segnale che i supermercati stanno inviando: dobbiamo pensare di più a sistemi alimentari sostenibili”.

La Lidl ha annunciato martedì che avrebbe interrotto l’importazione di frutta e verdura per via aerea. Seguono anche altri supermercati per ridurre il loro impatto sul clima. In particolare, i prodotti con una vita breve sono attualmente consegnati per via aerea, ma non saranno disponibili in futuro. Si tratta di bacche, fagioli, asparagi (spicchi) e piselli.

Le navi stanno già lavorando con tecniche di conservazione per garantire che i prodotti che entrano nel porto di Rotterdam arrivino sugli scaffali il più freschi possibile. “Mantengono i prodotti freschi e umidi e possono utilizzare agenti anti-maturazione”, afferma Willy Baltussen, economista agricolo presso l’Università di Wageningen. Questo è molto meglio per l’ambiente rispetto alle emissioni di un aeroplano, secondo Baltussen.

Il trasporto di frutta e verdura per via aerea contribuisce solo in piccola parte alle emissioni globali di CO2, secondo un istituto di ricerca Il nostro mondo nei dati. Il trasporto aereo emette più di cinquanta volte più gas serra rispetto al trasporto marittimo. Pertanto, sostituendo il trasporto aereo di merci con quello fluviale, l’impatto climatico dei supermercati è solo leggermente ridotto.

Impatto

Inoltre, non lo è il trasporto di frutta e verdura, che viene effettuato prevalentemente via acqua una frazione la quantità totale di gas serra che possono essere collegati a frutta e verdura. La produzione di frutta e verdura genera generalmente la maggior parte delle emissioni. Se il cibo fosse prodotto in modo sostenibile, l’impatto sul clima sarebbe molto maggiore.

READ  come ha avuto i soldi?

,,L’impatto totale di questo cambiamento è molto ridotto su scala globale”, afferma Baltussen. “Riguarda più il segnale che i supermercati stanno inviando: dobbiamo pensare di più a sistemi alimentari sostenibili”.

È una situazione win-win sia dal punto di vista climatico che tecnico. “Volare è costoso”, afferma Baltussen. La vela è più conveniente che volare. È anche una questione di prezzi all’importazione più bassi.


Preventivo

Dobbiamo pensare di più a sistemi alimentari sostenibili

Willy Baltussen, Università di Wageningen

Supermercati

Tuttavia, ciò potrebbe avere conseguenze negative per gli agricoltori del Sud America e dell’Africa, da dove proviene la maggior parte dei prodotti trasportati. “Se tutti i supermercati scelgono di lavorare con fornitori più vicini a casa per quanto riguarda la freschezza dei loro prodotti, ciò potrebbe portare all’arresto della produzione e alla perdita di posti di lavoro”.

Dopo l’annuncio di Lidl Per smettere di involarsi su frutta e verdura, Plus ha subito annunciato di aver fatto questo passo già molto tempo fa, ad eccezione degli asparagi verdi che provengono dal Perù. Anche le catene di supermercati Jumbo, Plus e Albert Heijn affermano che stanno adottando misure concrete per passare alle spedizioni. Dirk dice che “considererà sicuramente” il passaggio, ma non menziona alcun piano concreto. Quest’ultimo vale anche per Aldi.

Il supermercato biologico Ekoplaza dice che ci sta lavorando, ma non pensa che il trasporto aereo di merci possa essere completamente escluso. “Sappiamo che molti commercianti utilizzano il trasporto aereo di merci per compensare un ritardo della nave”.


Preventivo

Il termine “sostenibile” è spesso associato al cibo prodotto localmente, ma locale non sempre significa sostenibile

Willy Baltussen, Università di Wageningen

READ  Entra anche Luigi Berlusconi- Corriere.it

suolo olandese

Nelle loro risposte, Albert Heijn, Plus, Lidl e Aldi sottolineano che la maggior parte dei prodotti proviene già da produttori nei loro paesi. “Metà della frutta e verdura di Albert Heijn proviene dai Paesi Bassi. Questa quota continua a crescere, ad esempio sfruttando meglio le stagioni e estendendole utilizzando nuove tecniche di coltivazione e conservazione”, ha affermato un portavoce.

Il termine “sostenibile” è spesso legato al cibo prodotto localmente, spiega Baltussen. Tuttavia, locale non significa sempre sostenibile. “Non sempre ‘lontano’ è peggio di ‘vicino’. Da gennaio a marzo, ad esempio, è meglio per l’ambiente acquistare un pomodoro dalla Spagna su camion piuttosto che un pomodoro da serre olandesi prodotto con illuminazione a LED e gas naturale.

Lidl afferma che i clienti non noteranno la misura, anche i prodotti rimarranno disponibili e non diventeranno più costosi, ha affermato un portavoce. Ma è possibile? Balussen ne dubita. ,,Penso che dobbiamo tenere conto del fatto che alcuni prodotti non saranno regolarmente sugli scaffali. Alla fine, ci sposteremo verso un consumo di prodotti stagionali, per lo più stagionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *