I virologi temono il loro database di misteri e intrighi, dove accadono cose strane

I virologi temono il loro database di misteri e intrighi, dove accadono cose strane

Hai mai pensato che qualcosa di così noioso come le vicissitudini di un database scientifico di informazioni genetiche virali potesse costituire una buona trama per un’entusiasmante serie televisiva.. Questo è Gisaid – „il database del mistero e dell’intrigorise il virologo australiano in pensione Ian Carter. su Twitter.

apparso questa settimana un resoconto inquietante e dettagliato sul problema Scienza, scritto dai giornalisti Martin Enserink e John Cohen. Fu lo smantellamento di Gisaid, e soprattutto del fondatore Peter Bogner.

Chiunque legga questa storia illuminante ha subito la sensazione che Bogner abbia preso in ostaggio la virologia da solo. Gisaid è diventato uno strumento di ricerca sempre più importante. Il database è stato creato nel 2008 per fornire agli scienziati internazionali una piattaforma in cui poter scambiare i propri dati in modo sicuro, senza doversi preoccupare che altri se ne impossessino. In origine, il database conteneva solo informazioni sui virus dell’influenza, ma durante la pandemia è diventato anche il principale archivio delle sequenze del genoma del coronavirus. I dati si sono dimostrati essenziali per tracciare l’evoluzione delle varianti virali. Nel frattempo, il database contiene più di 15 milioni di sequenze genomiche di SARS-CoV-2 rispetto ai soli 400.000 del virus dell’influenza. E sono stati creati anche “rami” per mpox e virus respiratorio sinciziale (RSV). Gisaid è diventato indispensabile.

Ma succedono cose strane. Peter Bogner sembra gestire il database come un monopolio. Qualsiasi scienziato che critichi Gisaid può aspettarsi un’e-mail o una telefonata tossica. Inoltre, Gisaid (o lo stesso Bogner?) a volte infligge “punizioni” agli scienziati, anche dopo leggere critiche. Il loro accesso al database è limitato o addirittura bloccato.

READ  La dedizione e l'amore dei caregiver sono fondamentali per la salute dei malati cronici

mondo televisivo americano

Peter Bogner è uscito dal nulla nel 2006 come iniziatore. Il tedesco aveva precedentemente lavorato nel mondo della televisione americana e non aveva un background scientifico. Ma è riuscito a guadagnarsi la fiducia di influenti scienziati e ha fatto creare il database dall’Istituto Svizzero di Bioinformatica. Gli svizzeri si occuperebbero anche della manutenzione, per la quale Bogner pagherebbe. Ma non hanno mai visto soldi.

Scienza espone il passato travagliato di Bogner che coinvolge truffe finanziarie. Ha trascorso due mesi in prigione in California a metà degli anni ’80 per non aver pagato i suoi debiti. Sembra che ci siano diverse versioni del suo CV. Molto saliente è anche la rivelazione che Bogner ha usato vari alter ego per interpretare gli scienziati senza doversi coinvolgere.

Può essere sorprendente che queste cose brutte appaiano solo ora. La minaccia di ritorsioni potrebbe aver funzionato, risponde la virologa Emma Hodcroft. Sottolinea che molte fonti di Scienzaarticolo ha voluto rimanere anonimo. “Gli scienziati dipendono dall’accesso a Gisaid”, scrive Hodcroft, “la paura è potente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *