Il batterio gigante appena scoperto è più grande di un moscerino della frutta e ha una struttura molto complessa

In un articolo contemplativo di Scienza Gli scienziati che non sono stati coinvolti nello studio sono quindi sorpresi ed entusiasti dei batteri e dello studio del team.

“Quando si tratta di batteri, non dico mai mai, ma questo spinge il limite di ciò che pensavamo fosse possibile per la dimensione dei batteri di un fattore 10”, ha affermato Verena Carvalho, microbiologa dell’Università del Massachusetts che mangia zolfo. lo studio dei batteri giganti.

Ha anche affermato che la scoperta di organelli contenenti DNA implica che la differenza tra i due principali gruppi di vita non è così grande come si pensava in precedenza. Qualcosa con cui Petra Levin, microbiologa dell’Università di Washington, è d’accordo: “Potrebbe essere il momento di ripensare alla nostra definizione di eucariota e procariote”, ha detto. “È una storia fantastica.”

Kazuhiro Takemoto, un biologo computazionale presso il Kyushu Institute of Technology in Giappone, ha affermato che questo batterio potrebbe essere “l’anello mancante nell’evoluzione delle cellule complesse”.

Quest’ultimo riguarda anche gli autori dello studio. L’origine della complessità biologica è una delle più importanti domande senza risposta in biologia, sostengono.

I pregiudizi sulle dimensioni dei virus hanno impedito la scoperta di virus giganti per più di un secolo, affermano gli autori, e la loro scoperta Tio Margherita magnifica suggerisce che batteri grandi e complessi possono essere nascosti in bella vista.

L’esame delle loro rare proprietà biologiche, del metabolismo energetico e della natura dei loro organelli ci porterà più vicini alla comprensione dell’evoluzione della complessità biologica, hanno affermato gli autori.

Un preprint di Volland e dello studio del team, che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, è apparso su bioRxiv† Questo articolo si basa sullo studio e sul pensiero in Scienza

READ  Coronavirus, i dati - 10.176 contagi in 24 ore con 338.000 campioni: il tasso di positività scende al 3%. 224 altre vittime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *