Il cambiamento climatico minaccia di rendere insostenibili le vacanze sulla neve

Il cambiamento climatico minaccia di rendere insostenibili le vacanze sulla neve

Il cambiamento climatico minaccia di rendere insostenibili le vacanze sulla neve

La neve naturale sta diventando sempre più rara e in futuro richiederà un maggiore utilizzo di cannoni da neve. E possono aumentare significativamente il prezzo di una vacanza sulla neve.

Per molte persone, le vacanze sulla neve fanno parte della fine dell’anno tanto quanto gli alberi di Natale e i fuochi d’artificio. Ma mentre il riscaldamento globale continua senza sosta, le piste bianche stanno diventando sempre più rare. In un nuovo studio i ricercatori hanno calcolato la probabilità che uno dei più grandi comprensori sciistici della Svizzera, Andermatt-Sedrun-Disentis, rimanga innevato. Se necessario utilizzando cannoni da neve.

Niente neve, ma pioggia
La Svizzera è il paese dello sci per eccellenza. Ma il futuro dello sci in Svizzera sembra tutt’altro che brillante, o piuttosto cupo. Gli attuali modelli climatici prevedono che nei prossimi decenni ci saranno più precipitazioni, ma sotto forma di pioggia invece che di neve. Nonostante ciò, un investitore ha recentemente speso diversi milioni di franchi svizzeri per l’ampliamento del comprensorio sciistico Andermatt-Sedrun-Disentis. Una decisione di cui si pentiranno in futuro?

Futuro di Andermatt-Sedrun-Disentis
I ricercatori hanno calcolato la probabilità che questo comprensorio sciistico, importante per la Svizzera, abbia neve per almeno 100 giorni consecutivi durante le vacanze di Natale e la successiva stagione sciistica – con e senza l’ausilio di cannoni da neve. Il team ha raccolto dati sulle piste, dove e quando si può innevare artificialmente e quanto costa l’acqua. Hanno quindi combinato questi dati con gli ultimi modelli climatici.

Sicurezza sulla neve
I ricercatori hanno delle buone notizie per i veri fanatici dello sci. Perché con l’aiuto dei cannoni da neve, le piste di Andermatt-Sedrun-Disentis potranno rimanere bianche per l’intera stagione sciistica di 100 giorni – almeno nelle parti più alte del comprensorio sciistico (a 1.800 metri e oltre). Intorno alle vacanze di Natale, tuttavia, sarà vicino nei decenni a venire. I ricercatori temono che in futuro la temperatura non sarà abbastanza bassa alla fine di dicembre. Nello scenario in cui continuiamo a emettere gas serra senza sosta, la regione di Sedrun in particolare non sarà più in grado di garantire un bianco Natale.

READ  Le montagne di stelle di neutroni sono alte solo pochi millimetri

cannoni da neve
I nuovi cannoni da neve possono aiutare, ma non possono risolvere completamente il problema, avvertono i ricercatori. “Molte persone non si rendono conto che sono necessarie anche determinate condizioni meteorologiche per produrre neve artificiale”, afferma la ricercatrice Erika Hiltbrunner. “Ad esempio, non dovrebbe essere troppo caldo o troppo umido, altrimenti le gocce d’acqua non si congeleranno.” L’aria calda assorbe più umidità. E man mano che gli inverni si fanno più caldi, diventa sempre più difficile, se non impossibile, innevare artificialmente. In altre parole, “le leggi della natura impongono chiari limiti alla produzione di neve artificiale”, afferma Hiltbrunner.

Centinaia di milioni di litri d’acqua
Chi vede la propria settimana bianca – letteralmente – andare in malora: niente paura. Grazie ai cannoni da neve, gli sciatori appassionati possono trovare la loro salvezza almeno sulle piste più alte. Ci saranno comunque 100 giorni consecutivi di neve qui. Anche verso la fine del secolo e nello scenario in cui continuiamo ad emettere senza sosta gas serra. Ma… per questo bisogna pagare un prezzo alto. I calcoli dei ricercatori mostrano che il consumo di acqua dei cannoni da neve aumenterà in modo significativo, di circa l’80%. Per la tua immaginazione: oggi vengono utilizzati circa 300 milioni di litri d’acqua. In un inverno medio intorno all’anno 2100, il fabbisogno idrico ammonterà a non meno di 540 milioni di litri.

Per inciso, questo aumento della domanda di acqua è ancora relativamente modesto rispetto ad altre stazioni sciistiche, sottolineano i ricercatori. Precedenti studi hanno dimostrato che il consumo di acqua necessario per l’innevamento, ad esempio nel comprensorio sciistico svizzero di Scuol, potrebbe aumentare di un fattore da 2,4 a 5.

Da dove viene tutta quest’acqua in più? Oggi parte dell’acqua utilizzata per l’innevamento artificiale ad Andermatt-Sedrun-Disentis proviene dall’Oberalpsee. Da questo lago possono essere estratti ogni anno un massimo di 200 milioni di litri d’acqua. Se il cambiamento climatico continua senza sosta, potremmo ancora essere in grado di attingere a questa fonte d’acqua fino alla metà del secolo. Quindi devi cercare nuove fonti. “L’Oberalpsee viene utilizzato anche per produrre energia attraverso l’energia idroelettrica”, spiega la ricercatrice Maria Vorkauf. “Quindi probabilmente inizieremo a vedere un conflitto tra la domanda di acqua per il comprensorio sciistico e la produzione di energia”.

READ  Presta attenzione a un lavoro sano e sicuro, soprattutto ora

Nel complesso, i ricercatori ritengono che il comprensorio sciistico Andermatt-Sedrun-Disentis beneficerà inizialmente del cambiamento climatico. Se le aree sciistiche più basse e più piccole dovessero chiudere, i turisti si affollerebbero in aree più grandi ad altitudini più elevate, tra cui probabilmente Andermatt-Sedrun-Disentis. Ma quel che è certo è che l’utilizzo di più cannoni da neve aumenterà sensibilmente i costi, e quindi anche il prezzo, di una settimana bianca. “Prima o poi, le persone a reddito medio semplicemente non potranno permetterselo”, conclude Hiltbrunner.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *