Il candidato ucraino all’Eurovision si ritira | Affiggere

La Commissione dell’Eurovision Song Contest in Ucraina deve cercare un nuovo delegato per il prossimo Eurovision Song Contest in Italia. La cantante Alina Pash, che sabato ha vinto il turno preliminare nazionale, si è ritirata.




La partecipazione di Pash era sotto pressione poiché, secondo quanto riferito, si trovava in Crimea, la penisola annessa alla Russia nel 2014, nel 2015. Secondo le regole delle emittenti NTU e UA:PBC, gli artisti ucraini nel concorso canoro potrebbero non essere stati in Crimea poiché il annessione. Pash avrebbe falsificato i documenti di viaggio per questo.

In un post su Instagram, Pash dice che è diventato tutto troppo per lei e non vuole far parte di questa storia. “Voglio questa guerra virtuale e non la odio. La guerra principale ora è una guerra esterna, che è arrivata nel mio paese nel 2014″, ha detto il cantante.

Non è chiaro chi stia ora viaggiando a Torino per conto dell’Ucraina. Forse andrà bene il numero due del turno preliminare. Il comitato dell’Eurovision dovrebbe decidere in merito venerdì, riferiscono i media ucraini.

sensibile

Non è la prima volta che il problematico rapporto tra Ucraina e Russia colpisce l’Eurovision Song Contest. L’Ucraina, ad esempio, ha registrato una vittoria sensibile nel 2016 con una canzone sulla deportazione di circa 200.000 tartari di Crimea nel 1944 durante il regno del terrore dell’allora dittatore dell’Unione Sovietica Josef Stalin.

Un anno dopo, la Russia si è ritirata quando l’Ucraina come paese ospitante ha bloccato l’arrivo della cantante Yulia Samojlova perché si era esibita in Crimea. La European Broadcasting Union (EBU) ha quindi stabilito che la propaganda politica durante il concorso canoro era ormai vietata.

READ  L'olandese Bax batte Valverde in Italia ottenendo la prima vittoria in carriera | Bicicletta

Nel 2019 Maruv non voleva più partecipare a nome dell’Ucraina. All’epoca, non voleva firmare il “contratto di strangolamento” che UA:PBC le aveva presentato. Ad esempio, non le era più permesso immischiarsi negli affari politici e non le sarebbe più stato permesso di esibirsi in Russia. Gli altri artisti preliminari erano solidali con lei, quindi l’Ucraina non è riuscita a trovare un delegato.

Ascolta anche il podcast di AD Media:


Guarda i nostri video di spettacoli e intrattenimento qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.