Il carlino presto bandito?  “Economico, bello e sano non vanno insieme”

Il carlino presto bandito? “Economico, bello e sano non vanno insieme”

Il ministro dell’Agricoltura Piet Adema vuole vietare gli incroci di cani e gatti. Ad esempio, i gatti con le orecchie piegate e i cani che soffrono per il loro aspetto non dovrebbero più essere tenuti. Lo scrive il ministro alla Camera dei deputati. Il divieto di tenere animali comporta automaticamente il divieto di commercio e importazione. Ed è lì che pizzica, secondo alcuni residenti della nostra provincia.

Carlini – Notizie NH

Se appartiene al ministro Adema, presto sarà vietato tenere cani con il muso corto. Vuole adottare ulteriori misure per scoraggiare ulteriormente la detenzione di animali che soffrono a causa del loro aspetto. Nel 2014 era già stato imposto un divieto di riproduzione per i cani con problemi respiratori. Cinque anni dopo, questo divieto è stato inasprito e i cani il cui muso è meno della metà del loro cranio non possono più essere allevati. Il Ministro preferirebbe escludere queste tipologie di cani negli annunci, nelle pubblicità e sui social.

“Spesso sono i cani illegali a causare una cattiva immagine”

Jolanda van Jelgershuis, ex allevatrice di carlini

Jolanda van Jelgershuis di Beverwijk ha allevato carlini fino al 2014. È scioccata nell’apprendere che il ministro sta per bandire i suoi “figli”. “Ho avuto cucciolate di carlini per anni ed erano sempre in buona salute. È così che ci siamo assicurati che le nostre cagne avessero solo quattro cucciolate nella loro vita. Si trattava solo della razza carina e non del reddito. Io e mio marito abbiamo pensato che fosse importante che loro erano sani. Ci siamo assicurati buone linee di sangue e abbiamo persino portato un maschio australiano nei Paesi Bassi per prendersi cura della prole. Ora ho un cane di 12 anni, sua madre ne ha compiuti 14. Questo la dice lunga sulle condizioni fisiche dei nostri cani”.

READ  Ricercatore finlandese sui finlandesi che sono così felici e condivide consigli

Brutta immagine

Non vuole che il ministro proponga un divieto. “Ma da un lato, capisco, perché vedi molti carlini che hanno problemi respiratori. Questi sono spesso cani provenienti dall’estero, dai paesi dell’Europa meridionale e orientale. Gli allevatori nei Paesi Bassi devono soddisfare requisiti rigorosi, altrimenti hai davvero vinto” Non ho pedigree. Spesso sono questi cani illegali che sono malati e hanno un brutto aspetto. Penso che siano vietati, è solo una buona cosa”.

“Sa di discriminazione razziale”

Ms. Krysisix, Custode dei Carlini

La signora Kruysisix di Zaandam ha lei stessa un certo numero di carlini. Pensa che il ministro Adema non abbia possibilità di successo con il suo disegno di legge. “L’abbiamo già visto con il pitbull, quel divieto di riproduzione e detenzione non ha tenuto. Il tribunale ha annullato quel divieto a suo tempo e succederà anche con questa proposta. Se sarà vietato a livello europeo, ci riuscirà , ma so che in molti altri paesi le regole di allevamento non sono prese molto sul serio. Anche questo sa di discriminazione razziale.

Economico, bello e sano non vanno insieme

“Ho ancora alcuni carlini a casa, hanno più di 10 anni e sono ancora sani. Ho avuto una cucciolata di cinque cuccioli. Quattro erano completamente sani, un giovane aveva problemi di odore. Abbiamo fatto operare questo maschio da lì, lui era sano. Se la gente ha comprato un cane da noi, ha ottenuto un pedigree. Solo allora sai che hai comprato un cane sano. Lo garantiamo.

È meno entusiasta delle persone che importano un cane. “Queste persone vogliono essere in prima fila per un centesimo. Economiche, belle e sane, ma spesso non vanno d’accordo. In effetti, ci rovinano la vita. Dà una cattiva reputazione a un cane, ma è ingiustificato per i nostri cani di razza .”

READ  Perché la zuppa è così salutare?

“Molta miseria viene dai cani importati”

Giudice Rony Doedijn

Il giudice internazionale Rony Doedijn dell’Associazione degli allevatori di cani non crede che il ministro possa far passare questa legge in parlamento. Vede i Paesi Bassi come un paese guida che lancia una palla europea. “In Olanda non diamo il pedigree ai cani che non sono in buona salute. Ci assicuriamo che i cuccioli olandesi soddisfino tutti i requisiti richiesti dal ministero”, spiega.

La miseria dei cani esterni

“Quello che vediamo spesso è che gli olandesi comprano i loro cani da altri paesi. Osiamo dare una garanzia sulla salute di questi animali. Molta miseria viene dai cani di fuori. Non penserei che ‘è giusto tenere carlini, perché esempio, è diventato A mio parere, un tale divieto non è fattibile in un contesto europeo Il fatto che il Ministro pensi alla salute di questi tipi di animali non può essere definito positivo, ovviamente.

Il ministro Piet Adema per l’agricoltura, la natura e la qualità alimentare ritiene che gli animali domestici nei Paesi Bassi non dovrebbero soffrire nel loro aspetto. Segue il consiglio di veterinari e protettori degli animali che sostengono di vietare alcune specie di cani che hanno problemi con museruole (estremamente) corte, che causano loro problemi respiratori. Queste sono specie di cani come boxer, bulldog, maltesi e carlini. I gatti con le orecchie piegate non possono più essere allevati, poiché potrebbero soffrire di un difetto cartilagineo associato. Secondo Adema, questo divieto di tenere animali significa automaticamente anche divieto di importazione e commercio. Gli animali attuali possono continuare a vivere, ma dopo non ne possono venire di nuovi.

READ  Il premio Nobel Anton Zeilinger smaschera le "spaventose" particelle di Einstein a Groningen

Il carlino è nato in Cina. Nel XVI secolo fu portato a ovest dagli olandesi. L’animale era amato da molti monarchi europei. L’altezza di un carlino è compresa tra 30 e 35 centimetri. Il peso varia dai 5 ai 10 chilogrammi. L’animale è allegro, affascinante, affettuoso e molto tollerante per natura, anche con bambini e altri cani. Non è vigile e aggressivo, ma desideroso di imparare, testardo e testardo.

Scarica l’applicazione

🔔 Tieniti informato sulle novità nella tua regione, scarica l’app gratuita NH News.

Scarica dall'App StoreDai un'occhiata su Google Play

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *