Ricerca: condividi queste cose “sporche” con le persone con cui vivi

Campioni di feci familiari

Una delle grandi domande a cui i ricercatori volevano rispondere era come la società microscopica di batteri e altri organismi che sciamano nella bocca e nell’intestino si trasmette da persona a persona, sia tra generazioni che tra persone che vivono a stretto contatto.

Così hanno cercato 10.000 campioni di saliva e feci provenienti da diversi paesi in Europa, Nord e Sud America, Africa e Asia. Tutti i ceppi di batteri presenti nei campioni sono stati mappati geneticamente e i ricercatori sono stati anche in grado di determinare se i proprietari originali dei campioni fossero parenti, partner, coinquilini o amici l’uno dell’altro.

Circa un terzo in comune

Questo è uno dei più grandi studi mai condotti sul movimento dei microbi nel nostro corpo. I risultati confermano che il primo grande scambio di batteri intestinali avviene alla nascita e che questo trasferimento dura così a lungo che i batteri delle loro madri finiscono ancora nell’intestino delle persone anziane.

Uno dei risultati più sorprendenti è che i coinquilini condividevano circa il 12% dei ceppi batterici nell’intestino e il 32% dei ceppi batterici nella bocca. Quindi, secondo la ricerca, condividiamo quasi un terzo dei batteri della nostra bocca con quelli con cui viviamo. In confronto, le persone della stessa popolazione che non vivono sotto lo stesso tetto hanno in comune solo il 3% dei loro batteri orali.

Possibile impatto sulla salute

I risultati mostrano quanto sia comune trasmettere batteri ad altri, anche quando non si baciano o non si fa sesso. Non è d’accordo uno dei ricercatori, Nicola Segata dell’Università di Trento. nuovo scienziato.

I ricercatori ritengono inoltre che la trasmissione di batteri possa essere di grande importanza per la salute. E non necessariamente in modo negativo. Lo spiega l’autrice principale Mireia Valles Colomer dell’Università di Trento.

“La versatilità fa bene al microbioma, quindi non pensiamo sia necessario prevenire la trasmissione. Il contatto sociale può essere una fonte di stress positivo per il nostro microbioma”, dice a Science in the Picture.

READ  Gelo polare a metà aprile, temperature eccezionali da record

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.