Il caso di corruzione del Parlamento europeo ‘coinvolge troppi italiani per non parlare di ‘lavoro italiano’

Il caso di corruzione del Parlamento europeo ‘coinvolge troppi italiani per non parlare di ‘lavoro italiano’

Sospetti colti in flagrante con valigette piene di soldi: in Italia il Qatargate è già considerato il Mani Pulite del 21° secolo. Negli anni ’90, l’Operazione Mani Pulite, un’importante indagine sulla corruzione politica nella magistratura milanese, ha scosso la politica italiana nel profondo. Trent’anni dopo, un’analoga inchiesta sulla corruzione sconvolge il Parlamento europeo. Con sgomento di molti in Italia, gli italiani giocano un ruolo di primo piano in questo.

“La corruzione non ha nazionalità. Ma sono troppi gli italiani coinvolti in questo caso per non parlare di “lavoro italiano”, scrive il quotidiano di centrosinistra. La Repubblica Mercoledì, in risposta alla domanda di un lettore.

Gli investigatori belgi hanno sequestrato un totale di un milione e mezzo di euro in contanti a Bruxelles dall’ex eurodeputato italiano Antonio Panzeri e dall’eurodeputata greca Eva Kaili. È la compagna di vita dell’italiano Francesco G., già assistente parlamentare di Panzeri a Bruxelles. Tutti e tre sono stati arrestati.

Denaro sequestrato dalla polizia belga a Eva Kaili, l’albergo del padre di Kaili, e ad Antonio Panzeri.
Foto Polizia federale belga/AFP/documento

Anche il Marocco

La giustizia belga sospetta che denaro contante e doni di lusso siano stati usati per “ungere” membri e dipendenti del Parlamento europeo, in modo da difendere gli interessi del Qatar in Europa.

Ma in questa ricerca è apparso anche il Marocco. Un rapporto dei servizi segreti belgi sembra aver avviato l’inchiesta giudiziaria. Tuttavia, non si sarebbe riferito principalmente al Qatar, ma al Marocco. Si dice che questo paese abbia pagato tangenti a membri ed ex membri del Parlamento europeo, tra cui Panzeri.

L’indagine è destinata ad allargarsi ulteriormente, secondo i media italiani, anche sulla base delle informazioni che l’arrestato Francesco G. ha fornito agli inquirenti belgi. È stato interrogato per ore.

READ  Tre nuovi allestimenti per la Maserati

Finora sei sospetti sono stati arrestati a Bruxelles; anche quattro di loro sono stati arrestati. E in Italia, la moglie e la figlia di Panzeri sono agli arresti domiciliari fino a quando un giudice italiano non deciderà sulla loro estradizione in Belgio all’inizio della prossima settimana.

Una fitta rete di ci-conosciamo

L’italiano non è l’unica nazionalità di molti sospetti in questo caso, osserva La Repubblica su, ma anche legami familiari. L’inchiesta svela i contorni di una rete affiatata, con amici, fidanzate, una moglie e una figlia.

Francesco G., istruttore di vela di 35 anni di Abbiategrasso, vicino a Milano, ha fatto il collegamento tra la sua fidanzata greca Eva Kaili (44) e Panzeri, per il quale ha lavorato come assistente parlamentare. Da conversazioni telefoniche intercettate risulta inoltre che nel complotto fossero coinvolte anche la moglie di Panzeri, Maria Dolores C., e la loro figlia Silvia. Le due donne sono state arrestate in Italia su richiesta della giustizia belga e poi poste agli arresti domiciliari. In Belgio, la polizia ha fatto irruzione anche nell’abitazione dell’eurodeputato Marc Tarabella, socialista belga francofono di origine italiana. Negli ultimi mesi è stato molto indulgente nei confronti del Qatar per quanto riguarda il rispetto dei diritti dei lavoratori, soprattutto durante la costruzione degli stadi di calcio.

Come a Bruxelles, anche in Italia la polizia ha trovato molti contanti. In casa con Francesco G. ad Abbiategrasso era 20.000 euro, al Panzeri 17.000 euro. L’avvocato della famiglia ha definito l’importo “nemmeno eccessivo per una famiglia benestante”.

sinistra italiana

Antonio Panzeri si è affermato nella sinistra politica italiana. Tra il 1995 e il 2003 è stato segretario della federazione sindacale di sinistra CGIL di Milano, il più grande sindacato italiano. Panzeri era un membro del consiglio del Partito Nazionale dei Democratici di Sinistra, il partito che si è evoluto dall’ex Partito Comunista Italiano. È stato eletto tre volte al Parlamento europeo.

READ  L'Europa unita e allo stesso tempo divisa sull'Ucraina

Mentre qualche anno fa si era separato dal suo vecchio partito (poi ribattezzato Pd di centrosinistra), l’arresto di Panzeri gli ha dato un nuovo colpo. E questo mentre risuona ancora il colpo del deludente risultato delle elezioni di fine settembre.

Il Pd ora chiede una commissione d’inchiesta al Parlamento europeo.

Rapporti con i paesi del Maghreb

Dettaglio interessante, visto che in questa vicenda è coinvolto anche il Marocco: al Parlamento europeo, Panzeri ha guidato per molti anni la delegazione per i rapporti con i Paesi del Maghreb. Tra il 2017 e il 2019 ne ha anche presieduto la sottocommissione per i diritti umani.

L’eurodeputato italiano Ignazio Corrao (indipendente, gruppo dei Verdi) sedeva nella stessa sottocommissione. Ricorda Panzeri come “molto, molto legato al Marocco” e anche che da presidente “ha difeso con forza il Paese nordafricano”. Ciò ha spesso portato a discussioni con altri membri del sottocomitato. Corrao: ,,Raramente eravamo d’accordo. Più di una volta, Panzeri ha assunto una posizione molto ammorbidente sul Marocco, o ha cercato di distogliere l’attenzione da questioni potenzialmente spinose. Allo stesso tempo, a Corrao non è mai venuto in mente di sospettare Panzeri di corruzione.

Dopo aver lasciato il Parlamento europeo nel 2019, Panzeri ha fondato Fight Impunity a Bruxelles, una ONG che combatte l’impunità per gravi violazioni dei diritti umani. «In quanto tale, visitava regolarmente il Parlamento europeo», spiega Corrao, che di recente ha visto Panzeri lì.

A Lotta all’impunità compare anche l’arrestato Francesco G. Su LinkedIn, G. si descrive come un ‘consulente senior’ della ONG – su base volontaria. I ricercatori sospettano che la ONG venga utilizzata come copertura per incanalare tangenti e regali di lusso.

READ  I sindacati Safilo affermano che la fabbrica di occhiali in Italia è in vendita

Anche l’ONG No Peace Without Justice è registrata allo stesso indirizzo in Hertogstraat a Bruxelles. Questa ONG, che ha forgiato una solida reputazione nel diritto penale internazionale, è stata fondata dall’ex europarlamentare ed ex ministro degli Esteri italiano Emma Bonino. Era un membro onorario del consiglio di Fight Impunity ma, come molti altri, ora ha preso le distanze dalla ONG.

La Bonino, lei stessa non sospettata, risponde di non conoscere personalmente Panzeri. Ma questa ricerca riguarda anche la ong da lei fondata. Anche Niccolò F.-T., segretario generale di Non c’è pace senza giustizia, è stato arrestato con l’accusa di corruzione, ed Emma Bonino lo conosce da trent’anni. “Era un gran lavoratore e molto dedito”, ha detto Bonino, che ha rifiutato di commentare un’indagine in corso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *