Il CFO di Shell Uhl lascia la Shell per trasferirsi a Londra |  Finanziario

Il CFO di Shell Uhl lascia la Shell per trasferirsi a Londra | Finanziario

Per l’americano Uhl, un trasferimento a lungo termine nel Regno Unito “a causa di circostanze familiari” non è un’opzione, riferisce Shell il giorno dopo che il gruppo ha annunciato l’uscita dalle società pubbliche russe.

Uhl ha lavorato alla Shell per diciassette anni. Dal luglio scorso fa parte del consiglio di sorveglianza della banca d’affari americana Goldman Sachs.

Shell ha trasferito la sua sede a Londra alla fine dello scorso anno. Da allora, il CEO olandese Ben van Beurden e il CFO Uhl hanno lavorato dalla capitale del Regno Unito. Uhl rimarrà in carica fino al 30 giugno per una transizione senza intoppi, ha detto la società, ma lascerà Shell dopo.

Ingegnere, formato internamente

Il britannico Gorman, che ha studiato a Oxford e originariamente un ingegnere, proveniva dalla compagnia energetica californiana Aera, fondata nel 1997.

Attualmente è vicepresidente esecutivo delle finanze per la divisione upstream globale di Shell, esplorazione e produzione di petrolio e gas, comprese le infrastrutture di trasporto. Negli ultimi anni ha lavorato dall’Aia.

Jessica Uhl ha lavorato per Citibank a San Francisco dal 1990 al 1996, poi per la società energetica Enron negli Stati Uniti, fallita nel 2001. L’americana è poi entrata a far parte della Shell, all’epoca con la divisione prodotti energetici durevoli.

Successivamente, Uhl è passato all’interno ed è diventato capo della rendicontazione finanziaria, poi CFO di diverse divisioni Shell e infine CFO, braccio destro del CEO Ben van Beurden. Lì ha dovuto mettere in atto una restrizione sui dividendi senza precedenti per Shell.

Ristrutturazione organizzata

Negli ultimi anni, Uhl ha anche guidato la ristrutturazione del conglomerato Shell, inclusa la rimozione della doppia struttura anglo-olandese con azioni A e B.

READ  Smetti di condividere immagini "disumane" di senzatetto

Il consiglio di amministrazione di Uhl e Shell è sotto tiro da investitori attivisti come Third Point. Questo fondo di Daniel Loeb insiste sul fatto che la società Shell si sta rapidamente dividendo in un business fossile e un business sostenibile. Ciò offrirebbe più valore per gli azionisti e accelererebbe la trasformazione di Shell in un’attività sostenibile.

Le azioni Shell vengono scambiate dopo aver aperto una perdita dello 0,6% sulla borsa valori Euronext di Amsterdam.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *