Il climatologo André Berger: “Il nucleare è necessario per il clima e la nostra bolletta energetica”

Il climatologo André Berger: “Il nucleare è necessario per il clima e la nostra bolletta energetica”

Questo articolo è originariamente apparso sul settimanale satirico francese PADELLAnella loro sezione speciale sull’energia nucleare.

Ho conseguito il dottorato in scienze all’UCLouvain e un master in scienze meteorologiche al Massachusetts Institute of Technology. La mia specialità è la climatologia. Ho trascorso più di 50 anni cercando di capire come funziona il clima e come varia nel tempo e nello spazio. Il clima è il risultato di eventi nell’atmosfera, oceani, ghiaccio, terra e mondo vivente, e le loro complesse interazioni. La forza motrice del clima è l’energia che la terra riceve dal sole. Tuttavia, i gas serra, come l’anidride carbonica (CO₂) e il vapore acqueo, giocano un ruolo fondamentale nell’amplificare l’effetto serra che sta causando l’attuale riscaldamento globale. Questi sono due dei motivi per cui mi sono interessato al rapporto tra clima e società e all’energia che abbiamo sulla Terra.

Già negli anni ’70 scrivevo articoli sull’effetto serra e sull’effetto delle attività umane sul clima. Mi sono subito concentrato sull’energia elettrica in particolare, perché data la sua facilità d’uso, è un fattore di cui la società può sempre meno fare a meno. Inoltre, il Protocollo di Kyoto, firmato nel 1997, e la Commissione AMPERE, istituita nel 1999, dovevano garantire che i paesi riducano le loro emissioni di gas serra nel periodo 2008-2012, per il Belgio del 7,5% rispetto al periodo di riferimento del 1990.

Non puoi ignorare l’energia nucleare

Volevo sapere come sarebbe stata possibile questa riduzione e ho elaborato diversi scenari. In Belgio, le emissioni nel 1990 sono state stimate a 116 Mt CO₂ e nel 1998 a 127 Mt CO₂ (le emissioni di CO₂ hanno rappresentato l’84% di tutte le emissioni di gas serra). Di questi 127 Mt di CO₂, 30 provenivano dalla produzione di energia elettrica. Secondo il Protocollo di Kyoto, le emissioni belghe di CO₂ nel 1998 non potevano superare 111 Mt CO₂. Le emissioni nel 1998 erano quindi ancora di 16 Mt CO₂ al di sopra dell’obiettivo di Kyoto.

Quale scenario dovrebbe ridurre queste emissioni? Ad esempio, la sostituzione totale delle centrali termoelettriche (che hanno prodotto 35,6 TWh di elettricità nel 1998) con centrali nucleari porterebbe a emissioni inferiori di 14,1 Mt CO₂ rispetto all’obiettivo di Kyoto. D’altro canto, la sostituzione delle centrali nucleari con centrali termoelettriche comporterebbe emissioni di 54,7 Mt CO₂ al di sopra dell’obiettivo di Kyoto. A quel tempo, la legge sull’eliminazione graduale del nucleare fu approvata sotto il governo di Verhofstadt. Questa legge del 2003 stabiliva che i 7 reattori nucleari del nostro paese dovevano essere chiusi dopo 40 anni di funzionamento. È quindi comprensibile che io abbia immediatamente inviato una lettera aperta al Presidente del Consiglio dal titolo “L’energia nucleare al servizio dello sviluppo sostenibile ea vantaggio della società”. Questa lettera è stata pubblicata integralmente su La Libre Belgique il 16 gennaio 2003. Ho scritto: “L’abbandono dell’energia nucleare all’inizio del XXI secolo non è solo un anacronismo, ma è e rimarrà il più grande errore mai commesso da un governo, made in Belgium”. Questa lettera non affermava mai che il problema globale della CO₂ potesse essere risolto solo con l’energia nucleare, ma cercava di analizzare come il Belgio potesse farla franca con dignità.

READ  Nesim ha scritto un post di openhartige su mental gezondheid:

Purtroppo, a distanza di 20 anni, la mia osservazione resta più che mai attuale: i nostri 7 reattori, seppur in buona salute, scompariranno in seguito a un compromesso puramente politico senza fondamento scientifico oggettivo, e per motivi puramente dogmatici dettati dai Verdi. Quest’ultimo è riuscito a indottrinare parte della popolazione, compresi politici di altri partiti. Si possono capire i Verdi che basano il loro programma su slogan antinucleari. Non va però accolto l’atteggiamento degli altri partiti e dei loro rappresentanti, in particolare quelli che hanno una formazione scientifica universitaria che dovrebbe consentire loro di comprendere facilmente l’operato delle imprese energetiche.

Avvertimenti ripetuti

Le argomentazioni climatiche, economiche, ambientali e sociali della mia lettera del 2003 al Presidente del Consiglio sono ancora valide. Sono serviti come base per le numerose note e lettere che ho scritto a vari ministri, nonché ad altri specialisti dell’energia che si sono associati negli ultimi decenni (Ernest Mund, Pierre Kunch, Samuele Furfari, Jacques Marlot, Christiane Leclercq- Willain e Georges Van Goethem).

Questi includevano documenti in vari simposi e altre conferenze o conferenze pubbliche e interviste radiofoniche e televisive. Gli argomenti spaziavano dal clima del 21° secolo all’energia nucleare e alle emissioni di CO₂.

Nell’agosto 2021, Mund, Kunsch, Berger e Marlot hanno scritto al primo ministro De Croo. Denunciano la “passività” dei politici di fronte agli avvertimenti degli scienziati. Sostituire l’energia nucleare, un’energia a basse emissioni di carbonio, con un’energia rinnovabile, certamente a basse emissioni di carbonio ma intermittente, è “una sciocchezza” secondo loro. Anche questo è un equivoco, perché l’intermittenza di queste energie rinnovabili porta inesorabilmente ad un aumento delle emissioni di CO₂, in quanto la sicurezza dell’approvvigionamento elettrico richiede l’utilizzo in parallelo di centrali a gas.

READ  La NASA ha identificato un buco veramente "strano" su Marte

Più di recente ho scritto una nota inviata al premier De Croo su “elettricità, centrali a gas, energie rinnovabili e centrali nucleari”. Questa nota è stata aggiornata a fine dicembre 2022 per includere l’impatto delle auto elettriche. Ecco il succo:

Nel 2021 la produzione di elettricità è stata superiore del 16% rispetto al 1998. La produzione da centrali nucleari è rimasta pressoché invariata, pari a circa la metà della produzione totale; quello delle centrali termiche è sceso alla metà di quello del nucleare, anche se la loro capacità installata è superiore del 25%. La produzione di energie rinnovabili intermittenti non regolate rappresenta un terzo di quella delle centrali nucleari, il che equivale a un rendimento sei volte inferiore data la loro potenza installata (il doppio di quella delle centrali nucleari). Ciò ha conseguenze importanti per le emissioni di CO₂: le centrali elettriche a gas emettono 20 volte più CO₂ rispetto alle centrali nucleari, perché devono compensare il funzionamento intermittente delle energie rinnovabili. Inoltre, le fonti energetiche rinnovabili intermittenti non regolamentate non possono soddisfare il picco della domanda di elettricità, che può raggiungere circa 15 GW, creando il rischio di blackout. Se i recenti investimenti in turbine eoliche (di 5,03 GW) fossero stati utilizzati per installare centrali nucleari, la nostra produzione di energia elettrica sarebbe stata superiore del 25% a un costo simile o addirittura inferiore.

La prevista manutenzione di Doel 4 e Tihange 3 consentirebbe di mantenere 2.047 GW, producendo 16,5 TWh. Se i restanti 31,4 TWh di capacità nucleare dovessero essere alimentati a gas, sarebbero necessarie 12 nuove centrali a gas da 750 MW, portando le emissioni totali a (27,1 Mt CO₂), quasi il doppio delle emissioni attuali.

Auto elettriche senza energia nucleare?

Per quanto riguarda le auto elettriche, possiamo calcolare che il fabbisogno del volante per un’auto a benzina è di 157 Wh/km e per i diesel di 148 Wh/km. Se dovessimo convertire metà della flotta termica in auto elettriche, servirebbero 13 TWh in batteria per una percorrenza media di 15.000 km per le auto a benzina e 22.000 km/anno per le diesel. Ciò corrisponde al 13% dell’attuale produzione di elettricità. Se questa domanda fosse soddisfatta dalle centrali nucleari, sarebbero necessari altri 1,6 GW, emettendo 150 kt di CO₂. Se questa domanda fosse soddisfatta da centrali a gas, sarebbero necessari altri 4 GW con un’emissione di 6400 kt CO₂, ovvero 43 volte quella delle centrali nucleari.

READ  OSIRIS-REx ha messo al sicuro i campioni raccolti - Astronauti

Se il governo continua a eliminare gradualmente l’energia nucleare, la sua sostituzione con centrali elettriche a gas richiederebbe la costruzione di venti nuove centrali elettriche da 750 MW e porterebbe a emissioni totali da centrali elettriche a gas tre volte superiori alle attuali emissioni di CO₂. Se, inoltre, metà della flotta fosse occupata da auto elettriche, ne servirebbero altre 5 e le emissioni totali di CO₂ delle centrali a gas sarebbero quasi quattro volte superiori a quelle odierne. Le emissioni aggiuntive di CO₂ dovute a tale politica comune rappresentano il doppio delle emissioni totali di CO₂ in Belgio nel 2021.

Politica suicida

Ma tutto ciò non impedisce ai nostri leader di chiudere Tihange 2, che al tempo stesso riduce la capacità nucleare disponibile da 5 (Doel 3 è chiuso) a 4 GW e contribuisce ad aumentare le emissioni di CO₂ grazie alle centrali a gas che ridurre le fonti energetiche rinnovabili intermittenti non regolamentari dovranno completarsi a vicenda. Pertanto, le attuali politiche del nostro governo sono chiaramente inaccettabili e suicide di fronte all’attuale crisi energetica. Ma è anche inaccettabile per le generazioni future, perché è più che urgente non solo mantenere le attuali centrali nucleari, ma anche intraprendere la costruzione di nuove centrali nucleari per soddisfare il fabbisogno energetico futuro.

Cittadini, quelli che manifestano per il clima, è tempo di alzare cartelli che chiedono di conservare la nostra elettricità nucleare per salvare il clima, ma anche per abbassare le nostre bollette energetiche.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *