Il Consiglio dei Ministri propone un piano d’azione contro la carenza di personale, effetto “significativo ritardo” | ADESSO

Il gabinetto proporrà un piano d’azione contro la carenza di personale, comprese “misure aggiuntive”. Ma la maggior parte dei piani entra in vigore solo più tardi, anche perché la nuova politica durerà più a lungo. La carenza del mercato del lavoro si farà quindi sentire ancora per qualche tempo.

Venerdì, il ministro degli Affari sociali Karien van Gennip e i suoi colleghi ministri hanno scritto una lunga lettera alla Camera sulla carenza di manodopera. Questa carenza è visibile nella vita di tutti i giorni, come sui mezzi pubblici ea Schiphol.

Oltre a un ruolo importante per i datori di lavoro, anche il governo deve agire, riconosce il ministro. Il governo vuole aumentare l’offerta di lavoro e ridurne la domanda. Anche domanda e offerta devono essere conciliate.

Per questo il governo vuole investire in innovazione, adattare meglio la formazione alla tipologia di dipendenti molto richiesta e far sì che più persone possano trovare lavoro. Ma vengono adottate anche misure meno convenzionali.

Ad esempio, il governo vuole rendere più attraente per le persone continuare a lavorare dopo l’età pensionabile. Le persone che si dirigono verso aree con carenze significative hanno bisogno di aiuto.

Potrebbe essere necessario adeguare alcuni requisiti di qualità e formazione. Infine, il governo sta studiando un bonus a tempo pieno. I dipendenti riceverebbero quindi un bonus se decidessero di lavorare più ore.

Il successo dipende dalle persone disponibili

Ironia della sorte, il successo degli interventi dipende spesso dal fatto che ci siano abbastanza persone, ad esempio nell’assistenza all’infanzia, affinché i genitori lavorino di più. Per l’innovazione è necessario un numero sufficiente di specialisti ICT e una nuova politica funzionerà solo se ci sono abbastanza persone che lavorano nelle organizzazioni di attuazione.

READ  Digitale terrestre gratis, c'è la data: ecco chi lo riceverà

A breve termine, il governo non può essere troppo serio, ammette il gabinetto. “L’azione del governo diventa evidente solo dopo un certo ritardo”, afferma Van Gennip. Inoltre, le misure non devono solo fornire una risposta al problema urgente che devono affrontare i Paesi Bassi, ma devono anche essere utilizzabili in seguito.

Secondo le organizzazioni dei datori di lavoro MKB-Nederland e VNO-NCW, “occorre davvero fare di più per accelerare una svolta nella soluzione della carenza di personale”. Le organizzazioni chiedono più “misure non convenzionali da parte di datori di lavoro e governi”.

Il sindacato FNV è soddisfatto delle misure, ma ha “punti di commento”. Il sindacato vuole che il governo faccia di più contro i contratti flessibili: “Il contratto a tempo indeterminato deve tornare a essere la norma”. Il governo dovrebbe anche aumentare il salario minimo a 14 euro l’ora, in modo che il lavoro diventi più retribuito e più attraente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.