Intervista: La storia di Sam van Dalen – L’Italia nei Polder

Dopo aver completato l’IVA a Driebergen, ho iniziato come venditore presso una concessionaria Fiat. Giocando con l’idea di poter fare di meglio da solo, ha avviato la propria attività in un edificio in affitto. Poiché l’affitto si è rivelato piuttosto costoso, ha deciso di riparare il proprio edificio. Ecco in poche parole la storia di Sam van Dalen, titolare dell’azienda L’Italia nei Polder, con sede a De Veken a Opmeer. Chi è Sam Van Dalen? Cosa lo occupa? E come ci è arrivato? Un colloquio aperto fornisce risposte a molte domande!

Sam Van Dalen

Perché proprio auto italiane?

La risposta a questa domanda è facile da dare. “Voglio avere solo auto nel mio showroom che vorrei acquistare io stesso.” E con un debole per le auto italiane, ha senso che si concentri su Ferrari, Maserati, Fiat e Alfa Romeo, per esempio. A suo avviso, queste auto evocano in te più emozioni.

Da dove prendi le tue auto?

Quando si è saputo che Sam era specializzato in auto italiane, è stato avvicinato da aziende e privati ​​quando avevano qualcosa di interessante da vendere. “Tuttavia, non volevo solo dipendere da ciò che mi veniva offerto, ma volevo anche decidere da solo con quale auto volevo completare il mio showroom. Ecco perché sono andato io stesso alla ricerca di auto specifiche. Tuttavia, la ricerca richiede molto tempo. Internet aiuta enormemente in questo, ma l’esperienza mostra che un’auto ha un aspetto molto migliore nelle foto su Internet che nella realtà. E un’auto è valida solo se soddisfa pienamente le “condizioni”!

Quali requisiti deve soddisfare un’auto che acquisti?

L’asticella è stata alzata solo negli ultimi anni. In precedenza, un’auto con “soli” 80.000 chilometri sull’orologio era un’auto interessante. Ora questo limite è davvero molto più basso e Sam cerca auto con, ad esempio, solo 20.000 chilometri di esperienza. Inoltre, l’auto dovrebbe appartenere preferibilmente al primo o al massimo al secondo proprietario e dovrebbe esserci una panoramica completa della storia dell’auto. “Per definizione non comprerò un’auto senza libretto di manutenzione”.

vecchio e nuovo insieme

Cosa differenzia la tua azienda da un’altra?

È difficile rispondere. “Ogni azienda ha il suo modo di lavorare. Non guardo troppo a quello che fanno le altre aziende, scelgo la mia strada. La mia intenzione è quella di servire al meglio i clienti che ho e di fornire l’auto che meglio si adatta ai desideri del cliente. In definitiva, voglio essere in grado di supportare io stesso questa scelta. Qui è importante che ascolti attentamente la storia del cliente e presti anche piena attenzione al cliente”.

READ  Vyvey e Van Zandweghe vincono l'argento a Piediluco

Come hai superato la crisi della corona?

“Corona è stato un momento difficile, non solo per noi ma per la maggior parte delle aziende. Durante il primo periodo di corona, mi sono fermato alla chiusura dell’azienda. Ma calcolato che un mese dalla chiusura della mia attività si traduce in una perdita di circa 40.000 euro al mese. Poi si tratta davvero di somme enormi. Per assicurarsi un reddito, ha fondato la società HalloHallo, basata sull’idea: “se i clienti non possono venire a casa mia, andrò dai clienti”. Si è rivelato un successo, molti clienti sono stati visitati. Il rovescio della medaglia, tuttavia, è che nel complesso ha generato più acquisti che vendite. Pertanto, Sam ha posto fine a questo.

Il secondo periodo corona è andato diversamente. “Non potevo essere d’accordo con le regole che circondano la chiusura dei ‘negozi non essenziali’. Ad esempio, una macelleria, con 100 persone all’ora su una superficie di 30 mq, è stata autorizzata a rimanere aperta, mentre la mia attività, con una superficie molto più ampia e una media di 5 clienti al giorno, ha dovuto chiudere. Questa immagine non aveva senso per me. Per questo ho scelto di continuare la vendita su appuntamento, ovviamente con il rischio di una pesante multa. Fortunatamente, non si è mai arrivati ​​a questo!

Sei creativo. Oltre che venditore di auto, sei anche un cantante e lo sei
videografo appassionato. Hai intenzione di farci qualcosa?

“Mi piace molto cantare, ma ho intenzione di svilupparlo di più. Ora va bene così e ho già le mani piene con l’Italia nei Polder. Fare video è una seconda espressione della mia creatività. I ​​video sono sul mio sito web , ma non sono destinati a supportare la vendita delle mie auto. Con ogni video, voglio raccontare una storia. Mi viene in mente una storia. Poi vedrò come posso elaborarla in un video e di chi ho bisogno per questo.

Naso nella stessa direzione

Cosa pensi sia più importante: l’auto o la storia dietro l’auto?

“In alcuni casi, la storia è! Quindi ho un Ferrari 308 GTS venduto a un cliente nei Paesi Bassi. Questa Ferrari ha avuto tre proprietari in 45 anni, ogni proprietario ha avuto l’auto per circa 15 anni. Ho ricercato tutti i proprietari di questa macchina. Per il primo proprietario siamo andati a Miami per quello. Questo mostra la storia completa dell’auto. Quindi l’attuale proprietario non solo ha acquistato l’auto, ma anche una grande storia.

READ  Spicca la cabina della funivia tra Stresa e Mottarone: "14 vittime. Un bambino gravemente ferito. Il cavo della funivia è stato sganciato"

Quali sono le tre auto più speciali che hai posseduto?

Questa domanda fa riflettere Sam per un momento, perché in effetti ogni macchina è speciale. Eppure riesce a fare una scelta. “Per quanto riguarda le più insolite, pensa a due auto: una Ferrari F40 appartenuta a David Gilmour, il cantante/chitarrista/compositore del gruppo rock progressivo Pink Floyd. La seconda macchina è una Maserati che ho potuto vendere fino a quattro volte, l’auto è tornata da noi tre volte in 12 anni.

Di che colore sarà?

Quale youngtimer diventerà un vero classico secondo te?

“È difficile da dire, ci sono parecchie auto che hanno il potenziale per diventare un giorno un classico. qualsiasi Ferrari di inizio secolo con cambio manuale e un’Alfa Romeo Giulia Quadrifiglio Verde”.

Hai ancora un punto all’orizzonte, dove vuoi essere tra 10 anni?

“Non guardo oltre i 5 anni. E non ho nemmeno intenzione di crescere, perché secondo me crescere significa anche più rischio. Guarda cosa sta succedendo intorno a noi in questo momento. Una crisi di Corona, una guerra in Ucraina, che significa anche alta inflazione, ecc. Questi sono tutti fattori che influiscono direttamente o indirettamente sulla mia attività. Pertanto, il mio “obiettivo” è migliorare ancora di più in quello che sto facendo ora. Vendere auto ancora migliori, ascoltare ancora meglio la domanda dei clienti e, soprattutto, fare ciò che sto dietro 1005. Penso che questo crei le migliori garanzie per poter continuare la mia attività per molto tempo.

Come vedi l’auto come un investimento?

“L’oro e l’arte sono sempre stati buoni investimenti nel corso degli anni. Le auto italiane esclusive sono arte per quanto mi riguarda.

READ  Macro con Helen Mees | Il programma di acquisto della BCE sta funzionando

Cosa ne pensi delle auto elettriche?

“Uh, prossima domanda per favore!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.