Il Consiglio dei Ministri vuole restituire cultura con centinaia di milioni di euro

Il Consiglio dei Ministri vuole restituire cultura con centinaia di milioni di euro

Il settore culturale ha attraversato un periodo difficile durante la crisi della corona e ha bisogno di ulteriore aiuto. Lo scrive alla Camera dei Deputati il ​​Segretario di Stato Uslu per la Cultura. “Senza cultura, la vita diventa magra, opaca e pallida.” Oggi spiega come il governo stia spendendo i soldi extra promessi nell’accordo di coalizione. Quest’anno si tratta di circa 135 milioni di euro e dopo saranno 170 milioni all’anno.

I soldi andranno ad aiuti all’avviamento per nuove produzioni live performance (20 milioni di euro). “Aumenta l’occupazione per produttori, tecnici e costruttori di scenografie”, afferma Uslu. Per lo stesso motivo saranno messi a disposizione degli imprenditori culturali 15 milioni di prestiti a basso costo.

4400 laureati

Più di 12 milioni vanno a serie drammatiche, documentarie e di animazione olandesi e 10 milioni di euro sono destinati a giovani artisti e altri creatori che hanno saltato i loro primi passi – la prima mostra, un primo concerto – a causa della corona. Uslu fa notare che si tratta di un gruppo numeroso. “Circa 4.400 professionisti creativi si diplomano ogni anno in un’istruzione artistica professionale superiore”.

Il governo vuole anche incoraggiare il ritorno dei visitatori. “Il comportamento del pubblico non è tornato alla vecchia maniera”, scrive Uslu, che così una delle principali preoccupazioni del settore indirizzi. “Non tutti si sentono abbastanza al sicuro per andare di nuovo a un concerto oa un museo”. La Segreteria di Stato stanzia 4 milioni di euro per le campagne pubbliche.

Impatto sui giovani

Perché i giovani devono essere mancati molto negli ultimi anni, Uslu sta investendo anche in questo, scrive. “La crisi del coronavirus ha avuto un grande impatto sui giovani: socialmente, economicamente e mentalmente. Quindi voglio prestare maggiore attenzione a questo gruppo”.

READ  Suning-BC Partners, il dialogo continua. "E dopo giorni di silenzio ..."

Con circa 20 milioni di euro, la Segreteria di Stato vuole entusiasmare i giovani per la cultura. Il denaro includerà sale prove per gruppi, asili nido creativi e un budget culturale per gli studenti dell’istruzione secondaria professionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *