Il forte riscaldamento dell’Atlantico evidenzia le carenze del sistema di misurazione

Il forte riscaldamento dell’Atlantico evidenzia le carenze del sistema di misurazione

L’Oceano Atlantico sulla costa orientale degli Stati Uniti

Notizie ONS

  • Elena Ecker

    caporedattore Clima ed Energia

  • Elena Ecker

    caporedattore Clima ed Energia

Sono necessari più e migliori termometri nell’Oceano Atlantico per monitorare il riscaldamento degli oceani. Il tempo nei Paesi Bassi e in altri paesi dell’Europa occidentale è fortemente determinato dalla Warm Gulf Stream in questo oceano. Dall’inizio di marzo, gli oceani, e in particolare l’Oceano Atlantico, hanno mostrato temperature superficiali inaspettatamente elevate. A ovest dell’Irlanda, l’acqua di superficie è da quattro a cinque gradi più calda di quanto non sia mai stato registrato.

Questo caldo è “anomalo”, “molto particolare” e “mai discusso in precedenza con i colleghi come possibilità”, dicono i climatologi a NOS. Pensano che abbia poco a che fare con le fluttuazioni naturali di El Niño. I ricercatori hanno nessuna spiegazione conclusiva per lo sviluppo attuale e anche le possibili conseguenze sono sconosciute.

La temperatura superficiale insolitamente elevata dell’Oceano Atlantico evidenzia l’attuale sistema di misurazione della temperatura oceanica e, in particolare, i suoi difetti. Il desiderio di avere più strumenti di misura in mare è ampiamente condiviso. “C’è sempre molta attenzione per il riscaldamento dell’atmosfera, ma l’oceano è in realtà più importante. Perché il 90% del calore aggiuntivo dovuto all’aumento dei gas serra scompare in mare “, afferma la professoressa Caroline Katsman della TU Delft. .

Argo galleggia

Se così non fosse, ora la terra sarebbe più calda di diverse decine di gradi. La temperatura negli oceani viene misurata con i satelliti e i cosiddetti galleggianti Argo. I satelliti misurano solo in superficie, mentre i galleggianti vanno in profondità. Ci sono circa 4000 di questi galleggianti nel mondo, galleggianti robotici che galleggiano con la corrente a una certa profondità. Ogni dieci giorni circa si immergono e risalgono in acqua, registrando temperatura e salinità nei primi due chilometri.

READ  Un flusso di vento solare ad alta velocità è diretto verso la Terra

Quando un tale galleggiante raggiunge la superficie, invia i suoi dati agli scienziati via satellite, quindi scende sotto la superficie dell’acqua. Secondo l’uomo che coordina il contributo olandese a questo sistema di misurazione globale con dati pubblici, Andreas Sterl di KNMI, ci sono parti dell’oceano in cui vengono effettivamente effettuate troppo poche misurazioni.

“Nella Warm Gulf Stream, ad esempio, le variazioni sono grandi. Quindi vorremmo avere più di questi galleggianti lì. I Paesi Bassi potrebbero dare un contributo maggiore a questo”, afferma Sterl. Katsman concorda: “Tre di queste boe sono state attive nell’ultimo mese in questa zona ora così calda, e insieme hanno effettuato dieci misurazioni”. I cambiamenti nella Warm Gulf Stream possono avere un impatto significativo sul clima olandese, oltre al riscaldamento globale.

Questo è il motivo per cui gli scienziati vorrebbero fare più ricerche sull’impatto delle correnti oceaniche. Al Royal Netherlands Institute for Sea Research, NIOZ a Texel, hanno recentemente acquistato un nuovo strumento: l’aliante. Può essere controllato da riva per studiare correnti specifiche. A giugno, questi alianti sono stati schierati per la prima volta nel Mare del Nord.

Tuttavia, il ricercatore NIOZ Femke de Jong mette in guardia dall’essere troppo ottimisti riguardo all’aliante. “Si tratta di strumenti moderni, ma non possono andare oltre il chilometro, mentre vorremmo anche saperne di più sulle profondità dell’oceano. Anche gli alianti vanno solo a 25 centimetri al secondo, che è troppo lento per poter effettuare ricerca su larga scala”. . “Anche lei spera in nuovi e migliori galleggianti Argo e altri strumenti di misura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *