“Il futuro del lavoro sta cambiando”

“Il futuro del lavoro sta cambiando”

L’amministratore delegato di Mercer Martine Ferland è stata recentemente nei Paesi Bassi per condividere la sua visione per il futuro del lavoro. Il suo consiglio più importante: secondo lei, i datori di lavoro dovrebbero iniziare a pensare al lavoro in modo radicalmente diverso. “I datori di lavoro non dovrebbero solo supportare meglio i dipendenti nell’area del miglioramento delle competenze e della riqualificazione, ma anche nell’area della salute mentale e dell’equilibrio tra lavoro e vita privata”.

Durante la sua visita nei Paesi Bassi, il mondo CEO di società di consulenza HR durante un ‘Breakfast Meeting’ in conversazione con i leader del mercato olandese di vari settori. Come vedono il futuro del lavoro e cosa stanno facendo per mantenere i propri dipendenti in questo mercato del lavoro ristretto?

Gli argomenti trattati includevano l’agevolazione del benessere totale dei dipendenti, la promozione dell’occupabilità e della cultura dell’apprendimento e la promozione di una retribuzione equa e paritaria.

Ferland ha scherzato: “Negli Stati Uniti, vediamo lavoratori con salari più bassi pensare sempre di più alle loro condizioni di vita e alla loro equità. È così che si fa sempre più sentire la richiesta di un “salario dignitoso”. Questo è un problema minore per i dipendenti con uno stipendio più alto, che hanno più spazio per pensare alla riqualificazione e alla formazione continua. Questo gruppo ha bisogno di sentirsi in grado di crescere e imparare.

Nel gruppo inizia una discussione sul ruolo del datore di lavoro nella riqualificazione e formazione continua. I partecipanti hanno convenuto che è in corso un importante cambiamento in termini di sviluppo. I datori di lavoro spesso determinavano prima come e in quali aree un datore di lavoro poteva crescere. Oggi, i datori di lavoro affidano sempre più ai propri dipendenti la responsabilità della riqualificazione e della formazione continua.

READ  Coronavirus, 5.948 nuovi casi con 121.829 test. 256 morti, lieve aumento dei ricoveri

Ma questo non significa che il datore di lavoro debba lasciare la riqualificazione e lo sviluppo interamente al dipendente; il dipendente deve sapere cosa è necessario per compiere il passo successivo all’interno dell’organizzazione.

Un business di successo è più che buoni numeri

Durante la pandemia, un gran numero di dipendenti si è ritrovato improvvisamente senza lavoro, mentre altre persone hanno fatto gli straordinari per un periodo più lungo. Ciò ha portato molti dipendenti a riflettere su ciò che considerano importante nel loro lavoro. Un cambiamento spesso avviene rapidamente, perché in questo mercato del lavoro ristretto c’è abbastanza spazio per cambiare lavoro.

Ferland: “I dipendenti possono scegliere nelle circostanze attuali. Scopriamo che molte persone vogliono lavorare per una “buona” azienda. Un fatturato elevato non è più sufficiente; un’impresa ha successo solo se fornisce un contributo sociale.

“Più persone vogliono contribuire alla società attraverso il loro lavoro. È fondamentale che i datori di lavoro pensino a questo. Non solo se vogliono mantenere i propri dipendenti in questo mercato del lavoro ristretto, ma anche per attrarre dipendenti motivati.

Allo stesso tempo, lavoro e vita privata sono sempre più intrecciati in un mondo post-pandemico, come ha convenuto anche il gruppo dei partecipanti. Ciò porta a cifre di assenteismo più elevate e richiede una leadership diversa. Ad esempio, il management stesso fornisce il giusto esempio di equilibrio tra lavoro e vita privata? C’è consenso tra i presenti sul fatto che i datori di lavoro hanno la responsabilità di fornire supporto per raggiungere un sano equilibrio.

La flessibilità del datore di lavoro non è quindi un vantaggio, ma una necessità.

READ  I tentacoli delle cellule energetiche provengono da fili proteici rotanti

La diversità di età rafforza l’organizzazione

Ha anche tutto a che fare con i dipendenti che si sentono bene con se stessi. “I datori di lavoro hanno molte più opzioni per supportare i propri dipendenti con la salute mentale”, afferma Ferland. “Prendi le possibilità digitali nella salute mentale. Ad esempio, i datori di lavoro possono sottoscrivere un abbonamento per dare ai dipendenti l’accesso digitale al supporto psicologico. Ciò rende il supporto psicologico accessibile a un gruppo più ampio.

Ma il solo supporto psicologico non basta. L’occupabilità sostenibile è costituita da vari elementi, come la salute e la vitalità, la cultura e la leadership. I dipendenti spesso lasciano un’azienda a causa della cultura e della gestione. Se i dipendenti tornano dopo un congedo per malattia, ma la cultura non è cambiata, la ricorrenza o la partenza è inevitabile.

Inoltre, vediamo che le giovani generazioni hanno difficoltà a lavorare da casa. Di conseguenza, molti giovani dipendenti si sentono più isolati e meno coinvolti nel proprio lavoro. La percentuale di assenteismo in questo gruppo è in aumento. La diversità di età all’interno della forza lavoro aiuta l’organizzazione a rafforzarsi. E per capire i bisogni delle diverse generazioni.

Leggi oltre: Il datore di lavoro si preoccupa abbastanza della salute dei dipendenti?

Ferland: “La vecchia generazione non è ancora pronta per la nuova generazione che non ha paura di parlare e di mettere la salute mentale al primo posto. Il suono si alza nel gruppo per non dimenticare di continuare ad accompagnare bene gli juniores. Dopotutto, il lavoro flessibile ha reso molto più difficile convincere il tuo anziano a visitare rapidamente per porre una domanda.

READ  Due anni di supporto corona

Ferland: “Nonostante il fatto che ogni paese sembri avere i suoi problemi, puoi comunque vedere che questi sono temi universali. Vediamo che i datori di lavoro stanno pensando a soluzioni, ma che c’è ancora molto lavoro da fare. La lista delle cose da fare è ancora lunga.

Martine Ferland dirige Mercer, parte di Marsh McLennan, da New York dal 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *