Il governatore di New York dichiara lo stato di emergenza per l’epidemia di poliomielite

Il governatore di New York dichiara lo stato di emergenza per l’epidemia di poliomielite

Salute10 settembre 22 12:47Autore: Remy Kock

Il governatore Kathy Hochul ha dichiarato lo stato di emergenza a seguito di un’epidemia di poliomielite a New York. In questo modo sono disponibili più risorse e uomini per, ad esempio, vaccinare.

Lo stato di emergenza è stato dichiarato dopo che tracce di poliomielite sono state ritrovate nelle acque reflue della contea di Nassau a Long Island. I funzionari sanitari hanno monitorato attentamente le acque reflue lì da luglio, quando un caso di poliomielite è emerso per la prima volta in quasi un decennio nella contea di Rockland, a circa 30 miglia a nord di Manhattan.

Tuttavia, il virus è presente nello stato da tempo. Da aprile, tracce di poliomielite sono state trovate ogni mese nelle acque reflue di Orange, Rockland e Sullivan, tra gli altri luoghi, e sono state trovate tracce anche a New York. “Nello Stato di New York si è verificato un disastro, con le autorità locali incapaci di rispondere in modo appropriato”, ha affermato il governatore Hochul in una dichiarazione.

Stato di emergenza

Dichiarando lo stato di emergenza, anche infermieri, ostetriche e farmacisti sono autorizzati a somministrare i vaccini. I medici possono anche effettuare ordini permanenti per i vaccini contro la poliomielite. I dati sulle vaccinazioni vengono quindi condivisi con lo Stato di New York per determinare dove le vaccinazioni sono più necessarie.

“Quando si tratta di poliomielite, non si vuole correre rischi”, ha detto il commissario alla Salute Mary Bassett in una dichiarazione. “Se tu o tuo figlio non siete stati vaccinati o non siete completamente vaccinati, c’è un rischio reale di malattia paralizzante. Invito i newyorkesi a non correre rischi.

READ  Focolaio all'ospedale di Sassuolo, 15 pazienti positivi

La poliomielite è una malattia che può causare paralisi o addirittura la morte, soprattutto nei bambini. In passato, la malattia era molto più comune, ma con la scoperta di un vaccino nel 1955, la malattia è in gran parte scomparsa in tutto il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *