Il Governo muove verso risarcimenti energetici per milioni di famiglie: “La maggioranza del Paese beneficia”

Il Governo muove verso risarcimenti energetici per milioni di famiglie: “La maggioranza del Paese beneficia”

Il pacchetto di emergenza per attutire l’esplosione della bolletta energetica dovrebbe aiutare la maggior parte dei Paesi Bassi. Il vertice della coalizione di oggi ha parlato di un sistema di compensazione in base al quale le famiglie pagano una tariffa inferiore per il consumo medio di elettricità e gas.


Niels Klaassen, Tonny van der Mee


Ultimo aggiornamento:
18-09-22, 21:54

Domenica il ministero delle Finanze ha discusso per ore un piano di emergenza per bollette energetiche elevate. I ministri competenti e i leader delle fazioni della coalizione hanno considerato le opzioni calcolate.

Puntano a un sistema di compensazione in cui le famiglie ricevano una forte riduzione del consumo medio di elettricità e gas, ad esempio 1200 metri cubi di gas e 2500 kilowattora di elettricità all’anno. Fino al raggiungimento di tale limite, le persone pagheranno la tariffa applicata all’invasione dell’Ucraina all’inizio di quest’anno. Tutto ciò che supera questo importo deve essere regolato al tasso di mercato più alto. Rimane un incentivo a non consumare troppo. “Se riscaldi anche la sauna e la piscina, paghi di più”, ha spiegato una fonte dell’Aia.

Lo schema entrerà in vigore preferibilmente in autunno, riferiscono gli addetti ai lavori, anche se le società energetiche più piccole, in particolare, sembrano incapaci di affrontare l’operazione complicata dal punto di vista tecnico e amministrativo. Un altro insider dice: ,,I giganti dell’energia dicono: possiamo farlo da novembre, i piccoli hanno bisogno di più tempo. Ne parleremo domani. »

I dettagli sugli importi e sul montepremi potrebbero ancora cambiare, ma l’obiettivo è di provarci lunedì: “Speriamo che vada bene”. Il pacchetto di compensazione vale diversi miliardi di euro, a seconda dei tempi e dell’esatta altezza del price cap.

READ  vaccini, ad AstraZeneca per i minori di 60 anni. Infezioni in declino, governi al lavoro per salvare l'estate

“Ma la linea di fondo è che molte persone pagheranno molto meno per la loro energia”. Questo pacchetto di emergenza verrà quindi aggiunto ai precedenti piani di compensazione dell’azienda. In totale, questa coalizione destinerà 16 miliardi di euro l’anno prossimo per attutire il calo della prosperità, a cui si aggiungerà il pacchetto energia.

Ascolta anche il nostro podcast Politics Near:



Il bisogno è alto. I prezzi dell’energia sono aumentati lo scorso anno e potrebbero salire ancora di più, temono i politici. Il Central Planning Bureau (CPB) ha calcolato per l’estate che tra 670.000 e 1,2 milioni di famiglie non potranno pagare le spese fisse se i prezzi rimangono elevati. Anche i redditi medi sentono sempre più l’attuale crisi nei loro portafogli.

“Nessuno al freddo”

Il governo vuole evitare a tutti i costi che le famiglie rischino di essere tagliate fuori dall’elettricità e dal gas perché non possono più pagare le bollette. Il ministro Rob Jetten (clima ed energia, D66) e il ministro Carola Schouten (riduzione della povertà, ChristenUnie) stanno conducendo “discussioni intense” con le compagnie energetiche su questo argomento. “Non vogliamo letteralmente che nessuno venga lasciato indietro”, ha detto Jetten in precedenza. .

READ  Super Cashback, pagamento di 1.500 euro lungo il percorso

L’articolo continua sotto il video.

“Vogliamo tutti assicurarci che i più colpiti dai prezzi elevati siano aiutati”. In una conferenza questo pomeriggio, Jetten ha annunciato di voler costringere le compagnie energetiche a offrire anche contratti a lungo termine con prezzi fissi. I fornitori di gas ed energia elettrica devono quindi offrire contratti di un anno o più, in modo che i clienti abbiano più certezza sulla tariffa.

Reagire può essere trovato in fondo a questo articolo. Solo commenti con a cognome e nome essere posizionato. Lo facciamo perché vogliamo un dibattito con persone che difendono ciò che dicono e ci mettono il loro nome. Se hai ancora bisogno di inserire il tuo nome, puoi farlo cliccando su “Accedi” in alto a destra del nostro sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *