Il Gran Premio d’Italia ha due vincitori olandesi

Il Gran Premio d’Italia ha due vincitori olandesi

Poco prima di salire a bordo della Williams, Nyck de Vries (27) ha distolto lo sguardo per alcuni secondi. Come se stesse facendo un ultimo controllo per assicurarsi che fosse tutto a posto. Per anni è rimasto all’ombra di Max Verstappen, sul circuito di Monza, era sulla griglia di partenza al fianco del campione del mondo in carica. Due olandesi fianco a fianco, per la prima volta da Robert Doornbos (Red Bull) e Christijan Albers (Spyker) nel 2006, al 7° e 8° posto.

Sabato mattina, mentre beveva una tazza di caffè, il weekend di De Vries è stato stravolto. Alexander Albon soffriva troppo di appendicite e De Vries dovette riprendere il suo posto. Tra l’annuncio e le terze prove libere è trascorsa un’ora e mezza, quindi non c’è stata una preparazione adeguata.

De Vries, un talentuoso pilota di kart in passato, non ha avuto freddo e ha corso fino al 13° posto in qualifica. Ha anche guadagnato cinque posizioni a causa delle penalità in griglia imposte da altri piloti, su una vettura notoriamente mediocre in Formula 1. Il suo compagno di squadra Nicholas Latifi era notevolmente davanti a De Vries nelle qualifiche.

Nel mondo delle corse nessuno dubita delle capacità di guida di De Vries. Ha esperienza in Formula 1 da questa stagione. Venerdì ha fatto il giro di Monza come sostituto temporaneo di Sebastian Vettel sulla sua Aston Martin Mercedes. All’inizio di quest’anno ha testato le vetture di Lewis Hamilton e Albon.

Nessuna possibilità

Con il Campionato di Formula 2 (2019) e il Campionato del Mondo di Formula E (2021), la promozione alla Motor Racing Champions League sembrava una questione di tempo per anni. Colleghi come Charles Leclerc, Lando Norris e George Russel hanno lasciato il pool di talenti della Formula 2, De Vries è rimasto indietro nonostante il suo dominio. Laddove, ad esempio, Latifi è andato in Formula 1 grazie ai milioni di suo padre, le porte sono rimaste chiuse per De Vries. Nonostante le molte promesse, non ha avuto la sua occasione anche tramite la McLaren, dove è stato sotto contratto per nove anni.

De Vries ha mostrato resilienza, ingoiando la sua delusione più e più volte e guardando al futuro. I risultati passati non contavano. Doveva continuare. De Sneker ha perseverato nella sua missione di arrivare in Formula 1. Il suo giorno non era ancora arrivato, solo gli anni avanzavano e le possibilità si stavano riducendo.

Il suo giorno è arrivato al Gran Premio d’Italia. Mentre Verstappen ha superato i suoi rivali con stivali da sette miglia sul circuito fulmineo e ha ottenuto l’undicesima vittoria della stagione, De Vries ha guidato in modo chiaro e spettacolare al nono posto, buono per due punti in Coppa del mondo. Ciò ha portato il totale della squadra da quattro a sei.

Dopo la gara, de Vries ha superato Verstappen lungo la strada. “Congratulazioni a lui per la vittoria, ma anche questa sembra una vittoria per noi”, ha detto de Vries a Viaplay. “Sono anche orgoglioso, felice di aver colto questa opportunità con entrambe le mani. Questo è un ottimo risultato per il mio debutto.

La sua prestazione arriva al momento perfetto poiché la Williams prevede di sostituire Latifi con un altro pilota per la prossima stagione. De Vries non ha più bisogno di scrivere una lettera di presentazione. Le corse in Formula 1 sono successe davvero.

Leggi anche:

“Max-mania” a Zandvoort si conclude con un uragano di suoni per il trionfo di Verstappen

La “Max-mania” di Zandvoort era ancora più grande dell’anno scorso. In questa follia, l’eroe in questione, il campione del mondo Max Verstappen, è rimasto impassibile e freddo. Ha vinto, di nuovo.

READ  I segni più tossici dell'oroscopo: la classifica di oggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *