Il leader di destra Salvini minaccia di rovesciare il governo italiano | All’estero

Salvini ritiene che il governo sia troppo accomodante con i partiti di sinistra che sono anche al governo. Dall’inizio di quest’anno sono arrivati ​​in Italia 22mila migranti dal Nord Africa, a cui Salvini vuole porre fine. Vuole anche una riduzione delle tasse, ad esempio sulle accise, per migliorare il potere d’acquisto dei pensionati e riformare il sistema giudiziario. Vuole anche migliorare l’ordine pubblico, soprattutto nelle grandi città.

Mobiletto

L’ex presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ha guidato un gabinetto trasversale dal febbraio dello scorso anno, tra cui il movimento populista Cinque Stelle, il PD di centrosinistra e la Lega. Il suo compito principale è gestire i miliardi di euro che l’Italia ha ricevuto e preso in prestito e riformare l’economia. Ci saranno nuove elezioni parlamentari il prossimo anno. Ma la domanda ora è se Salvini abbia maggiori probabilità di causare una crisi di governo.

L’unico partito di opposizione è il partito di destra Fratelli d’Italia (Fratelli d’Italia) di Giorgia Meloni. Questa posizione sta dando i suoi frutti. Nelle ultime elezioni amministrative il partito è risorto. Anche nel nord Italia, tradizionale roccaforte della Lega, Fratelli d’Italia si rivela spesso il partito più numeroso. Da più di un anno assistiamo allo spostamento dell’elettorato di destra dalla Lega ai Fratelli d’Italia.

Risposta

Salvini sta cercando in tutti i modi di trovare una risposta a questo. Ma molte delle sue azioni falliscono. Questo vale, ad esempio, per la sua recente e poi ritirata intenzione di andare a Mosca, dove era ansioso di parlare di pace con il presidente russo Putin. Ciò ha suscitato molte critiche e incomprensioni, soprattutto perché non si trattava esattamente di un’iniziativa del governo. Mentre Meloni è all’opposizione, come Draghi, è dalla parte della Nato contro la Russia.

READ  Il M5s cala i pantaloni e si accontenta di una mini modifica alla prescrizione. Via libera alla riforma Cartabia “all'unanimità”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.