il mondo non è in buona forma, ma molto meglio di due secoli fa

il mondo non è in buona forma, ma molto meglio di due secoli fa

Gerard Govers è vicerettore del gruppo Scienza e Tecnologia presso KU Leuven.

Gérard Gouvers

Lo scrittore Yves Petry chiude la sua intervista a Proust La mattina conclude con “Conosco così tante persone intelligenti, colte, istruite che sono così stufe di questa società, provano una tale antipatia per essa” e, tra l’altro, sentono anche “il pensiero puramente digitale, guidato dal successo”, perché questo è “così vuoto, così vuoto, così stupido”.

Il malcontento di Petry è principalmente suscitato dal fatto che, a suo avviso, le arti e le lettere non hanno il posto che meritano. Ma non è l’unico intellettuale a cui non piace la nostra società: altri ci dichiarano dannati perché in Ucraina c’è la guerra, il clima si sta riscaldando più velocemente che mai e/o perché i giovani sarebbero sempre più infelici. Di certo non cose che mi rendono felice: una persona inizierebbe ad aspirare a un altro modello di società per meno.

E persino. Se lo guardiamo, sì, digitalmente, emerge un’immagine diversa. Una società globale che è riuscita a dimezzare la mortalità infantile in 25 anni (da circa 8 bambini su 100 a meno di 4 bambini su 100) è davvero così grave? Oppure andrà tutto perduto nelle Fiandre, dove il numero di abbandoni scolastici si è dimezzato tra il 2000 (11,6%) e oggi (5,3%) e dove continua ad aumentare la quota di giovani in grado di proseguire gli studi superiori? In India, negli ultimi 20 anni, non meno di 300 milioni di persone sono state sottratte alla povertà estrema (meno di 2 dollari al giorno). Possono iniziare a pensare a un’esistenza dignitosa invece di dover pensare a cosa mangeranno quel giorno. Siamo quindi ben lontani dagli scenari catastrofali apocalittici che pessimisti di professione come Paul Ehrlich ci raccontano da decenni. Puoi solo chiamare progresso.

READ  "Visita in ospedale, l'odissea è vissuta per nostra figlia"

Malaria

Non tutto è cupo. Ci sono progressi significativi e misurabili in tutto il mondo, su molti fronti. Ma c’è ancora molto da fare: il problema climatico è reale e dovremo investire in modo massiccio per risolvere questo problema. La buona notizia è che sta accadendo ora: il 2022 è stato il primo anno in cui gli investimenti globali nelle fonti energetiche rinnovabili hanno superato le fonti fossili convenzionali come petrolio e gas. E lentamente ma inesorabilmente, stiamo portando sotto controllo la malaria, una malattia che uccide ancora 600.000 persone all’anno. Ci sono già 300mila morti in meno rispetto al 2005 e finalmente arrivano i vaccini.

Il clima, la salute e altre questioni richiederanno ancora sforzi significativi. Ma se gli intellettuali ci dicono che la società non vale la pena, come possiamo aspettarci che i cittadini comuni si impegnino con la società (e per il loro bene) e facciano lo sforzo di risolvere i nostri problemi? Lasciare la società senza futuro non è solo intellettualmente disonesto, è anche una profezia che si autoavvera che dovrebbe essere evitata. Allora dai, Yves: il mondo non è messo bene, ma molto meglio di due secoli fa. E può essere molto meglio. Ma dobbiamo anche lavorarci da soli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *