Il museo dei selfie nei Paesi Bassi è fallito dopo il fiasco all’estero: “Il coperchio sul naso” |  Interni

Il museo dei selfie nei Paesi Bassi è fallito dopo il fiasco all’estero: “Il coperchio sul naso” | Interni

Il Selfie Museum Youseum di Amsterdam è già fallito dopo più di tre anni. Le filiali all’estero stavano andando così male che anche il museo nei Paesi Bassi stava avendo problemi. Co-fondatore Koen Derks: ,,Abbiamo commesso un errore.”

Quella che era iniziata nel novembre 2019 come iniziativa contemporanea di due cugini è finita martedì in una dichiarazione di bancarotta presso il tribunale di Amsterdam. Il Museo Instagram, come è anche noto il museo, ha filiali ad Amsterdam e Leidschendam nei Paesi Bassi. Secondo Derks, i due rami hanno funzionato “come un fascino” fino ad oggi, ma non era più sostenibile.

Youseum è incentrato su di te e sei “ispirato” a pensare al ruolo dei social media nella tua vita. I visitatori vengono guidati attraverso diverse aree dove possono giocare e posare per selfie perfetti. Ogni stanza ha il suo tema ed è riccamente colorata e decorata con attributi speciali, come una vasca verde circondata da piante, banconote sparse su uno sfondo di pareti dorate e una nave che si alza a metà del pavimento.

Posizione più costosa

A causa del successo nei Paesi Bassi, gli ambiziosi imprenditori hanno deciso di espandere il loro concetto all’estero. Nel dicembre 2021 hanno raccolto 3 milioni di euro per aprire una filiale in Svezia. Secondo Derks in un centro commerciale simile a Leidschendam, ma ancora più grande e affollato. Derks: ,, Questa location più costosa non è andata bene fin dall’inizio e siamo riusciti a tenerla aperta per un anno con i soldi che abbiamo guadagnato nei Paesi Bassi.”

READ  Bollo auto 2021, chi non lo deve pagare e chi ha diritto al rimborso

Anche un pop-up store in Germania, aperto da alcune settimane la scorsa estate, ha dovuto chiudere a causa dei risultati deludenti.

Youmuseum in Svezia.
Youmuseum in Svezia. © ANP/AFP

In Svezia, gli imprenditori si sono trovati di fronte a cose per le quali non erano preparati. Derks: ,, Qui è dove ci siamo messi il coperchio sul naso. Ci siamo ingannati pensando di poter copiare il nostro successo nei Paesi Bassi uno contro uno all’estero. Ma la Svezia è un paese diverso. Vigono regole diverse, non parliamo la lingua e abbiamo meno sensibilità con la cultura”.

Quando i fondatori hanno saputo due settimane fa che dovevano chiudere i battenti ad Amsterdam perché era scaduto il contratto per l’edificio anti-squat, hanno deciso di dichiarare bancarotta.

mobili costosi

“Una volta che la tempesta si sarà calmata, possiamo iniziare a pensare di aprire di nuovo sedi nei Paesi Bassi”, dice Derks quando gli viene chiesto. “Quando si costruisce un nuovo sito, bisogna anche essere in grado di arredare tutto. Questa attrezzatura è molto costosa e non ce l’abbiamo più”.

In questo momento, la loro priorità è risolvere le questioni in modo equo con il personale e le altre parti interessate. Derks: ,,Il punto di partenza è che io e mio cugino inizieremo qualcosa di nuovo insieme, perché è andato bene.

Youseum rimarrà aperto ai visitatori per il momento. Non posso ancora dire nulla sulla causa dei problemi finanziari. È (molto) troppo presto per questo”, ha dichiarato Michel Doorten, curatore di Blauw Tekstra Uding NV in una risposta scritta a questo sito. ‘I candidati interessati alla filiale di Leidschendam possono contattarmi.’

READ  Bollo auto, ecco la mini sanatoria - Auto World

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *