Il Museo Edams non ne ha mai abbastanza del “proprio” artista Nieuwenkamp: ora occhio al suo giardino all’italiana in “Hortus Conclusus”

Il Museo Edams non ne ha mai abbastanza del “proprio” artista Nieuwenkamp: ora occhio al suo giardino all’italiana in “Hortus Conclusus”

WOJ Nieuwenkamp nel 1909 interpretato da Nico Jungmann© Scultura dalla collezione del Museo Edams

Hans Swierstra

Edam

Il giardino paradisiaco di Wijnand Otto Jan Nieuwenkamp è il tema della nuova mostra che inaugurerà sabato 25 marzo all’Edams Museum.

Nieuwenkamp (1874-1950) è stato uno degli artisti più importanti di Edam. Per amore della città, ha salvato gli edifici dal martello demolitore e ha fatto restaurare di sua iniziativa le vetrate della Grote Kerk. È stato uno dei fondatori dell’Associazione Oud Edam ed è stato membro del consiglio del Museo Edams fino alla sua morte nel 1950.

Leggi anche: Arrivo festoso del “prestito del secolo” a Edam; per Wijnand Otto Jan Nieuwenkamp il cerchio è completo

Quasi continuamente, il museo fa “qualcosa” con Nieuwenkamp. Ora è evidenziato il giardino di Villa Nieuwenkamp vicino a Firenze, in Italia. Nel 1926 vi acquistò la Villa Riposo dei Vescovi, che ribattezzò Villa Nieuwenkamp. Tra il 1926 e il 1947 costruì, ristrutturò e restaurò la sua villa e il suo giardino. Ha trasferito libri, mobili e persino ritagli di piante Edam in Italia. Il giardino del paradiso è stato arricchito con una piscina, reperti archeologici, statue, vasi e fontane – paragonabili al biblico Hortus Conclusus – il giardino recintato e sicuro dove la fontana della vita è centrale.

(Il testo continua sotto la foto)

‘La nuova fontana rotonda da laghetto spruzza per la prima volta’ di WOJ Nieuwenkamp© Scultura dalla collezione del Museo Edams

Ha realizzato vari disegni e schizzi di pittura del giardino. Questi possono essere visti nella terza mostra con opere di Nieuwenkamp. La mostra comprende anche disegni di oggetti Edam che l’artista ha trasferito in Italia, come il disegno con “Il Buddha imperturbabile in mezzo alla violenza della guerra”. che mostrò anche il suo giardino a Edam. Questa statua del Buddha ora si trova accanto alla sua lapide nel suo giardino all’italiana, con vista sulle fontane.

READ  VINCITORI E PERDENTI DELLA CRESCITA DELL'ITALIA: Pharmacosmo e Illa guidano le performance rialziste

Leggi anche: Dopo 90 anni, la nave officina De Zwerver van Nieuwenkamp è di nuovo “di casa” a Edam

La mostra ‘Hortus Conclusus’, a cura di Julie Hengeveld, è visitabile per quasi un anno dall’inaugurazione sabato 25 marzo presso la Coopmanshuys di Damplein 8. I visitatori possono venire a visitarla fino al 10 marzo 2024. Per informazioni e apertura ore: edamsmuseum.nl.

Il commissario Julie Hengeveld per i Coopmanshuys.© Foto di Babiche Tervoort

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *