Il “nodo” nei tuoi muscoli è un enigma scientifico

Il “nodo” nei tuoi muscoli è un enigma scientifico

corde da battaglia legate a forma di cuore

Giovanna ParkinGetty Images

Con la punta delle dita possono sentire i nodi muscolari e anche massaggiarli, promettono alcuni massaggiatori. E molte cliniche fanno un lavoro breve per i nodi muscolari ricorrenti con trattamenti “ad ago secco” e “ultrasuoni”, concordano i loro clienti soddisfatti. Ma ci sono anche scienziati che dubitano dell’esistenza stessa dei “punti trigger”, come vengono anche chiamati i nodi muscolari. Il mondo dei nodi muscolari è confuso, questo è certo.

La domanda è cosa sono esattamente i pulsanti

Esperti con un’innegabile conoscenza del corpo umano si battono da anni praticamente su ogni dettaglio. Cosa sono esattamente i nodi muscolari. Come sorgono. Perché fanno male. O pezzi di stoffa letterale aggrovigliato, o se si tratta solo di “blocchi neurovascolari”. In realtà, nessuno lo sa davvero.

Spiegazione 1: micro crampi

L’affermazione più comune è che ci siano i “microcrampi”: piccoli frammenti di fibra muscolare che si bloccano nella posizione accorciata e tesa. Questo crea un ispessimento che blocca il flusso sanguigno sano. La conseguenza? I rifiuti si accumulano. Le cellule nervose inviano un segnale di dolore. I tessuti circostanti compenseranno la tensione e diventeranno anche rigidi.

Da dove viene il crampo?

D’accordo, ma il motivo per cui questi crampi si verificano in primo luogo non è chiaro. Naturalmente, le teorie abbondano. Si parla di “crisi energetica”. I nostri muscoli non solo hanno bisogno di un po’ di energia (ATP) per contrarsi, ma anche per rilassarsi di nuovo. Se la fornitura di blocchi energetici si esaurisce localmente a causa di una postura angusta a lungo termine, il muscolo continua a tendersi in attesa di “lasciarsi andare!” segnale. Ma a causa del blocco che si è verificato, questo segnale non passa.

READ  Coronavirus, 5 nuovi casi nel Ravennate. Ce ne sono 155 nella regione

Spiegazione 2: Perdita di calcio

Una spiegazione alternativa afferma che quando le fibre muscolari sono sovraccaricate, ad esempio a causa di un movimento scorretto o di una postura scorretta prolungata, le piccole sacche nelle cellule muscolari si strappano. Da questo reticolo sarcoplasmatico perdita di calcio. Anche questo si lega alle proteine ​​che danno l’ordine di continuare a stringere un pezzo di fibra muscolare e così le cose si bloccano per molto tempo.

Spiegazione 3: “preservativi” secchi

Un’altra teoria si concentra sui “preservativi” che circondano le fibre muscolari. I muscoli sono costituiti da fasci di fibre lunghe. Ognuna di queste fibre è ricoperta da un gambo simile a una ragnatela di tessuto connettivo liscio. Una specie di preservativo. Probabilmente hai visto come i maghi intelligenti fanno scivolare dolcemente due pile di carte da gioco in una pila più spessa. Più o meno la stessa cosa accade quando contrai i bicipiti o altri muscoli: scivolano l’uno sull’altro in una massa spessa, più corta e soda. Ma se tendi un muscolo troppo a lungo, il tessuto connettivo può seccarsi in alcuni punti. Il preservativo diventa ruvido e quindi pezzi di fibre muscolari non possono più scivolare nella loro posizione rilassata. Le cose stanno letteralmente andando male.

Il pulsante esiste?

Tutto questo suona abbastanza plausibile. Tuttavia, la ricerca scientifica non è stata ancora in grado di fornire una risposta definitiva sulla vera natura dei nodi muscolari. Tipico è lo studio condotto dal fisiologo Fred Wolfe (American College of Rheumatology) nel 1992. Ha chiesto a quattro esperti di “trigger point” di trovare nodi muscolari in pazienti e non. Non potevano essere d’accordo su chi fossero i veri pazienti e dove sarebbero stati i punti trigger.

READ  ASTEROIDE potrebbe colpire la TERRA nei GIORNI a venire. Ecco la DATA prevista e le CONSEGUENZE »ILMETEO.it

Il massaggiatore non è ancora un ciarlatano

Questo nodo di confusione non significa che i massaggiatori siano ciarlatani. Perché che si tratti di un blocco, di un’overdose di calcio, di una crisi energetica, di un problema di rifiuti, di un preservativo ruvido o di un vero e proprio nodo tissutale, non c’è dubbio che una stimolazione profonda dei tessuti, ad esempio attraverso il massaggio, sembra in grado di risolvere il problema . Quindi puoi ancora liberarti dei nodi muscolari, che esistano o meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *