Il nonno non ti ha capito al pranzo di Natale?  Potrebbero non essere solo le sue orecchie, secondo una nuova ricerca

Il nonno non ti ha capito al pranzo di Natale? Potrebbero non essere solo le sue orecchie, secondo una nuova ricerca

Il nonno non ti ha capito al pranzo di Natale?  Potrebbero non essere solo le sue orecchie, secondo una nuova ricerca

Parte del problema risiede nel cervello. E questa è anche la buona notizia. Perché significa che il cervello può essere addestrato a filtrare il rumore di fondo.

Più le persone invecchiano, più il loro udito si deteriora. Questa è purtroppo l’inevitabile verità. Gli scienziati sanno che questa “perdita dell’udito legata all’età” può essere collegata al danneggiamento delle cellule ciliate dell’orecchio interno nel tempo. Ma ora i ricercatori sono dentro un nuovo studio scoprire che c’è molto di più. Il cervello sembra avere una notevole quantità a che fare con la condizione.

Conversazione in un ristorante più rumoroso
La maggior parte delle persone sperimenterà una qualche forma di perdita dell’udito dopo il 65° compleanno. Ad esempio, diventa più difficile catturare conversazioni individuali che si svolgono al tuo tavolo nel mezzo di un ristorante affollato e rumoroso. E non si può dare la colpa solo alle orecchie. “L’udito non è limitato alle orecchie”, spiega il ricercatore Patrick Kanold.

Cervello
Per chiarire il ruolo del cervello nella perdita dell’udito legata all’età, i ricercatori hanno condotto esperimenti sui topi. Kanold e i suoi colleghi hanno registrato l’attività di non meno di 8.078 cellule cerebrali (o neuroni), nella cosiddetta corteccia uditiva (la parte del cervello in cui vengono elaborati gli stimoli sonori) di 12 topi anziani (di età compresa tra 16 e 24 mesi) e 10 giovani topi (2-6 mesi).

Esperienza
Anche prima dell’inizio degli esperimenti, i topi sono stati condizionati a leccare una tromba d’acqua quando hanno sentito un certo tono. Lo stesso esercizio è stato poi eseguito mentre i ricercatori riproducevano un “rumore bianco” in sottofondo.

Cos’è il rumore bianco?
Il rumore bianco è un rumore di fondo monotono, in cui l’ampiezza media è la stessa per ogni frequenza. Ci sono esempi tratti dalla natura, come le onde del mare, la pioggia o il vento che soffia tra gli alberi, ma molti dispositivi producono anche rumore bianco, come un ventilatore, un aspirapolvere o il motore di un’auto. Ora è usato per calmare i bambini che piangono, per aiutarti a dormire meglio o a concentrarti meglio.

Senza il rumore ambientale, i vecchi topi, quando sentivano un suono, leccavano il getto d’acqua così come i giovani topi. Ma quando i ricercatori hanno aggiunto il rumore bianco, i vecchi topi hanno leccato molto meno il beccuccio dell’acqua, suggerendo di aver sentito il tono meno bene. Inoltre, a volte leccavano il flusso d’acqua anche prima che il suono venisse riprodotto. Ciò indica che gli antichi topi pensavano di aver sentito un suono, quando in realtà non ce n’era nessuno.

READ  Il suo cuore si ferma mentre suona: tredici anni salvati dai medici. Il padre: "E' crollato a terra, eravamo paralizzati dal terrore"

corteccia uditiva
Quindi, per vedere come si sono comportati i neuroni uditivi durante il test dell’udito, i ricercatori hanno utilizzato una tecnica di imaging avanzata che ha permesso loro di visualizzare la corteccia uditiva dei topi. E questo porta a una scoperta sorprendente. In circostanze normali, quando i circuiti cerebrali funzionano correttamente in presenza di rumore ambientale, nel momento in cui i topi sentono il suono, alcuni neuroni diventano più attivi. Allo stesso tempo, altri neuroni sono stati soppressi o disattivati. Nella maggior parte dei topi anziani, tuttavia, l’equilibrio si è ribaltato. Avevano neuroni prevalentemente attivi. Questo perché i neuroni che avrebbero dovuto essere soppressi o disattivati ​​sono rimasti attivi. In breve, il cervello dei topi antichi non è riuscito a sopprimere alcuni neuroni quando il tono veniva riprodotto in presenza di un forte rumore di fondo.

Reprimere
Ciò significa che i giovani topi sperimentano effettivamente cambiamenti costanti nel rapporto tra neuroni attivi e neuroni inattivi. I topi anziani, invece, hanno generalmente un numero più costante di neuroni attivi. Le modifiche consentono ai topi giovani di sopprimere il rumore ambientale, mentre i topi vecchi no. Secondo i ricercatori, ciò significa che il cervello ha più difficoltà a concentrarsi su un tipo di suono, come le parole pronunciate, e a filtrare il “rumore” circostante. “La capacità di distinguere tra i singoli suoni è compromessa”, afferma Kanold.

Treno
Quindi quando il nonno non ti ha preso bene durante la cena di Natale, non è stato solo per le sue orecchie. Anche il suo cervello gioca un ruolo in questo. E questa, secondo i ricercatori, è anche la buona notizia. Il cervello umano è plastico, il che significa che possiamo influenzare il modo in cui funziona il cervello e le connessioni nel cervello. Kanold ritiene quindi che, grazie a questa flessibilità, il cervello possa essere addestrato a filtrare il rumore di fondo. “Potrebbero esserci modi per allenare il cervello a concentrarsi su un suono specifico in mezzo a una cacofonia di rumore”, pensa.

READ  Il Museo Van Gogh lancia il proprio programma di salute mentale

Ulteriori ricerche sono già in corso. Ad esempio, secondo Kanold, sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire il legame preciso tra l’incapacità di spegnere alcuni neuroni in mezzo al rumore ambientale e il timpano. Kanold vuole anche indagare ulteriormente sui circuiti cerebrali coinvolti e su come cambiano con l’età, nonché sulle possibili differenze tra uomini e donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *