Il nuovo regolamento europeo sui noleggi a breve termine

La Corte di giustizia dell’Unione europea ritenuto legale e in conformità con il diritto dell’Unione Europea, regolamento del governo francese che riconosce il diritto delle città di stabilire che gli affitti a breve termine sono soggetti a specifica autorizzazione. In particolare, il provvedimento riguarda appartamenti offerti in locazione per brevi periodi via Internet, fenomeno che, oltre a provocare nel tempo una carenza di alloggi per i residenti, ha creato problemi anche agli albergatori. La sentenza della Corte di giustizia potrebbe avere conseguenze per le società che gestiscono anche affitti a breve termine in altre città europee.

La sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea ha riguardato il caso di un monolocale offerto in locazione a breve termine da Airbnb, che è nota proprio per l’affitto breve di camere e appartamenti per i clienti di passaggio. Sia il giudice del tribunale di primo grado che la corte d’appello di Parigi avevano sanzionato i due proprietari dello studio per aver affittato l’appartamento senza autorizzazione e “in più occasioni”. La Corte di giustizia ha inoltre dichiarato illegale il modo in cui è stato eseguito il servizio, chiarendo i requisiti già espressi nella legge francese, e ha condannato i proprietari a pagare una multa di 40.000 euro in totale. Rilevando che la legge francese in questo settore era conforme alla legge europea, la Corte ha anche precisato che “la lotta contro la carenza di alloggi in affitto a lungo termine è un motivo imperativo di interesse generale che giustifica tale legislazione”.

Per il sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, la sentenza della Corte è una “vittoria attesa da molte città” e rappresenterà la svolta nella regolamentazione degli affitti a breve termine, ma anche un importante “passo avanti” per garantire il diritto alla casa per tutti i cittadini. Secondo la legge sugli affitti del municipio di Parigi e precedenti accordi con Airbnb, un proprietario può affittare un alloggio in cui risiede per un massimo di 120 giorni all’annoe ogni annuncio deve contenere un numero di identificazione per consentire di verificare che una casa non venga affittata per periodi più lunghi.

– Leggi anche: Il capo di Airbnb dice che il viaggio non sarà più lo stesso

Già all’inizio del 2019 il comune di Parigi ha chiesto ad Airbnb 12,5 milioni di euro a titolo di risarcimento per la violazione delle regole di noleggio della città. Nel un’intervista al settimanale Giornale della domenica Hidalgo ha detto che le ispezioni avviate dal comune hanno rilevato 1.000 annunci pubblicitari illegali, punibili con una multa di 12.500 euro ciascuno, e che l’obiettivo dell’amministrazione di Parigi era quello di “innescare una scossa elettrica e porre fine a questi affitti incontrollati. che contaminano alcune zone di Parigi “.

In accordo con ha ricostruito RFI, negli ultimi anni a Parigi sono andate perse oltre 20.000 case, che invece di essere comprate o destinate ad affitti lunghi sono state acquistate da persone che le utilizzano per affitti brevi, rendendola un’azienda che ha ha creato notevoli problemi a chi vuole trovare un alloggio per viverci, sia agli albergatori. Secondo RFI, Airbnb ha affermato di “accogliere la decisione” della Corte di giustizia e lavorerà insieme per chiarire le regole che si applicano a coloro che desiderano affittare la loro seconda casa a Parigi.

– Leggi anche: La crisi della sharing economy

Anche in Italia nel 2016 si è parlato di “Tazza Airbnb“Introdurre nuove regole e chiarire la tassazione dei servizi che gestiscono gli affitti a breve termine, ma nel 2019 la Corte di giustizia europea ha stabilito che Airbnb era una piattaforma online e non è assimilabile ad un’agenzia immobiliare, e quindi non era soggetto alle stesse regole. Ora, la nuova sentenza suggerisce che anche altre città europee potrebbero intraprendere un’azione simile contro le aziende che gestiscono affitti a breve termine.

RFI ha scritto che la scorsa settimana una rappresentanza di 22 città europee, inclusa Parigi, ha incontrato il commissario europeo per la concorrenza Margrethe Vestager per chiederle di risolvere questioni legali e fiscali relative alle piattaforme online che offrono affitti a breve termine . Oltre a far notare che queste società operano come alberghi ma senza seguire le stesse regole, tutte le 22 città europee lamentano che in alcune situazioni l’uso diffuso di affitti a breve termine ha portato ad un aumento ingiustificato dei prezzi degli immobili.

READ  Fiat Chrysler: questo è quello che ha detto Ralph Gilles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *