Il prezzo del gas scende nuovamente sotto gli 80 euro a causa del clima invernale caldo |  Economia

Il prezzo del gas scende nuovamente sotto gli 80 euro a causa del clima invernale caldo | Economia

I prezzi della benzina sono scesi per l’ottavo giorno consecutivo mercoledì. Mercoledì mattina i commercianti hanno pagato 77 euro per megawattora. Questo è il prezzo del gas più basso da quando la Russia ha attaccato l’Ucraina a febbraio.

Il calo è dovuto principalmente all’inverno mite in gran parte dell’Europa. Si prevede inoltre che le temperature relativamente elevate persisteranno per un po’ di tempo. Di conseguenza, le famiglie e le imprese devono consumare meno carburante, il che significa che le forniture di gas vengono mantenute meglio.

Due settimane fa un megawattora costava ancora più di 137 euro. Nel frattempo, il prezzo è sceso di quasi il 44%. Rispetto al prezzo record di circa 350 euro di fine agosto, il calo è addirittura superiore al 75%.

Un prezzo del gas permanentemente basso può portare a bollette energetiche più basse nei mesi a venire. Se i fornitori di gas come Eneco, Essent e Vattenfall possono acquistare il loro gas a un prezzo inferiore, a lungo termine possono anche abbassare i prezzi per le famiglie.

Se effettivamente paghi meno dipende, tra l’altro, dalla politica di acquisto del tuo fornitore e dal tipo di contratto che hai. Anche il price cap entrerà in vigore il 1° gennaio. Questo dovrebbe anche aiutare a mantenere la bolletta energetica accessibile.

Un prezzo di 77 euro è ancora alto rispetto agli anni precedenti. Diciotto mesi fa, ad esempio, un megawattora costava poco più di 20 euro. Prima quel prezzo era ancora più basso.

READ  Bonus auto, altri possibili incentivi di Sostegni bis Dl: come funziona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *