Nella battaglia tra uomo e natura, l’italiano è spesso il perdente

Nella battaglia tra uomo e natura, l’italiano è spesso il perdente

Un peluche a forma di Minnie Mouse è sepolto sotto fango e pezzi. Coloro che fanno del loro meglio possono ancora vedere un po’ di lanugine rosa nella scena grigia. Sullo sfondo sono visibili scheletri di automobili e case crollate. Sembra una natura morta di Dnipro, in Ucraina. Ma questa è la soleggiata isola di Ischia, non lontana dalla costa di Napoli.

Precipitazioni estreme

Nessuna scena di guerra qui, ma uno spettacolo di disastri naturali. In una ventina d’anni non ha piovuto così tanto come a novembre in poche ore. Il risultato: una frana nelle ore buie del mattino. Case spazzate via, una colata di fango che ha trascinato verso il mare auto e pullman: grande la distruzione nel borgo di Casamicciola, noto per le sue terme.

Ben presto furono segnalati i decessi (il punteggio finale salì a undici). È stato compilato un elenco delle persone scomparse. A causa delle cattive condizioni meteorologiche, le ricerche in montagna e in mare sono state difficoltose durante le prime ore. I corpi trovati erano difficili da identificare, colpiti dai detriti della colata di fango. La vittima più giovane aveva meno di tre settimane.

Le immagini erano intense, ma belle da un punto di vista giornalistico – per quanto sembri duro.

Nelle conversazioni con i residenti devastati, si potevano sentire suoni di paura e rabbia. Compresa la domanda ricorrente: si poteva evitare questa tragedia?

Rompighiaccio e caldo senza precedenti

Anche quest’anno l’Italia sta vivendo diverse calamità naturali. Si pensi, ad esempio, alla rottura del ghiacciaio la scorsa estate nelle Dolomiti. A causa del calore sostenuto, una grande quantità di acqua di fusione ha creato una pressione interna che ha portato al cedimento. Guide esperte hanno sostenuto che non era sicuro intraprendere tour sui ghiacciai con una temperatura di 10 gradi sopra Celsius, ma le autorità non hanno dato alcun avvertimento.

READ  Cancellati 500 voli in Italia

Anche qui: undici morti e strazianti ricerche con elicotteri (vedi video sotto).

Nella battaglia tra uomo e natura, le persone in Italia hanno spesso la punta corta del bastone. E il gioco delle forze della natura sta guadagnando influenza. Gli eventi meteorologici estremi stanno diventando più frequenti.

Ma il trend è misurabile anche su un periodo più lungo, in caso di caldo e siccità senza precedenti. Ad esempio, il 2022 è stato l’anno più secco in settant’anni di storia e uno degli anni più caldi del secolo scorso. Oltre al disagio, questo significa scarsità d’acqua per uomini e animali e danni che si aggirano nell’ordine dei miliardi.

Sulla linea di fuoco

“L’Italia è sulla linea del fuoco”, ha detto il climatologo Antonello Pasini. Indica le emissioni di gas serra come la causa del riscaldamento globale. La regione del Mediterraneo – inclusa l’Italia – è stata identificata dall’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) come un hotspot del cambiamento climatico, con un riscaldamento superiore alla media del 20%.

Ma secondo lo scienziato le colpe delle persone in Italia sono di più: spesso mancano misure strutturali e un governo locale efficace. Basti pensare alla zona forestale italiana – e ai tanti incendi boschivi che devastano l’Italia in estate.

“Dubito che rimarrò in Italia”

Circa il 35 per cento del paese è foresta. Ma solo il 18% delle foreste è mantenuto nell’ambito di piani di gestione forestale, secondo un rapporto (2021) del Ministero della transizione ecologica. Nel periodo 1980-2018, 4 milioni di ettari sono stati colpiti da incendi. A causa della persistente siccità e dei venti caldi, quest’estate i vigili del fuoco hanno visitato Roma diverse volte.

READ  SpaceX vende terminali di riparazione danni all'Italia

La reazione politica preoccupa gli italiani. “Per troppo tempo abbiamo ignorato i climatologi. È in gioco il mio futuro: dubito di voler continuare a vivere in Italia”, dice la studentessa e attivista per il clima Giorgia Pagliuca, che vive in un appartamento senza aria condizionata in Piemonte. “Anche dal punto di vista economico, pensando ai costi per mitigare gli effetti del cambiamento climatico”.

Rientro a Ischia. Condizioni meteorologiche estreme, ma non solo. L’isola turistica è piena di costruzioni abusive, in luoghi dove il rilascio dei permessi è troppo rischioso. È anche difficile drenare l’acqua piovana a causa del boom edilizio; ovunque cemento, pietre e piastrelle.

In Italia questa costruzione illegale si chiama ‘abusivismo’. Un fenomeno diffuso e un grave rischio. Circa il 15% delle case in Italia sono state costruite senza permessi, secondo l’Istat. Ma in alcune zone – come Ischia – si arriva quasi al 50%. Dentro o intorno a un’area vulcanica, richiede guai.

La politica climatica non è una priorità in Italia, né è molto popolare. Ma aggiungiamo le condizioni meteorologiche sempre più estreme, le vulnerabilità politiche del Paese e l’elevato debito pubblico ed è chiaro che il futuro in quest’area è difficile. Una ricetta per più disastri e più vittime.

cane che abbaia

Anche se a volte c’è ancora un barlume di speranza. Non lontano dal peluche macchiato di fango, sono stati trovati altri peluche. Un cane ha abbaiato contro un’auto capovolta. A differenza del suo proprietario, era sopravvissuto. Con l’aumentare del bilancio delle vittime, è stato ritrovato dopo tre giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *