Il prezzo delle azioni Philips crolla dopo i numeri rossi a causa del dramma dell’apnea |  Finanziario

Il prezzo delle azioni Philips crolla dopo i numeri rossi a causa del dramma dell’apnea | Finanziario

La spesa aggiuntiva oltre ai 725 milioni di euro già sostenuti dall’azienda è necessaria perché devono essere riparate altre 300.000 unità e Philips vuole accelerare il ritmo dell’operazione di sostituzione. All’inizio di questo mese, Philips ha ricevuto una citazione dai tribunali americani, che vogliono maggiori informazioni su come potrebbero essere sorti i problemi con i dispositivi di apnea.

L’anno scorso è stato scoperto che i dispositivi utilizzati nel trattamento dell’apnea notturna possono rilasciare pezzi di schiuma fonoassorbente, che possono causare il cancro o altri problemi di salute. Oltre ai milioni che Philips spende per la sostituzione dei dispositivi, potrebbe potenzialmente affrontare miliardi di richieste di risarcimento da parte di pazienti o persone care.

Numeri rossi

I dati presentati oggi mostrano che Philips soffre di carenze di componenti e l’utile netto è sceso bruscamente in rosso, dove gli analisti si aspettavano generalmente che la società raggiungesse il pareggio. I ricavi dell’ultimo trimestre sono stati di 3,9 miliardi di euro, con una perdita di 151 milioni di euro sotto la linea. I positivi dovrebbero provenire principalmente dal portafoglio ordini, che ha raggiunto uno spessore record con un incremento del 5%. Anche il calo del 4% nelle vendite nello stesso negozio è stato meno forte di quanto gli analisti temessero in precedenza.

Il consistente aumento dei costi delle materie prime e dei materiali fa sì che, nonostante un programma di risparmio che ha portato 97 milioni di euro, permangono complessivamente 8 milioni di euro di riduzione dei costi. Per l’anno in corso, Philips vuole risparmiare altri 150-200 milioni di euro di costi.

Il presidente del consiglio, Frans van Houten, vede la forte domanda dei clienti e un portafoglio ordini ben riempito come supporto per le previsioni di crescita pubblicate dalla società a gennaio. Quindi, nonostante un previsto calo nel primo trimestre del 2022, la società prevede una crescita dei ricavi del 3-5%.

READ  Colonne elettriche: arrivano notizie importanti dal governo

Allo stesso tempo, ha avvertito che sviluppi come l’epidemia di coronavirus in Cina, la guerra in Ucraina e la carenza di componenti aumenterebbero i rischi che gli obiettivi non vengano raggiunti e gli ordini non vengano consegnati in tempo.

Ancora più costi

Inizialmente Philips pensava che sarebbe stato necessario sostituire o riparare tra 3 e 4 milioni di dispositivi, ma all’inizio di quest’anno ha annunciato che sarebbero stati 5,2 milioni, poiché sono in uso in media più a lungo di quanto previsto da Philips. Lunedì questo numero si è rivelato essere un ulteriore aumento di 300.000 unità, con un costo aggiuntivo di 65 milioni di euro, in aggiunta ai 725 milioni di euro già stanziati a tale scopo. Altri cento milioni saranno rilasciati da Philips per accelerare il processo.

Attualmente, Philips ha prodotto 2,2 milioni di kit di riparazione e il 90% delle macchine dovrebbe essere riparato o sostituito entro la fine di quest’anno. Alcuni pazienti hanno quindi aspettato più di un anno e mezzo dalla prima comparsa dei problemi con la “Dreamstation”.

Oltre ai problemi con i suoi dispositivi per l’apnea notturna, Philips ha dovuto segnalare la scorsa settimana che doveva anche emettere messaggi di avviso attorno ad alcuni dei suoi ventilatori. Alcuni tipi che aiutano i pazienti a respirare potrebbero bloccarsi senza suonare un allarme. Un paziente potrebbe essere morto, hanno riferito le autorità sanitarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *