Sono tre le affermazioni contro il “coccoloso marocchino”, ma non è finita |  Lei dice

Sono tre le affermazioni contro il “coccoloso marocchino”, ma non è finita | Lei dice

colonnaLa giornalista Debby Gerritsen si tuffa nelle notizie e scrive tre volte a settimana su ciò che ha in mente.

Ali B, il rapper con l’ormai dubbissimo soprannome di “coccolone marocchino” dovrà presentarsi in questura il mese prossimo. Due rapporti di stupro e un rapporto di aggressione sessuale attendono il sapore pigro mocro. Ma lo stoccaggio non è ancora finito. Anche la cantante Ellen ten Damme accusa Ali B di comportamento trasgressivo e ha pubblicato la sua storia la scorsa settimana dopo anni di silenzio. Per sostenere le donne che hanno già denunciato e come esempio per le vittime che non hanno ancora osato sporgere denuncia.


Preventivo

Dopo quello che Ali chiama un “innocente flirt”, avevano persino registrato un’altra canzone “vulnerabile”. Come se non fosse possibile dopo un’aggressione o peggio

Seguì un esempio forte incolpare la vittima della spiaggia di Dubai dove si nasconde il rapper. Ali B ripete da mesi la stessa canzone vecchio stile: non ho fatto niente, tutte le vittime mentono. E in particolare Ellen ten Damme. Dopo quello che Ali chiama un “innocente flirt”, avevano persino registrato un’altra canzone “vulnerabile”. Come se non fosse possibile dopo un’aggressione o peggio. Inoltre, a volte si scambiavano “dolci messaggi” e ad Ali veniva persino permesso di venire allo spettacolo di Ellen a Carré. Se fosse stato un tale idiota, non l’avrebbe mai permesso, ho letto nella sua dichiarazione. ‘Oddio. Cosa non hai capito allora! Ho gridato con rabbia al mio compagno di tavola che mi ha guardato con aria interrogativa. Rimase in silenzio. Neanche lui capiva.

READ  Sylvie Meis presenta "Il fratellino di Damián" ai suoi seguaci


Ci sono diversi motivi per cui una vittima è ancora in contatto con l’aggressore dopo un’aggressione o uno stupro. Non dimenticare che in oltre l’80% dei casi l’aggressore è noto alla vittima. Un amico, uno zio, un padre, un vicino o, come per Ellen, un collega. Inoltre, la vittima spesso non si rende immediatamente conto di cosa sia successo esattamente. Sei davvero confuso per un momento. Prova vergogna, senso di colpa e molta paura delle conseguenze se apri bocca. Questi sono spesso incalcolabili. Perché come reagisce la famiglia a uno zio giocherellone? O un gruppo di amici su un amico con cattive intenzioni? O il produttore di un popolare programma televisivo sui messaggi volgari di un noto musicista?

Fare una dichiarazione ha un enorme impatto su te stesso e sul tuo ambiente e spesso paga molto poco. Finché puoi mostrare segni di violenza, è la tua parola contro la sua – “è stato un flirt innocente” – e le possibilità di essere condannato in tribunale sono dannatamente scarse. Quali sono le alternative? Se sei forte, potresti affrontare tu stesso l’attaccante. Con tutti i rischi associati, dall’aggressione alla diffamazione. Ma nessuna di queste opzioni è allettante. E così, sfortunatamente, molte vittime scelgono di nascondere il trauma nel profondo di se stesse e continuano a vivere, a volte con l’aggressore nelle vicinanze. Per Ellen ten Damme, che incontrerà Ali B per tutta la sua vita lavorativa e ha una vita sotto i riflettori, deve essere stata una scelta difficile. Quindi ci vuole molto coraggio per uscire allo scoperto dopo così tanti anni. Non lo stai facendo per divertimento. E l’ultima cosa che puoi usare è una porzione non tagliata incolpare la vittima.

READ  È morto Robert Morse (90) attore di Mad Men

Iscriviti al podcast She Says



Anche settimanale via Spotify e itunes ascoltare.

Accetto non accetto? Puoi rispondere in fondo a questo articolo. Verranno pubblicati solo i commenti con un nome completo. Lo facciamo perché vogliamo un dibattito con persone che difendono ciò che dicono e ci mettono il loro nome. Se hai ancora bisogno di inserire il tuo nome, puoi farlo cliccando su “Accedi” in alto a destra del nostro sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *