Il primo ministro italiano Giorgia Meloni limita i diritti dei gay con una nuova legge

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni limita i diritti dei gay con una nuova legge

La populista di destra Meloni e il suo partito Fratelli d’Italia sono al potere in Italia dallo scorso ottobre. All’inizio di quest’anno, il governo ha ordinato a tutti i comuni italiani di interrompere la registrazione di alcuni figli di coppie LGBTQ+. Ad esempio, non possono più accettare atti di nascita di figli surrogati di due padri nati all’estero e di figli di due madri nati in Italia dopo fecondazione artificiale all’estero. Solo il genitore biologico è ancora riconosciuto.

Ciò ha un impatto importante sul genitore non biologico. Ad esempio, non può più andare a prendere i bambini a scuola da solo o approvare cure mediche per loro senza il consenso scritto del genitore biologico. Se il genitore biologico si ammala gravemente o muore, anche il genitore non biologico non ha diritti sui figli ei figli possono essere affidati alle cure di altri membri della famiglia o addirittura affidati.

LEGGE

In alcuni comuni, anche i figli registrati di coppie LGBTQ+ vengono nuovamente cancellati dai libri contabili. Solo a Milano sono stati segnalati quattro casi. Le coppie ricevono quindi una lettera dalla polizia e devono comparire in tribunale. In passato, generalmente non si è espresso a favore delle coppie LGBTQ+.

È stato il sindaco di centrosinistra di Milano a pubblicizzare la nuova legge il mese scorso. Il ministro della Famiglia Eugenia Roccella – prima pro-aborto, ora conservatore cristiano – non vede alcun problema con il nuovo provvedimento. Secondo lei, i bambini “non hanno necessariamente bisogno di due genitori legali”. Ritiene inoltre che non vi sia alcuna discriminazione nei confronti dei bambini “perché hanno sempre accesso all’istruzione e alle cure mediche attraverso il loro genitore legale”.

I genitori non biologici di coppie omosessuali ora possono ottenere diritti solo attraverso una procedura speciale per adottare i figliastri, ma possono volerci anni, costare migliaia di dollari e devono rispondere innumerevoli volte davanti ai servizi sociali e ai tribunali.

madre surrogata

Il mese scorso anche i partiti al potere in Italia hanno presentato una proposta per rafforzare significativamente la legge sulla maternità surrogata. La maternità surrogata è già vietata in Italia, ma la nuova legge impedirebbe anche alle coppie di viaggiare all’estero dove la maternità surrogata è consentita, come Stati Uniti o Canada. Ci sarebbero pene detentive fino a due anni e multe da 600.000 a 1 milione di euro.

Resta da vedere se il disegno di legge verrà effettivamente approvato. Sebbene la coalizione abbia una solida maggioranza in parlamento, permangono dubbi sulla base giuridica della proposta e colpirebbe in modo sproporzionato le coppie LGBTQ+. Dopotutto, la stragrande maggioranza delle coppie che usano la maternità surrogata sono coppie dello stesso sesso.

Meno diritti

Le coppie omosessuali hanno meno diritti in Italia rispetto al resto dell’Europa occidentale. Il matrimonio omosessuale non è riconosciuto lì. Le coppie LGBTQ+ possono registrare “civilmente” la loro relazione dal 2016, ma non possono semplicemente adottare i figli l’una dell’altra. Anche per loro non è possibile l’adozione ordinaria e l’inseminazione artificiale, come invece accade per le coppie eterosessuali.

Il Parlamento europeo non è d’accordo con le regole più severe del governo Meloni. Lo ha condannato in una risoluzione la scorsa settimana.

READ  Måneskin con l'album numero 1 esaurito Ziggo Dome

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *