Il puzzle della cura deve essere ripensato

L’ondata di invecchiamento che si sta dirigendo verso di noi da più di dieci anni è esacerbata dalla grave carenza di personale nel settore assistenziale. Tuttavia, gli esperti sono ottimisti. Il puzzle deve essere ripensato, ma la tecnologia e le persone sono pronte.

La missione di vita di un progressista ottimista, docente ospite di oncologia molecolare e salute digitale presso l’Università di Gand e autore Koen Kas è contribuire a una società in cui le persone non saranno mai più malate. “Nella medicina cinese, il medico deve mantenere i pazienti sani in modo che non debbano venire per un consulto. Questo cambiamento deve arrivare anche per noi”, dice.

Anche Nico De Fauw, psicologo e direttore di In4care, condivide questa opinione. “Sebbene l’ondata di invecchiamento non sia nuova, stiamo parlando di un problema acuto. È una sfida complessa. Da un lato, dobbiamo rispondere meglio ai bisogni delle persone che hanno bisogno di cure e, dall’altro, stiamo affrontando una carenza di personale sanitario”, afferma De fauw.

“Inoltre, il bilancio sanitario è sotto forte pressione”, continua Kas. “Il modello curativo non è più sostenibile. Attualmente, il 98% del budget viene utilizzato per gli ultimi due anni di vita. Grazie alla tecnologia, possiamo mantenere le persone sane a casa più a lungo con maggiore indipendenza, indipendentemente da un operatore sanitario. »

“Il puzzle della cura deve essere riconsiderato”, concorda De fauw. “In effetti, dobbiamo creare un nuovo puzzle.” Kas concorda: “Non dovremmo aspettare che lo tsunami ci travolga. Dobbiamo concentrarci sulla prevenzione e utilizzare la tecnologia per prevedere e prevenire le malattie legate all’età. Il mio sogno finale è lasciare che le persone muoiano giovani, ma il più tardi possibile.

READ  OVERZICHT. Antal nieuwe besmettingen stagneert, voor eerst sinds eind 2020 weer meer dan 4.000 patiënten with corona in ziekenhuizen | Instagram VTM NIEUWS

La tecnologia come salvatrice

“La tecnologia può non solo migliorare la vita dei pazienti, ma anche facilitare i compiti degli operatori sanitari o degli operatori sanitari. Credo fortemente anche nella socializzazione dell’assistenza sanitaria”, afferma De fauw. “Cura orientata al vicinato in combinazione con un aiuto professionale, se necessario. Usare la tecnologia sembra spaventoso, dopotutto le persone hanno paura di essere sostituite o di cure “disumanizzanti”. Ma l’esternalizzazione di attività di routine o di monitoraggio lascia più tempo per il contatto umano. O come riassume in modo succinto De Fauw: usare la tecnologia del freddo per una cura calda.

“La crisi della corona ha dimostrato che anche le persone di età superiore agli ottant’anni acquisiscono rapidamente familiarità con la tecnologia. Alcuni hanno bisogno di più supporto e ciò può essere ottenuto attraverso la consulenza del paziente”, afferma Kas. “La barriera era più grande, ma l’alfabetizzazione digitale è in aumento. Inoltre, le generazioni future sono cresciute con la tecnologia”, aggiunge De fauw.

Nella medicina cinese, il medico deve mantenere i pazienti sani in modo che non debbano venire per un consulto. Questo cambiamento deve arrivare anche per noi.

– Koen Kas, UGent

Dalle cinture ai suoli adattativi

È incredibile quante innovazioni siano disponibili oggi. Dai vasi di fiori con cui parlare, cinture con tracker e airbag per pazienti affetti da demenza agli ospedali virtuali, lampade con rilevamento delle cadute e pavimenti adattivi per rilevare malattie come la SM o la depressione.

Anche se l’innovazione non manca, l’implementazione di nuove tecnologie senza modificare i processi assistenziali sottostanti non porterà a nulla, avverte De fauw. L’intero settore, compreso il governo, deve essere coinvolto nella transizione. Sebbene la piramide di convalida sia un passo nella giusta direzione, i meccanismi di rimborso devono ancora essere ulteriormente sviluppati. “Non dovremmo nemmeno soffermarci troppo sulla tecnologia”, afferma Kas. “A volte dobbiamo usare il nostro buon senso. Pensa, ad esempio, ai chat desk di Jumbo: non sono high-tech, ma sono utili.

READ  GGD Hollands Midden apre una linea di informazioni sanitarie per i rifugiati dall'Ucraina

Il settore è sul punto di adottare la tecnologia e sta cambiando rapidamente. Entrambi gli esperti sono quindi ottimisti per il futuro. “Ho tenuto keynote per otto anni. All’inizio c’era molto scetticismo, ora non può andare abbastanza veloce”, conclude Kas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.