Il rapporto Usa sull’omicidio di Jamal Khashoggi

stati Uniti hanno rilasciato la versione completa di un rapporto dell’intelligence del 2018 sulla morte del dissidente e giornalista saudita Jamal Khashoggi, ucciso il 3 ottobre 2018 al consolato saudita a Istanbul, in Turchia. Il rapporto, scritto dalla Central Intelligence Agency (CIA), l’agenzia di intelligence internazionale del governo federale degli Stati Uniti, accusa il principe ereditario e capo de facto dell’Arabia Saudita, Mohammed bin Salman, di aver istigato l’omicidio.

Il rapporto afferma che “il principe ereditario Mohammed bin Salman ha approvato un’operazione a Istanbul, in Turchia, per catturare o uccidere il giornalista Jamal Khashoggi”.

Abbiamo parlato molto del rapporto quando nel novembre 2018 molti giornali americani ne hanno riportato estratti, ma il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha negato la sua veridicità e ne ha vietato la pubblicazione del tutto per mantenere buoni rapporti con i sauditi.

In effetti, più volte durante la sua presidenza, Trump è stato accusato di aver lasciato andare tutto – anche di aver ucciso Khashoggi – al fine di mantenere una stretta amicizia con l’Arabia Saudita e il suo leader. Tra le altre cose, Trump ha aumentato notevolmente il sostegno ai sauditi nella guerra dello Yemen e ha dato una sorta di tacito via libera alla mossa dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti. isolare il qatar, in quella che sarebbe poi diventata una delle più grandi crisi degli ultimi anni nel Golfo Persico.

– Leggi anche: Più di 6.000 migranti sono morti in Qatar negli ultimi dieci anni

La decisione del nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden di rendere pubblico il rapporto segna quindi anche un cambiamento decisivo nei rapporti degli Stati Uniti con l’Arabia Saudita, come già inteso quando ha iniziato alla Casa Bianca: Biden aveva già annunciato che gli Stati Uniti smetteranno di vendere certe armi all’Arabia Saudita e smetteranno di sostenerla nella guerra contro i ribelli Houthi nello Yemen.

READ  Spezia Sampdoria 2-1, gol e highlights: decide il rigore di Nzola

La morte di Khashoggi
Il 3 ottobre 2018, Khashoggi, dissidente e commentatore del Washington Post, è entrato nel consolato saudita a Istanbul per ottenere i documenti di divorzio e non è mai uscito: successive indagini e inchieste hanno mostrato che era stato ucciso da un commando di undici sauditi inviato quasi certamente da Mohammed ben Salman. Foto e dati degli undici uomini sono stati rivelati dai giornali turchi, che hanno citato fonti all’interno delle forze di sicurezza e del governo turco.

Bin Salman ha sempre negato di essere coinvolto nel caso, ma nell’ottobre 2019 ha detto di essersi preso “ogni responsabilità come leader dell’Arabia Saudita, soprattutto perché l’omicidio è stato commesso da individui che lavoravano per il governo saudita”. Anche l’Arabia Saudita ha un processo in atto, tutt’altro che chiaro, contro i presunti autori dell’omicidio, condannare infine cinque persone a morte ere persone a 24 anni di carcere.

Né l’imputato né il condannato erano Saud al Qahtani, un ex consigliere della corte reale saudita che è stato licenziato nel 2018 perché sospettato di aver avuto un ruolo nell’assassinio del giornalista. È stato soprattutto un licenziamento di facciata, perché al Qahtani è rimasto uno stretto collaboratore di bin Salman, pur mantenendo un profilo un po ‘isolato.

– Leggi anche: India e Pakistan annunciano il cessate il fuoco per la prima volta in quasi 20 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *