Il ruolo di Rabobank nella crisi dell’azoto

Il ruolo di Rabobank nella crisi dell’azoto

PAPÀ

Notizie ONSModificato

  • Carlotta Klein

    redattore di economia

  • Joram Bollea

    editore in linea

  • Carlotta Klein

    redattore di economia

  • Joram Bollea

    editore in linea

È colpa di Rabobank? La banca è di gran lunga il più grande finanziatore del settore agricolo nei Paesi Bassi ed è quindi in parte responsabile dello sviluppo della crisi dell’azoto, secondo partiti politici, organizzazioni sociali e partner della banca. La stessa Rabobank sembra ora svolgere il proprio ruolo con cautela riconoscere: “Con la consapevolezza di ora, avresti agito in modo molto diverso in passato.”

Questo approccio è stato caratterizzato per decenni stimolando l’intensificazione e la crescita dell’agricoltura. Ma l’aumento di scala è stato «schierato dal governo» ed è avvenuto «alle condizioni di mercato che l’azienda crea», denuncia subito la banca.

Quanto dovrebbe sbriciolare Rabobank nel suo latte? Lo spieghiamo in tre domande e grafici.

Perché l’agricoltura nei Paesi Bassi si è intensificata così tanto?

L’origine dell’agricoltura intensiva è poco dopo la seconda guerra mondiale. La politica olandese prima, poi la politica europea, è stata quella di promuovere l’efficienza e le economie di scala. Così, la fame doveva essere sradicata per sempre.

Grazie ai sussidi all’esportazione, ai dazi all’importazione, al consolidamento fondiario e all’innovazione tecnica, le piccole aziende agricole hanno lasciato il posto a grandi player, con un’enfasi sull’alta produzione. Spinto dalle sovvenzioni europee, è stato prodotto più di quanto richiesto, risultando nei famosi laghi di latte e montagne di burro.

Il latte è quindi relativamente meno redditizio per gli agricoltori rispetto al passato. Per evitare il deterioramento, sono quindi necessari aumenti di scala e un’intensificazione sostenuti. Dopo l’abolizione delle quote latte nel 2015, questo processo è ulteriormente accelerato, con più bovini e più mega stalle per azienda.

Il 40% delle emissioni di azoto proviene dall’agricoltura, il che significa che il settore contribuisce di gran lunga alla precipitazione dell’azoto in natura. L’allevamento provoca emissioni di ammoniaca, un composto azotato nocivo e una delle principali cause della crisi dell’azoto. Le emissioni di ammoniaca sono in calo dal 1991. Questa diminuzione è rimasta stagnante tra il 2013 e il 2017, in parte a causa della rimozione delle quote latte.

L’intensificazione dell’allevamento da latte si riflette nella riduzione del numero degli allevamenti, mentre il numero delle vacche rimane abbastanza stabile:

ILLUMINATO

Quanto è importante Rabobank per il finanziamento del settore agricolo?

Per pagare questi granai più grandi e altre attrezzature, gli agricoltori devono prendere in prestito denaro dalle banche. Rabobank sostiene di finanziare circa l’85% di tutte le imprese del settore agricolo.

Non vedi numeri come questo in quasi tutti gli altri settori. Ma aveva anche un aspetto negativo, dice questo agricoltore:

“La massa è un registratore di cassa, Rabobank lo ha fortemente incoraggiato”

L’alimentazione e l’agricoltura non includono solo l’agricoltura, ma anche, ad esempio, il settore dei supermercati e il commercio di materie prime. Dei 103 miliardi di euro che Rabobank paga nel mondo ha in corso prestiti alimentari e agricoli, gran parte dei quali destinati all’allevamento di bovini e lattiero-caseari – vedere la figura 2 di seguito.

Questi settori sono i principali contributori alle emissioni di azoto in agricoltura. Nel secondo grafico sottostante, Rabobank non fa distinzione tra prestiti nei Paesi Bassi e all’estero.

  • ILLUMINATO

  • ILLUMINATO

Cosa investe Rabobank nell’agricoltura sostenibile?

Rabobank è orgogliosa del fatto che il 75% di tutti gli agricoltori biologici sono suoi clienti. Allo stesso tempo, solo il 4% dell’agricoltura nei Paesi Bassi è biologico. In termini assoluti, quindi, è solo una piccola somma: la banca detto l’anno scorso investire circa 1 miliardo di euro in agricoltura sostenibile.

Rabobank afferma anche che gli agricoltori che investono nella sostenibilità ottengono uno sconto sull’interesse che pagano per un prestito. Inoltre, ci sono investimenti generali in innovazioni che dovrebbero limitare le emissioni di ammoniaca, ad esempio. Secondo il World Wildlife Fund (WWF)partner della banca da molti anni, tali innovazioni offrono un falso senso di sicurezza, perché è meglio affrontare il problema alla fonte.

Innumerevoli storie di agricoltori sollevano interrogativi sulle ambizioni sostenibili di Rabobank. Gli agricoltori che vogliono passare al biologico spesso non possono ottenere un prestito, ha scritto di Volkskrant e NRC. Se vuoi gestire un’attività biologica redditizia come agricoltore, i prezzi del tuo prodotto devono aumentare. Secondo la banca, sono ancora troppo pochi i clienti disposti a pagarlo.

READ  I partiti della coalizione e il gabinetto mantengono ancora la compensazione fiscale sul risparmio | Interno

Nella relazione annuale, il comitato etico interno di Rabobank ha criticato questo atteggiamento così come la promozione delle economie di scala. Il ridimensionamento è più favorevole nelle considerazioni finanziarie degli account manager perché lavorano con modelli di rischio generali. Sulla base di ciò, la banca ritiene che aumentare il proprio business sia meno rischioso che renderlo più sostenibile. Il comitato etico chiede una maggiore personalizzazione.

Rabobank vede una via da seguire principalmente in consultazione con l’intero settore, senza annunciare cambiamenti concreti nella propria politica: “Non c’è dubbio che deve essere più sostenibile e questo richiede un passo in più da parte degli agricoltori, dei consumatori e di noi come Banca “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *