Il Sahelanthropus, il più antico ominide conosciuto, camminava su due gambe 7 milioni di anni fa

Il Sahelanthropus, il più antico ominide conosciuto, camminava su due gambe 7 milioni di anni fa

I risultati di questi studi sono stati quindi confrontati con un campione abbastanza ampio di scimmie e ominidi esistenti e fossili: scimpanzé, gorilla, oranghi, scimmie dell’era Miocene, che va da circa 23 a 5,3 milioni di anni fa, e membri dell’umanità. gruppo musicale: Orrorin, Ardipiteco e altri membri del genere Australopitecoex membri del genere Homo e Homo sapiens.

La struttura del femore lo dimostra sahelantropo di solito si muoveva su due gambe a terra e probabilmente anche sugli alberi.

I risultati dell’ulna mostrano che negli ambienti alberati, questa locomozione bipede coesiste con una forma di locomozione quadrupede. Il Sahelanthropus si arrampicava sugli alberi con una presa salda delle mani, che è chiaramente diversa dal modo di locomozione dei gorilla o degli scimpanzé che fanno affidamento sul dorso delle loro nocche, il cosiddetto knuckle walking.

I risultati dello studio, inclusa l’identificazione della deambulazione bipede, si basano su osservazioni e confronti di più di venti caratteristiche del femore e dell’ulna. Secondo i ricercatori, questa è di gran lunga l’interpretazione più conservativa della combinazione di tutte queste caratteristiche.

Tutti questi dati supportano il concetto di locomozione bipede fin dall’inizio della storia umana, anche se a questo punto sono state impiegate altre modalità di locomozione, dicono.

Lo studio del team franco-ciadiano è pubblicato in Natura. Questo articolo è basato su un comunicato stampa del CNRS.

READ  André van Duin ha cambiato idea: "Ho dei dubbi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *