Il sociologo accusa il governo di sfiducia nello Stato di diritto: “La soluzione sta all’Aia”

Il sociologo accusa il governo di sfiducia nello Stato di diritto: “La soluzione sta all’Aia”

Per risolvere i grandi problemi, il gabinetto può accantonare le regole dello stato di diritto democratico, secondo più di un terzo degli olandesi. Secondo la sociologa Barbara Oomen, è il turno del governo.

La democrazia parlamentare e lo Stato di diritto godono di ampio sostegno. Allo stesso tempo, una minoranza ritiene che al governo dovrebbe essere consentito ignorare la democrazia per affrontare questioni urgenti. Questo emerge da ricercare dal Verwey-Jonker Institute, patrocinato dalla Casa di Anna Frank.

Fai quello che vogliono gli olandesi

Il 37% degli intervistati pensa che “i governi dovrebbero fare ciò che vuole la maggior parte degli olandesi, anche se ci sono leggi che non lo consentono”. Circa lo stesso numero di partecipanti pensa che “i problemi sociali devono essere risolti in modo rapido e deciso. Anche se questo significa meno considerazione dei punti di vista e degli interessi dei diversi gruppi”.

Questi suoni non sono nuovi. Ma la crisi della corona sembra aver rafforzato questa idea, soprattutto tra i 18-24enni.

anche guardare

Ignora giudici e parlamento

Il governo può anche ignorare i partiti di opposizione, secondo il 35%. Per “poter affrontare più rapidamente e con decisione i grandi problemi del Paese”.

Inoltre, un olandese su cinque pensa che il governo possa ignorare le decisioni dei giudici e del parlamento se interferiscono con la politica del governo.

Meno fiducia nel governo

La professoressa di sociologia Barbara Oomen dell’Università di Utrecht definisce le cifre “preoccupanti”, ma non ne è sorpresa. “Il cuore dello stato di diritto è che il governo eletto deve anche rispettare la legge, i diritti fondamentali”. Secondo Oomen, il trattamento riservato dal governo allo stato di diritto è la causa della mancanza di fiducia.

READ  Il Museo Van Gogh lancia il proprio programma di salute mentale

Parla delle misure della corona e dello scandalo degli assegni per l’assistenza all’infanzia. “Se guardi solo al corona, sono state introdotte molte misure al di fuori dello stato di diritto. E qualcosa come il caso del sussidio: un governo che davvero non aderisce ai diritti fondamentali, che ha davvero dato un colpo alla fiducia”.

Stato di diritto trascurato

Oomen pensa che lo stato di diritto sia stato “trascurato”. Indica, tra gli altri, le preoccupazioni degli olandesi riguardo al clima, alla migrazione e alla crisi abitativa. “Ora vedi persone che dicono ‘fai qualcosa, agisci, se necessario togli le leggi di mezzo'”.

Ma il governo non dovrebbe ignorare la legge lì, dice Oomen. Secondo il sociologo, le soluzioni a tali problemi si trovano nella costituzione. Cita come esempio il diritto alla casa. “È nella costituzione, nei trattati internazionali, quindi puoi fare qualcosa anche con quello”.

Può funzionare contro di te

Il professore avverte delle conseguenze dell’ignoranza dello Stato di diritto. “Nel breve termine, ovviamente, può essere bello trovare qualcosa con la maggioranza delle persone. E non devi considerare così tanto le minoranze, con complicati diritti di base che ti impediscono di arrivare da qualche parte più velocemente.

“Ma dove qualcosa del genere potrebbe funzionare per te una volta, potrebbe funzionare contro di te la prossima volta”, dice Oomen.

anche guardare

Propagare attivamente

Parte della soluzione, dice, sta nell’istruzione. I bambini hanno recentemente imparato a conoscere la democrazia, la cittadinanza e lo stato di diritto. Ma guarda soprattutto alla responsabilità degli adulti.

“Non è un problema per i nostri figli. È davvero un problema per il governo, per le persone al potere in questo Paese che non devono solo aderire ai diritti fondamentali e allo stato di diritto, ma anche promuoverlo. attivamente. la soluzione potrebbe risiedere nelle classi scolastiche, ma sicuramente anche all’Aia e in tutti i municipi dei Paesi Bassi”.

READ  Due scienziati molisani, il professor Giovanni M. Piacentino e il dottor Antonio Gioiosa, protagonisti di una scoperta rivoluzionaria al Fermilab di Chicago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *