Poche lezioni apprese dal corona: sembra che ognuno per sé nell’approccio europeo al virus del vaiolo delle scimmie

Questo fine settimana c’è stata una lunga coda al centro vaccinale di Lille, dove anche molti belgi sono stati vaccinati contro il virus del vaiolo delle scimmie. Soddisfano le condizioni francesi di ammissibilità per un’iniezione, ma non quelle belghe. Questi sono costretti a essere più severi a causa della carenza di vaccini nel nostro paese. Tuttavia, l’intenzione era quella di lavorare insieme a livello europeo per evitare divergenze.

Koen Baumers

In Belgio c’erano poco più di tremila vaccini contro il virus del vaiolo delle scimmie, il che rendeva impossibile chiamare tutti i gruppi a rischio. In Francia sì, le persone possono passare anche senza appuntamento.

Ciò ha portato a lunghe code a Lille, appena oltre il confine delle Fiandre occidentali. C’erano fino a 100 iarde in linea sul marciapiede. Anche online ci sono molti belgi che rispettano le regole francesi, ma non quelle belghe. La Francia ha “abbastanza per vaccinare l’intero target di riferimento – circa 250.000 persone”, ha affermato il ministro della Salute francese Francois Braun.

Le 30.000 dosi ordinate per il Belgio sono dovute solo in autunno. Tuttavia, l’Unione europea ha deciso di collaborare più strettamente. “La pandemia di coronavirus ha chiarito che è necessaria un’azione coordinata a livello dell’UE in caso di emergenza sanitaria”, ha affermato la Commissione europea all’inizio dello scorso anno. “Sono emerse lacune in termini di domanda e offerta, preparazione e risposta”.

HERA doveva fornire la soluzione. L’Autorità per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie ha continuato a fornire “una migliore preparazione” e “una migliore risposta a gravi minacce transfrontaliere”. E questo “rendendo rapidamente disponibili, accessibili e distribuite le attrezzature necessarie”.

READ  Perché molti vaccini vengono somministrati in due dosi?

LEGGI ANCHE. Claude d’Anvers testimonia un periodo doloroso con il vaiolo delle scimmie: “Non mi sentivo male, ma un emarginato”

La coda a Lille sabato mattina.

La coda a Lille sabato mattina. ©AFP

Ma la risposta sembra lenta e scoordinata. I primi casi di vaiolo delle scimmie sono comparsi a maggio, ma HERA non ha ordinato le prime dosi fino a metà giugno. A quel punto Germania e Spagna avevano già effettuato i propri ordini. L’Organizzazione mondiale della sanità ha esortato l’UE a prendere più sul serio il virus all’inizio di luglio poiché il 90% dei casi si trovava in questo continente.

HERA ha incrementato a metà luglio l’ordine a un totale di 163.620. Nel frattempo, in Europa sono stati confermati 13.000 casi, di cui circa 500 in Belgio. Per fare un confronto, l’Australia, dove sono stati contati 57 casi, ha immediatamente ordinato 450.000 dosi. La scorsa settimana, il presidente Joe Biden ha dichiarato un’emergenza sanitaria pubblica negli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.