Il talento belga Alec Segaert appare come una matricola nel titolo europeo a cronometro con promesse

Il talento belga Alec Segaert appare come una matricola nel titolo europeo a cronometro con promesse

© VDB

Il belga Alec Segaert, 19 anni, è diventato campione europeo Under 23 a cronometro giovedì ad Anadia, in Portogallo. Il campione europeo junior uscente nella cronometro ha vinto con ampio margine.

Vincent Van GenechtenFonte: Belgio

Dopo che i giovani belgi avevano già vinto due medaglie sul passo nella prima giornata dei Campionati Europei di Ciclismo Giovanile ad Anadia, la giornata si è conclusa gloriosamente per i belgi con la vittoria di Segaert nell’under 23 maschile. Nel suo primo anno, il promettente corridore delle Fiandre occidentali è stato uno dei corridori più giovani del gruppo, ma è stato comunque di gran lunga il più veloce in una difficile cronometro di 22 chilometri.

Segaert ha ottenuto 27:26 nel suo test del tempo sul giro, buono per una velocità media di oltre 48 chilometri orari. Era non meno di cinquanta secondi più veloce del numero due, il croato Fran Miholjevic. Il francese Eddy Le Huitouze è arrivato terzo a 51 secondi. Anche il secondo belga, Jonathan Vervenne, ha fatto un ottimo lavoro: ha fatto 1h10 in più su strada di Segaert ed è arrivato quinto su 43 partecipanti.

Qui viene inserito il contenuto di un social network che vuole scrivere o leggere cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Segaert, che gioca per la squadra di allenamento di Lotto Soudal, viene ammonito come un grande talento contro il tempo. L’anno scorso ha vinto il titolo europeo a cronometro a Trento, in Italia, da junior, poi davanti a Cian Uijtdebroeks. All’inizio di quest’anno, Segaert ha già vinto il titolo belga a cronometro al suo primo anno nella categoria U23 ed è arrivato secondo nella cronometro del Triptyque des Monts et Châteaux.

READ  Coronavirus, l'analisi della Gimbe Foundation: "Inizio terza ondata"

Nella cronometro femminile under 23 di Anadia, giovedì il titolo europeo è andato all’olandese di ciclocross/strada Shirin van Anrooij. Con un quarto posto a 1h03 da Van Anrooij, il fiammingo Shari Bossuyt è caduto poco prima del podio.

“Incredibile”

“È incredibile”, ha detto Segaert al sito web di Lotto Soudal. “Ero già molto felice di aver potuto conquistare il titolo da secondo junior l’anno scorso e ora lo sto facendo da rookie nell’U23. Non me lo aspettavo affatto e di certo non cinquanta secondi di vantaggio. È pazzesco Prima pensavo che sarebbe stato bello salire sul podio, perché l’opposizione è forte.

“Non avevamo una cronometro internazionale come riferimento in questa stagione, ma ho corso con loro in gare come il Giro. Vincere con un tale vantaggio è al di là delle parole. Sono molto orgoglioso di questo risultato. »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *