Il team della missione Lucy della NASA scopre la luna attorno all’asteroide Polymele

La NASA afferma di attribuire un’alta priorità alla risoluzione di questi misteri, motivo per cui Lucy è stata lanciata il 6 ottobre 2021.

La navicella prende il nome dal fossile del primo ominide Lucy, perché lo studio degli asteroidi troiani ha potuto scoprire i “resti fossili della formazione dei pianeti”, un materiale che si è ammassato insieme all’inizio della storia del sistema solare per formare i pianeti e altri corpi celesti.

La squadra di Lucy inizialmente aveva pianificato di volare vicino a un asteroide della cintura principale e sei asteroidi troiani.

La “cintura principale” è quella che è conosciuta come la cintura principale o cintura di asteroidi, una regione tra Marte e Giove dove la più grande concentrazione di asteroidi o asteroidi orbita attorno al sole. Gli asteroidi troiani sono asteroidi che si muovono in un’orbita stabile attorno a uno dei cosiddetti punti di Lagrange L4 e L5 dell’orbita di un pianeta.

In questo caso, si tratta di Jupiter Trojans, una popolazione di asteroidi precedentemente inesplorati nell’orbita del pianeta Giove attorno al sole. Un gruppo, i Greci, è in orbita davanti a Giove, il secondo, i Troiani, segue Giove.

Inizialmente Lucy doveva quindi visitare sette asteroidi, ma nel gennaio 2021, grazie al telescopio spaziale Hubble, il team ha scoperto che uno degli asteroidi troiani, Eurybates, aveva un piccolo satellite.

Quindi è cresciuto fino a otto asteroidi e ora con questo satellite appena scoperto Lucy è in viaggio per visitare nove asteroidi nel suo viaggio di 12 anni.

“Lo slogan di Lucy era originariamente ’12 anni, sette asteroidi, una navicella spaziale'”, ha detto lo scienziato Tom Statler al quartier generale della NASA a Washington. “Dobbiamo cambiare lo slogan di questa missione ancora e ancora, ma è un buon problema da avere”.

READ  Coronavirus, 38 nuovi contagiati nella regione di Forlì. Un uomo di 75 anni muore

Questo articolo è basato su un comunicato stampa del Goddard Space Flight Center della NASA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.